LA BIENNALE DI VENEZIA, TITLE AND THEME 14TH ARCHITECTURE BIENNALE CURATED BY REM KOOLHAAS

la Biennale di Venezia
14th International Architecture Exhibition/ Fundamentals
curated by Rem Koolhaas
Venice (Arsenale and Giardini), 7 June – 23 November 2014
Preview on 5 – 6 June 2014

Venice, 25 January 2013 – The President of la Biennale di Venezia, Paolo Baratta, accompanied by the curator of the 14th International Architecture Exhibition, Rem Koolhaas, met today at Ca’ Giustinian with the representatives of the 40 Countries participating in the 14th Exhibition, which will take place from 7 June to 23 November 2014 at the Giardini and at the Arsenale (Preview on 5 and 6 June) and in various other venues in Venice.

The title chosen by Rem Koolhaas for the 14th International Architecture Exhibition is:
Fundamentals

Rem Koolhaas has stated: “Fundamentals will be a Biennale about architecture, not architects. After several Biennales dedicated to the celebration of the contemporary, Fundamentals will focus on histories – on the inevitable elements of all architecture used by any architect, anywhere, anytime (the door, the floor, the ceiling etc.) and on the evolution of national architectures in the last 100 years. In three complementary manifestations – taking place in the Central Pavilion, the Arsenale, and the National Pavilions – this retrospective will generate a fresh understanding of the richness of architecture’s fundamental repertoire, apparently so exhausted today.

In 1914, it made sense to talk about a “Chinese” architecture, a “Swiss” architecture, an “Indian” architecture. One hundred years later, under the influence of wars, diverse political regimes, different states of development, national and international architectural movements, individual talents, friendships, random personal trajectories and technological developments, architectures that were once specific and local have become interchangeable and global. National identity has seemingly been sacrificed to modernity.

Having the decisive advantage of starting work a year earlier than the Biennale’s typical schedule, we hope to use this extra time to introduce a degree of coordination and coherence among the National Pavilions. Ideally, we would want the represented countries to engage a single theme – Absorbing Modernity: 1914-2014 – and to show, each in their own way, the process of the erasure of national characteristics in favour of the almost universal adoption of a single modern language in a single repertoire of typologies.

The First World War – the beginning of modern globalization – serves a starting point for the range of narratives. The transition to what seems like a universal architectural language is a more complex process than we typically recognize, involving significant encounters between cultures, technical inventions and imperceptible ways of remaining “national.” In a time of ubiquitous google research and the flattening of cultural memory, it is crucial for the future of architecture to resurrect and expose these narratives.

By telling the history of the last 100 years cumulatively, the exhibitions in the National Pavilions will generate a global overview of architecture’s evolution into a single, modern aesthetic, and at the same time uncover within globalization the survival of unique national features and mentalities that continue to exist and flourish even as international collaboration and exchange intensify…

The President Paolo Baratta explained the evolution of the Architecture Biennale and consequently the choice of Rem Koolhaas:
“We are universally recognized as the most important event in the world for Architecture; we are the place where Architecture talks about itself and meets life and society at large. For this reason over the past few years our choices of curators and themes have been based on the awareness of the gap between the “spectacularization” of architecture on the one hand, and the waning capacity of society to express its demands and its needs on the other hand. The architects are called upon prevalently to create awe-inspiring buildings and the “ordinary” is going astray, towards banality if not squalor: a modernity lived bad.
At the culmination of this process we have asked Rem Koolhaas to engage himself in an original research project.
The Exhibition is also evolving in the way it is organized. Born as an “imitation” of the Art Exhibition and developed to “invite” architects to bring us their installations, just like for the Art Biennale, it is evolving into a major Exhibition-research project conducted directly by the curator (who is in fact appointed as the director of the Architecture sector of the Biennale). The countries are offered the opportunity for a better integration into this research project. The Exhibition will be enhanced by an increasing number of activities throughout its duration, with workshops and seminars that enrich it as an active-Exhibition. For this reason we have decided to anticipate the opening date to the 7th of June and to make the Exhibition last as long as the Art Exhibition (about 6 months).”

The 14th International Architecture Exhibition of la Biennale di Venezia will also present, as is traditional, the National Participations with their own exhibitions in the Pavilions at the Giardini and at the Arsenale, and in the historic city centre of Venice.

This edition will also include selected Collateral Events, presented by international entities and institutions, which will present their exhibitions and initiatives in Venice concurrently with the 14th Exhibition.

Official websites: www.labiennale.org

For further information
Architecture Press Office
la Biennale di Venezia
Tel. +39 041 5218846 / 849
e-mail: infoarchitettura@labiennale.org
FB: La Biennale di Venezia | @twitter.com/la_Biennale

la Biennale di Venezia
14. Mostra Internazionale di Architettura / Fundamentals

curata da Rem Koolhaas
Venezia
(Arsenale e Giardini), 7 giugno – 23 novembre 2014
(vernice 5 e 6 giugno 2014)

Venezia, 25 gennaio 2013 – Il Presidente della Biennale di Venezia, Paolo Baratta, accompagnato dal Curatore della 14. Mostra Internazionale di Architettura, Rem Koolhaas, ha incontrato oggi a Ca’ Giustinian i rappresentanti di 40 Paesi partecipanti alla 14. Mostra, che si svolgerà dal 7 giugno al 23 novembre 2014 ai Giardini e all’Arsenale (vernice 5 e 6 giugno) nonché in vari luoghi di Venezia.

Il tema scelto da Rem Koolhaas per la 14. Mostra Internazionale di Architettura è
Fundamentals

Rem Koolhaas ha dichiarato:

Fundamentals sarà una Biennale sull’architettura, non sugli architetti. Dopo diverse Biennali dedicate alla celebrazione del contemporaneo, Fundamentals si concentrerà sulla storia – sugli inevitabili elementi di tutta l’architettura utilizzati da ogni architetto, in ogni tempo e in ogni luogo (la porta, il pavimento, il soffitto, etc.) e sull’evoluzione delle architetture nazionali negli ultimi 100 anni. In tre manifestazioni complementari – che si svolgeranno al Padiglione Centrale, all’Arsenale e nei Padiglioni Nazionali – questa retrospettiva darà luogo a una rinnovata comprensione della ricchezza del repertorio di fondamenti dell’architettura, che attualmente sembra essere esaurito.

Nel 1914 aveva senso parlare di architettura “cinese”, architettura “svizzera”, architettura “indiana”. Cent’anni dopo, sotto la pressione di guerre, regimi politici diversi, molteplici condizioni di sviluppo, movimenti architettonici nazionali e internazionali, talenti individuali, amicizie, traiettorie personali casuali e sviluppi tecnologici, le architetture che un tempo erano specifiche e locali sono diventate intercambiabili e globali. Sembra che l’identità nazionale sia stata sacrificata sull’altare della modernità.

Grazie al decisivo vantaggio di poter avviare i lavori con un anno di anticipo rispetto al consueto programma della Biennale, speriamo di utilizzare questo tempo in più per introdurre un certo livello di coordinamento e coerenza tra le Partecipazioni Nazionali. Idealmente ci piacerebbe coinvolgere tutti i Paesi rappresentati su un unico tema – Absorbing Modernity: 1914-2014 – e indurli a mostrare, ciascuno a modo proprio, il processo di annullamento delle caratteristiche nazionali a favore dell’adozione su scala quasi universale di un singolo linguaggio moderno all’interno di un singolo repertorio di tipologie.

La prima guerra mondiale – l’inizio della globalizzazione moderna – funge da punto di partenza delle diverse narrazioni. La transizione verso ciò che sembra essere un linguaggio architettonico universale è un processo più complesso di quanto solitamente riconosciuto, poiché coinvolge significativi incontri tra culture, invenzioni tecniche e modalità impercettibili di restare “nazionali”. In un’epoca di universale utilizzo di google research e al tempo stesso di appiattimento dalla memoria culturale, è essenziale per il futuro dell’architettura far riemergere e mostrare questi racconti.

Raccontando in modo cumulativo la storia degli ultimi 100 anni, le mostre che si svolgeranno all’interno dei Padiglioni Nazionali daranno luogo a una panoramica globale dell’evoluzione dell’architettura verso un’unica estetica moderna e, allo stesso tempo, sveleranno all’interno della globalizzazione la sopravvivenza di caratteristiche e mentalità nazionali uniche che continuano ad esistere e fiorire all’interno delle culture individuali, anche con l’intensificarsi della collaborazione e dello scambio internazionali…”.

Il Presidente Paolo Baratta ha fatto il punto sull’evoluzione della Biennale Architettura e di conseguenza sulla scelta di Rem Koolhaas:

“Siamo universalmente riconosciuti come il più importante appuntamento del mondo per l’Architettura; siamo il luogo dove l’Architettura parla di se stessa e incontra la vita e la società civile. Proprio per questo negli ultimi anni siamo partiti dalla constatazione della separatezza e del divario tra la “spettacolarizzazione” dell’architettura da un lato, e della scarsa capacità di esprimere domanda ed esigenze da parte della società civile dall’altro. Gli architetti sono stati chiamati prevalentemente a realizzare opere stupefacenti e l’«ordinario» è alla deriva, verso la banalità quando non lo squallore: una modernità mal vissuta.

Al culmine di questo percorso abbiamo chiesto a Rem Koolhaas di impegnarsi su questo terreno con una ricerca originale.

La Mostra evolve anche nelle sue modalità organizzative. Nata ad “imitazione” della Mostra d’Arte e sviluppata per “inviti” ad architetti a portarci le loro istallazioni, così come si fa per l’Arte, si evolve verso una grande Mostra-ricerca condotta direttamente dal curatore (che è per l’appunto nominato direttore del settore Architettura della Biennale). Ai paesi viene offerta l’opportunità di meglio inserirsi nell’ambito di questa ricerca. La Mostra si arricchisce sempre più di attività lungo tutto il periodo della sua apertura, con workshop, laboratori e seminari che la integrano come Mostra-attiva. Per questo abbiamo deciso di anticipare l’apertura al giorno 7 giugno e di dare una durata alla Mostra pari a quella della Mostra d’Arte (circa 6 mesi).”

La 14. Mostra Internazionale di Architettura della Biennale di Venezia presenterà inoltre, come di consueto, le Partecipazioni nazionali, con proprie mostre nei Padiglioni ai Giardini e all’Arsenale, oltre che nel centro storico di Venezia.

Anche per questa edizione si prevedono selezionati Eventi collaterali, proposti da enti e istituzioni internazionali, che allestiranno le loro mostre e le loro iniziative a Venezia in concomitanza con la 14. Mostra.

Sito web ufficiale della 14. Mostra: www.labiennale.org

Per ulteriori informazioni
Ufficio Stampa Architettura della Biennale di Venezia
Tel. 041 – 5218846/849
e-mail: infoarchitettura@labiennale.org

FB: La Biennale di Venezia | @twitter.com/la_Biennale