FLOATING ARCHITECTURE IN THE MAXXI PIAZZA – ROME

03_YAPMAXXI2013_BAM_He_view

03_YAPMAXXI2013_BAM_He_view

FLOATING ARCHITECTURE IN THE MAXXI PIAZZA
The He installation by the Turin studio
bam! bottega di architettura metropolitana

wins YAP MAXXI 2013
a project realised in partnership with MoMA/MoMA PS1,
the Constructo association of Santiago and Istanbul Modern

THE INSTALLATION IN THE MAXXI PIAZZA IN JUNE
with all the shortlisted projects on show in the four institutions
www.fondazionemaxxi.it

Rome, 5 February 2013. Grandiose, buoyant architecture, floating in the air above the MAXXI piazza, from June 2013 and throughout the summer season, creating shade and plays of water during the day and light at night. This is the He installation by the Turin studio bam! bottega di architettura sostenibile, the winner of YAP MAXXI 2013, the programme for the promotion and support of young architecture organized by MAXXI Architettura in association with MoMA/MoMA PS1 of NY, Constructo of Santiago and, for the first time, Istanbul Modern (Turkey).

An international jury chose the winning project for YAP MAXXI 2013, the third edition of the competition, from a shortlist of five finalists.

The He installation will be realised over the next few months and inaugurated in the MAXXI piazza on 20 June 2013, at the same tome as the Party Wall project by CODA (winner of YAP 23013 in New York) in the MoMA/MoMA PS1 courtyard and Sky Stopping Stop by the Istanbul based office SO? (winner of YAP 2013 in Turkey) in the Istanbul Modern piazza.  At Santiago instead, the installation The Garden of Forking Paths by Beal + Lyons Architects (winner of the Chilean edition of YAP 2012) will be inaugurated on 7 March 2013.

All the shortlisted projects will be on show in a unique exhibition presented in the four partner institutions.

He is a large-scale aerostatic installation rising above the MAXXI piazza that will float in the air casting its shadow on the grass and a surrounding wooden platform:  a place for rest, recreation and relaxation. During the day, water will drip from the aerostatic prism, ideally delimiting the space beneath the volume and creating a refreshing curtain for the public.  As night falls, the water will be replaced by light as the aerostat transforms into a lantern suspended in the sky.

Large dimensions and lightness, innovation and flexibility, transparency and sustainability are the key features of He which, at the end of the summer, will be deflated with the helium being recovered for use in scientific and medical research.

bam! bottega di architettura metropolitana
Alberto Bottero, Valeria Bruni, Simona Della Rocca, Fabio Vignolo
A group of young Turinese architects who trained at Turin Polytechnic. The architects furthered their studies with exchange programmes at European universities, working placements abroad and degree theses in the United States, India and Japan.

Giovanna Melandri, president of Fondazione MAXXI: “The collaboration with MoMA and other prestigious institutions, is well-established. This international network supporting young talent perfectly reflects MAXXI’s mission and contributes to a reinforcing of the museum’s role on the international scene.  Next days I shall be in New York to meet Glenn Lowry, director of MoMA, with the hope that the relationship fostered between the two museums may form the basis for new joint ventures.”

Margherita Guccione, director of MAXXI Architettura:“I believe that this year’s YAP MAXXI winning project’s strength lies in a well-judged synthesis of poetry and technology and in the experimental and innovative approach to the theme of the museum’s public space and the encounter with Zaha Hadid’s great building.”

Pippo Ciorra, senior curator, MAXXI Architettura: “The BAM studio’s project perfectly encapsulates the three essential qualities of the YAP programme: the valorization of the public space in an unusual and sustainable fashion, as is the case at the other sites around the world, the tackling of the museum architecture “head on” and the courageous exploration of the crucial theme of powerful yet construction-free architecture.”

The YAP – Young Architects Program is aimed at young designers (recent graduates, architects, designers and artists) to whom it offers and opportunity to conceive and built a temporary space or live summer events in the large courtyard at MoMA PS1 in New York and the piazza at MAXXI in Rome. The highly innovative designs are required to respond to a brief citing environmental issues such as sustainability and recycling.

YAP MAXXI 2013 – THE OTHER FINALISTS

AKO-architettura a kilometro zero (Rome, Italy, Gianni Puri, Laura Di Virgili, Alessandra Fasoli, Stefan Pollak, Enrica Siracusa); LABORATORIO PERMANENTE (Milan, Italy, Angelica Sylos Labini, Nicola Russi); Matilde Cassani (Milan, Italia); LOOP Landscape & Architecture Design Network (Rotterdam, The Netherlands, Silvia Lupini, Francesca Sartori).

YAP INTERNATIONAL Over the years the YAP programme has expanded to include alongside MoMA/MoMA PS1 where it originated in 1998, MAXXI in Rome, the Association Constructo in Santiago de Chile and Istanbul Modern in Istanbul (Turkey).

YAP MoMA/MoMA Ps1 (USA)

CODA (Caroline O’Donnell, Ithaca, NY) is the winner of the 14th edition of the MoMA/MoMA PS1 Young Architects Program. Chosen from a shortlist of five finalists, the project will be the setting for the Warm Up 2013 summer music series held in the MoMA PS1 courtyard. The Party Wall project that will be inaugurated in late June is an experimental space of great impact, a linear form that will provide shade for museum visitors. The project was selected for its intelligent use of local recycled materials (skateboard offcuts) to create an architectural statement that is both powerful and poetic, demonstrating how the most diverse materials may be reinvented to create architectural forms and communicate with the public.
YAP Istanbul Modern (Turkey)

Sky Spotting Stop by SO? (Sevince Bayrak & Oral Göktaş) is a temporary site-specific installation which shades the courtyard of Istanbul Modern while floating gently on the hidden waters of Bosphorus.

This ephemeral, gliding addition to the silhouette of the city serves as an intriguing spot for the courtyard which is partly isolated from urban flow despite its very central location. While the illuminated mirror plates create an invariably changing background for night events, they provide constantly swinging shadows during the day.

On the ground, an altering landscape made of mobile reused elements transforms the courtyard to a new stop for sitting, resting, gathering, playing or sky spotting.

 

YAP Constructo (Chile)

YAP Chile further extends the Young Architects Program offering emerging Latin American talents an expressive platform on which they may conceive, explore and improve the quality of public spaces for summer events, paying particular attention to the sustainability of the projects, a key factor in the intelligent and creative use of resources. The winning project from 2012 The Garden of Forking Paths by BEAL + LYONS ARCHITECTS (Alejandro Beals and Loreto Lyon), is a labyrinth of vegetation inspired by the writings of Jorge Luis Borges and the gardens of Versailles. The structure, to be inaugurated on 7 March 2013, creates elements of discovery and surprise for the visitors exploring the possibilities of the public space, its atmospheres and its environments.

MAXXI – National Museum of XXI Century Arts
www.fondazionemaxxi.it

info: 06.399.67.350; info@fondazionemaxxi.it
opening hours: 11.00 – 19.00 – closed: Mondays, 1st May and 25th December

MAXXI PRESS OFFICE – +39 06 322.51.78, press@fondazionemaxxi.it

 

01_YAPMAXXI2013_BAM_He_view

01_YAPMAXXI2013_BAM_He_view

UN’ARCHITETTURA FLUTTUANTE  NELLA PIAZZA DEL MAXXI
l’installazione He dello studio torinese bam! bottega di architettura metropolitana

vince YAP MAXXI 2013
progetto realizzato in partnership con il MoMA/MoMA PS1
Associazione Constructo di Santiago del Cile e Istanbul Modern

A GIUGNO L’INSTALLAZIONE NELLA PIAZZA DEL MAXXI
e tutti i progetti finalisti in mostra  nelle 4 istituzioni
www.fondazionemaxxi.it

Roma 5 febbraio 2012. Un’architettura grande e leggera, che fluttua in aria sopra la piazza del MAXXI, a partire da giugno 2013 per tutto il periodo estivo, creando ombra e giochi d’acqua di giorno e luce di notte. E’ l’installazione He, dello studio torinese bam! bottega di architettura sostenibile, vincitore di YAP MAXXI 2013, il programma di promozione e sostegno della giovane architettura organizzato dal MAXXI Architettura in collaborazione con il MoMA/MoMA PS1 di NY, Constructo di Santiago del Cile e, per la prima volta, Istanbul Modern (Turchia).

Una giuria internazionale ha scelto tra una rosa di cinque finalisti il progetto vincitore per YAP MAXXI 2013, quest’anno alla terza edizione.

L’installazione He sarà realizzata nei prossimi mesi e inaugurata nella piazza del MAXXI il 20 giugno 2013, contemporaneamente ai progetti Party Wall di CODA di Ithaca-NY (vincitore di YAP 2013 a New York) nel cortile del MoMA/MoMA Ps1 e Sky Spotting Stop dello studio SO? di Istanbul (vincitore di YAP 2013 in Turchia) nella piazza di Istanbul Modern.  A Santiago del Cile invece, l’installazione The Garden of Forking Paths dello studio Beal + Lyons Architects (vincitore dell’edizione cilena di YAP 2012) sarà inaugurata il prossimo 7 marzo 2013.

Tutti i progetti finalisti verranno esposti in una unica mostra allestita nelle quattro sedi delle istituzioni coinvolte.

He è un’installazione aerostatica di grandi dimensioni che, alzandosi sopra la piazza del MAXXI, fluttua nell’aria proiettando la sua ombra sull’erba e su una piattaforma di legno tutto intorno: luogo di sosta, gioco e relax. Durante il giorno, dal perimetro del prisma aerostatico gocciola acqua che delimita idealmente lo spazio sotto il volume e crea una cortina rinfrescante per il pubblico. Quando scende la notte, l’acqua lascia il posto alla luce che trasforma l’aerostato in una lanterna sospesa nel cielo.

Grandi dimensioni e leggerezza, innovazione e flessibilità, trasparenza e sostenibilità sono le caratteristiche di He che, alla fine dell’estate, sarà sgonfiato e l’elio sarà recuperato e impiegato nella ricerca scientifica e medica.
bam! bottega di architettura metropolitana, Torino
Alberto Bottero, Valeria Bruni, Simona Della Rocca, Fabio Vignolo
E’ un collettivo di giovani architetti torinesi formati al Politecnico di Torino. Hanno arricchito i propri studi seguendo programmi di scambio presso università europee, esperienze lavorative all’estero e tesi di laurea negli Stati Uniti, in India e Giappone.

Giovanna Melandri, Presidente Fondazione MAXXI: “La collaborazione del MAXXI con il MoMA, come con altre prestigiose istituzioni, è ormai consolidata. Questo network internazionale a sostegno dei giovani talenti risponde a pieno alla missione del museo e contribuisce a rafforzare il ruolo del MAXXI nel panorama internazionale. Sono in partenza per NY dove incontrerò Glenn Lowry, direttore del MoMA, nell’auspicio che il rapporto già instaurato tra i due musei possa essere foriero di nuove attività congiunte”.

Margherita Guccione, Direttore MAXXI Architettura: ”Credo che il progetto vincitore di YAP MAXXI di quest’anno trovi la sua forza  in una giusta sintesi tra poesia e tecnologia e nell’approccio sperimentale e innovativo sul tema dello spazio pubblico del museo  e del confronto con il grande edificio di Zaha Hadid”

Pippo Ciorra, Senior Curator MAXXI Architettura: Il progetto dello studio bam! incarna alla perfezione le tre qualità essenziali del programma YAP: qualifica lo spazio pubblico in modo inusuale e sostenibile, così come avviene nelle altre sedi nel mondo; affronta “a viso aperto” l’architettura del museo; esplora con coraggio il tema cruciale di un’architettura potente eppure priva di costruzione.


YAP – Young Architects Program

è rivolto a giovani progettisti (neolaureati, architetti, designer e artisti) ai quali offre l’opportunità di ideare e realizzare uno spazio temporaneo per eventi live estivi, nel grande cortile del MoMA PS1 a New York e nella piazza del MAXXI a Roma. I progetti, altamente innovativi, devono rispondere a linee guida orientate a temi  ambientali, quali sostenibilità e riciclo.
YAP MAXXI 2013 – GLI ALTRI I FINALISTI

AKO-architettura a kilometro zero (Roma, Italy, Gianni Puri, Laura Di Virgili, Alessandra Fasoli, Stefan Pollak, Enrica Siracusa); LABORATORIO PERMANENTE (Milano, Italy, Angelica Sylos Labini, Nicola Russi); Matilde Cassani (Milano, Italia); LOOP Landscape & Architecture Design Network (Rotterdam, The Netherlands, Silvia Lupini, Francesca Sartori).


YAP INTERNATIONAL
Il programma YAP negli anni si è allargato coinvolgendo, oltre al MoMA/MoMA PS1 dove è nato nel 1998, il MAXXI di Roma, l’Associazione Constructo di Santiago del Cile e Istanbul Modern a Istanbul (Turchia).

 

YAP MoMA/MoMA Ps1 (USA)

CODA (Caroline O’Donnell, Ithaca, NY) è lo studio vincitore della 14 edizione dello Young Architects Program del MoMA/MoMA PS1. Scelto tra cinque finalisti, il progetto sarà l’ambientazione per il programma musicale estivo Warm Up 2013 che si tiene nel cortile del MoMA PS1. Il progetto Party Wall che verrà inaugurato alla fine di giugno è uno spazio sperimentale di grande impatto, una forma lineare che fornirà ombra al pubblico del museo. Il progetto è stato scelto per l’uso intelligente di materiale di riuso locale (scarti di skateboard) che è servito a realizzare una dichiarazione architettonica allo stesso tempo di forte impatto e poetica, dimostrando come i materiali più diversi possano essere reinventati per realizzare forme architettoniche e comunicare con il pubblico.

 

YAP Istanbul Modern (Turchia)

Lo sudio SO? (Sevince Bayrak & Oral Göktaş) con sede a Istanbul è il vincitore della prima edizione di YAP al museo Istanbul Modern con il progetto Sky Spotting Stop. Si tratta di una installazione temporanea site specific  che crea ombra nel cortile del museo, fluttuando dolcemente sulle invisibili acque del Bosforo. Questa struttura leggera  si aggiunge alla silhouette della città e crea nel cortile del museo uno spazio intimo, isolato dal flusso urbano nonostante la sua posizione centrale. Dischi specchianti illuminati creano un vivace sfondo per gli eventi notturni, mentre di giorno creano costantemente ombra. Sul pavimento, sedute in pneumatici riciclati trasformano il cortile in uno spazio per sedersi, riposare, ritrovarsi, giocare  o guardare il cielo.

 

YAP Constructo (Cile)

YAP Chile allarga ancora il progetto Young Architects Program offrendo ai giovani talenti latino americani una piattaforma espressiva in cui sia possibile pensare, esplorare, migliorare la qualità degli spazi comuni per eventi estivi, sempre attenti alla sostenibilità dei progetti considerata fondamentale per un uso intelligente e creativo delle risorse. Il progetto vincitore del 2012 The Garden of Forking Paths di BEAL + LYONS ARCHITECTS (Alejandro Beals e Loreto Lyon), è un labirinto di vegetazione ispirato agli scritti di Jorge Luis Borges e ai giardini di Versailles. La struttura, che verrà inaugurata il prossimo 7 marzo 2013, crea elementi di scoperta e sorpresa per i visitatori, che esplorano le possibilità dello spazio pubblico, le sue atmosfere e i suoi ambienti.
MAXXI_Museo nazionale delle arti del XXI secolo
www.fondazionemaxxi.it
 | info: 06.399.67.350; info@fondazionemaxxi.it
orario di apertura: 11.00 – 19.00 – giorni di chiusura: chiuso il lunedì, il 1° maggio e il 25 dicembre

UFFICIO STAMPA MAXXI – +39 06 322.51.78, press@fondazionemaxxi.it

.-.-.-.

YAP MAXXI 2013 – Progetti finalisti (Descrizioni brevi ITA+ENG)

AK0 ARCHITETTURA A KILOMETRO ZERO

Borderline

Tema di Borderline è il limite inteso come elemento architettonico che definisce lo spazio e lo misura.

Il progetto consiste in una parete rivestita di legno che, variando in spessore e altezza, si trasforma in rampa, luoghi di sosta e terrazze affacciate sul MAXXI e sul quartiere circostante. Oltre a tagliare trasversalmente la piazza, la parete sale infatti sino a 3 metri di altezza per poi scendere a delimitare un intimo belvedere erboso.

Il carattere temporaneo dell’installazione fa sì che l’intero progetto possa essere smontato e riallestito altrove in città.

.-.-

Borderline aims at investigating the concept of the border intended as an architectural element defining and providing the measurement for the space it contains.

The project consists of a wooden wall which, through its variable thickness and height, alternatively acts as a promenade, areas to stop and rest, and terraces facing onto both MAXXI and the surrounding area. Besides crossing the museum’s piazza, the wall rises up to 3 meters above the floor and then descends back down to create a green belvedere.

The temporary nature of the project enables the installation to be entirely dismantled and rebuilt elsewhere in the city.

 

bam bottega di architettura metropolitana

He

He è un’installazione aerostatica di grandi dimensioni che, alzandosi dalla piazza del MAXXI, fluttua nell’aria proiettando la sua ombra sul tappeto erboso e la piattaforma di legno allestiti come aree per la sosta, il gioco e il relax.

L’interazione con il pubblico avviene attraverso il contatto con l’acqua che, gocciolando lungo il perimetro del prisma aerostatico, crea una cortina rinfrescante per delimitare idealmente lo spazio sotto il volume. Quando scende la notte, l’acqua lascia il posto alla luce che trasforma l’aerostato in una lanterna sospesa nel cielo.

Al termine dell’istallazione, il prisma sarà sgonfiato e l’elio sarà recuperato e impiegato nella ricerca scientifica e medica.

.-.-.

He is a large-scale balloon floating above the MAXXI piazza, providing shadow to the lawn and wooden platform on the ground both equipped with areas for play and rest.

Interaction with people takes place through the dripping of water flowing along the base of the suspended balloon which provides a chilling curtain virtually defining the area underneath. When the night falls, water is replaced by artificial light turning the balloon into a suspended lantern.

After the installation, helium will be recovered from the deflated balloon and reused for scientific and medical research.

 

LABORATORIO PERMANENTE

SPRINGING MAXXI

Lo spazio pubblico di fronte al MAXXI viene interpretato come una delle numerose piazze romane, ricche di spettacolari elementi urbani tra cui spiccano le fontane.

Il progetto ricorre quindi al tema dell’acqua, proponendo una grande cascata circolare che, durante i mesi estivi, offrirà refrigerio ai visitatori del museo e, dopo il tramonto, si accenderà come un’installazione luminosa e farà da scenografia alle attività che animeranno la piazza, la cui superficie sarà attrezzata con nastri di manto erboso, sedute e pensiline per la sosta.

.-.-.

The public space in front of the MAXXI is perceived as one of the many Roman piazzas, rich with spectacular urban elements such as fountains.

The project addresses the issue of water, placing a large circular fountain which, during the summer months, will provide a cooling attraction for the museum visitors: After the sunset, the fountain will be switched on as a light installation, acting as a backdrop for all the events enlivening the piazza equipped with ribbons of grass, seats and canopies for relaxation.


LOOP Landscape & Architecture Design-NETWORK

Oltre il giardino

Oltre il giardino è l’evocazione di un paesaggio naturale nel cuore pulsante dello spazio urbano, una serie di bianche colline artificiali che ospitano nuvole di acqua nebulizzata, pini sotto i quali sdraiarsi per ripararsi dal sole e macchie di vegetazione eterogenea i cui colori si mescolano e contrastano con il candore del morbido paesaggio ondulato, per offrire un’immagine in movimento della piazza del museo.

Il MAXXI diventa così un luogo in cui ristabilire un contatto ancestrale con la natura, sognare o smarrirsi, dimenticando il caos delle grandi città, dove, soprattutto, il visitatore è protagonista del percorso museale anche all’esterno dell’edificio.

.-.-.-.

Oltre il giardino evokes a natural landscape at the very core of the urban fabric, as a series of soft white artificial hills equipped with clouds of mist, pine trees to lie in the shade and spots of heterogeneous vegetation, bringing a colorful contrast to the candid and soft landscape, enlivening the museum piazza.

The MAXXI becomes a place to look back for an original connection with Nature, somewhere to get lost and dream, forgetting the noise and chaos of the city outside, a place where the visitor plays a key role in the walk across the museum as well on its outdoor space.

 

Matilde Cassani

Ground atlas

Ground atlas, è un ambiente a metà strada tra un paesaggio naturale e uno spazio pubblico tipicamente urbano.

Il suo piano inclinato realizzato in assi di legno è un pezzo ritagliato dall’Italia dei mesi estivi: una piazza con le bancarelle, una spiaggia con gli ombrelloni, una fontana con la gente seduta sul bordo e i piedi immersi nell’acqua.

Ground atlas possiede l’informalità e la leggerezza della spiaggia e la retorica scenica di una fontana barocca. Il risultato è un nuovo luogo, generoso e ambiguo ma soprattutto inedito, dove trovarsi per la prima volta.

.-.-.

Ground atlas is a hybrid project. It takes inspiration from public places, both natural and artificial.

Its wooden slope is a portion of Italy during the summer months: a square with stalls, a crowded beach with beach umbrellas, a fountain with people sitting on the edges, keeping their feet in the water.

Ground atlas is informal and accessible as a beach or monumental as a baroque fountain. It is a new place, wide and flexible, as yet unseen.