Biennale di VeneziatextsTheatre & DanceVENICE

THE ROAR OF THE BODY – UN RUGGITO DEL CORPO | BIENNALE DANCE AND INTERNATIONAL THEATRE FESTIVAL | LA BIENNALE DI VENEZIA

Babilonia, Ismael Ivo
Babilonia, Ismael Ivo

Text by Roberta d’Errico
The roar of the Body
Biennale Dance and 41st International Theatre Festival 2011
la Biennale di Venezia
http://www.labiennale.org/en/Home.html

As Paolo Baratta’s words the project of Venice Biennial is “to make Venice the all arts International Workshop”. A project whose live shows have a vital role. The shortage in funds, hard facts ever going with the world of art, brought about the re-examination of the Dance and Theatre Biennial system.

The President, Mr. Paolo Baratta, with intellectual and artistic sensibility converge the resources on the education and direct all energies into the formation. Going through an organized net of intercultural exchanges, the Venice Biennial of Dance and Theatre manages, on all occasions, to be an important vantage point on contemporary most revealing life. In the meantime through workshops lay the basis for training and offer to the young artists of dance and theatre the chance to face the world most famous artistic personalities in order to complete the formative period which will allow them “to be” into the tangled world of the art. In such a perspective the activities of the Arsenal of the dance, directed by Mr. Ismael Ivo, contemporary dance refinement centre born during 1999 and the International Workshop for Scenic Art directed by Mr. Alex Rigola, are carried out.

“I can’t think of a God who doesn’t know how to dance”: through the quotation of Mr. Vaclav Nižinskij, Ivo, from 2005 director of the Biennial for Dance, explains the beauty of a body in movement that in himself has the grace and the divine harmony to be followed as an example during the life, because the dance is greedy for life.

The Brazilian choreographer and dancer conducted 25 dancers –aged from 19 to 24 years – coming from all over the world (12 from Italy among these 2 are from Veneto) to the consciousness raising of his own body conceived as an “orchestra that is one of a kind”, supported by a series of  seven master class hold by International dancers and choreographers at the Arsenale della Danza, from January 17 till May 15, having the topic of “Body in Progress”.

The journey has had its accomplishment in the work Babylon, The third Paradise – written and directed by Ivo – which opened the Dance Biennial on May 11, 2011 at Malibran’s in Venice.

Taking inspiration from the Christian tradition about language mixture and confusion, according to Ivo, Babylon loses its negative meaning, to be proposed as a wealth, as a paradise, because the differences offer to the body language the chance to give himself away and to draw closer to the other really. The performance repeated on May 13, will go on tour all over Italy in association with Arteven and abroad in collaboration with SESC of St. Paul in Brazil and it will end on June 4, 2011 at Santos.

Inside the programme Arsenale della Danza they host companies coming from all over the world with works which are the achievement of the study conducted in their own countries. The artists’ great engagement make the worldwide cultural landscape more genuine: the performance does not originate from the necessity to show off in a Festival, but it is the spontaneous and natural evolution of a poetical talk.

Many invited companies have been formed as a workshop; they often extend their bonds  into the social life. Such is the case of the Lia Rodriguez’s Companhia de Danças that transferred its works to Rio de Janeiro’s favelas, since years, involving its inhabitants to study the dance. The performance put on for the Biennial is Pororoca on May 12. It has been presented at the Centre National de Danse Contemporaine d’Angers during November 2009; Pororoca refers to a word “poroc-poroc”, into Tupi’s language (one of  the Brazilian foremost aboriginal groups) means roar, rumble. It’s a natural phenomenon caused by the flow of the river into the ocean (in Brazil such a phenomenon occurs to the mouth of the Amazon when empting its waters into the Atlantic). The title of the work in itself is the theme of the Biennial 2011; in other words the study upon the encounter of the diversities and the relevant roar it brings forth. The Rodriguez’s artistic project, through the analysis of its influence aims to go along an inverted path, developing a new way of sharing and conversation.

For Italy there are the students of the third course of Milan Teatro Scuola Paolo Grassi, Teatrodanza, that through the performance Reform Club on 14 May, aims to an unpublished re-reading of the famous independent group born during 1999, the MK’s fresh repertoire, with scenes and choreographies of Michele di Stefano.

“Project, don’t look now” coreografia di Performing Arts Research and Training Studios P.A.R.T.S, Bruxelles
“Project, don’t look now” coreografia di Performing Arts Research and Training Studios P.A.R.T.S, Bruxelles

For Belgium on May 15 is presented Project, don’t look now, thought by Xavier Le Roy. Born during 3 weeks of workshop by 12 P.A.R.T.S. students (Performing arts research and training studios), the performance thinks of the choreographic aspect of dance.

For Netherlands the prestigious Academy for modern and contemporary dance Rotterdam Dance Academy born during 1931, proposed on May 15, the work Talent on the Move, assembling the works of well known authors like Jiří Kylián, Nacho Duato, Mauro Bigonzetti with choreographies of young artists some of which studied at the same Academy.

The programme ends on June 24 and 25 with the Israeli choreographer Emanuel Gat representing France and Israel to the Biennial, with a new show Brilliant Corners that reflects on the art of dance in a self-referential manner.

The 41st International Theatre Festival directed by Àlex Rigola will take place from 10 to 16 October 2011 supported by Veneto Region. The Catalan new director thought the festival as an “agora of the theatre” calling the best names on the international set so that Venice and the Biennial could be the meeting point of the artistic formation. Workshops, meetings, round tables become an integral part of the forthcoming performances breaking the wall dividing very often the aspects of doing and of thinking the theatre.

The Biennial on Theatre will have a space devoted to complete the last Laboratorio Internazionale di Arti Sceniche (International Workshop on Scenic Art) from Autumn 2010 to Spring 2011 by the directors Ricardo Bartís, Calixto Bieito, Romeo Castellucci, Jan Fabre, Rodrigo Garcia, Jan Lauwers, Thomas Ostermeier. The directors will screen the students that will take part in the second phase of the workshops which will happen during the Festival and they will be involved into the performance I sette peccati (The seven sins), a contemporary version of the Seven Cardinal Sins; it will take place the last day of the Festival on October 16. The seven directors through seven short performances which will take place in many locations all over the town, will explore their own personal vision of the seven cardinal sins which will cross the borders of Christian matrix.

Rigola chose to enact a performance that is representative of the poetics of the directors who will produce many workshops for actors during the Festival.

Often they are revival of performances they became classics into the repertoire of each of them.

The Festival will open with Shakespeare’s Hamlet at Goldoni’s on October 10 directed by Thomas Ostermeier. The German director, manager of Berlin Schaubühne, deals with the Shakespearean text with fearless to carry out many modifications. Condensing the five acts in two hours and thirty minutes, Ostermeier adds his experimentation into the Hamlet’s soliloquy in the attempt to recover the virginity of a sense which has been ruined by fame. The German director chose to reshape thrice the Hamlet’s soliloquy treating it just like a musical piece played always by different instruments.

For the first time in Italy, it is presented Promotheus Landscape II by choreographer, director, scene painter and Flemish artist Jan Fabre representative for Belgium. The performance on stage at the Piccolo Arsenale on October 11, returns over the character of Prometheus to whom the artist devoted his attention more than twenty years ago, during 1988, with Prometheus Landscape I. Going through the mythical figure of Prometheus, Jan Fabre thinks about the contemporary society which by its rules and laws banished the fire and imagination.

To represent the Netherlands and the Belgium there will be Jan Lauwers, another character that like Jan Fabre divides his expressivity into a wide range of arts. The director and its Needcompany will show Isabella’s room at Teatro alle Tese on October 11, first chapter of a human trilogy titled Sad Face/Happy Face. The work is centred over the character of a blind woman 94 years old  locked into her Parisian room obsessed with memories of her past and adolescence.

Argentina will be represented by the director Ricardo Bartís with El Box , Italy first at Teatro alle Tese on 12 October. Bartís shows in the theatre the character of the boxer or rather of the female boxer so far a prerogative of the motion picture. The workshop the Argentinian director will give during the Theatre Biennial is centred just about the building of the original sets for the El Box’s staging.

The Socìetas Raffaello Sanzio, for Italy, will put on the last performance written and directed by Romeo Castellucci Sul concetto di volto nel figlio di Dio (Around the concept of  the face in Son of God), already on tour abroad during these months. The performance will take place on 13 October at Piccolo Arsenale and its point of departure is the face of Jesus into the Renaissance art and particularly onto Ecce Homo: it seems Jesus Christ’s gaze meets that of  the spotter.

Spain will be present with two directors. The first is Rodrigo Garcia with Muerte y reencarnación en un cowboy at Teatro alle Tese on 13 October. A 2009 performance around the problems of the western society, approached by two lone cow-boys who are symbols of the American cultural colonialism.

The second one is Calixto Bieito with the performance Desaparecer. It is inspired to the works of E.A. Poe and Robert Walser whose main theme is the desire to vanish and melt into thin air.

Beside such a group of artists, Alex Rigola invited the German member of the post-dramatic theatre Stefan Kaegi and his collective group Rimini Protokoll composed by Helgard Haug and Daniel Wetzel.

In completely refusing the dramaturgic history and in some way exasperating the Naturalism, the authors put on stage some pieces of real life with the real protagonists of the everyday life instead of the actors; they put the spectators and their choices at the centre and move the stage to other locations non theatre but lorries and squares.

For Theatre Biennial Stefan Kaegi and the Rimini Protokoll will show the Video Walking Venice where the contributors provided with iPod touch, a multimedia reader shaped in the style and size of the iPhone, equipped with two lenses able to shoot in high definition, will walk all over Venice to “follow a story already shot in that same place by somebody who accompanies him in such a journey and whisper in his ears”.

Beside his involvement in the workshop Stefan Kaegi will enact his last play Bodenprobe Kasachstan at the Piccolo Arsenale on 15 October. It was born from the study onto the migratory movements which interconnected both Russia and Germany since Catherine the Great, the same century when Europe started to pump oil. To reconstruct the link between the migratory movements and the oil, Stefan Kaegi and his group commenced to screen persons able to tell directly the history of the oil. Linking their biographies formed a chain going back to trace the pipeline as far as the Kazakhstan’s underground.

Complete the short list to the Biennial Theatre two choreographers: the French Josef Nadj and the Italian Virgilio Sieni.

Josef Nadj beyond holding a workshop for actors during the Festival, will show Woyzeck ou l’ebauche du vertige, a performance inspired to the Woyzeck of Buchner on 15 October at Teatro alle Tese.

Even Virgilio Sieni and his company will show Osso (Bone), on 16 October, one of his most particular works realized during last years and will hold a workshop with student actors. For his performance he asked his father’s cooperation, Fosco Sieni, in the construction of a dumb show: it is a ballet in three scenes which are counterpointed by actions of the memory, through gazes and in mime dealing a little bit with our life (Virgilio Sieni interviewed by Rodolfo di Giammarco on 05 December 2007 by “La Repubblica”).

The artist of the lights, who helped Rodrigo Garcia in his performance, Carlos Marquerie is entrusted with a workshop centred around the secrets of lighting technique during the digital era.

Alex Serrano, author of state-of-the-art multimedia projects, will run a workshop for a whole week addressed to directors of theatre about the way to employ the video live.

The Festival plans a workshop centred around the play-acting of Shakespeare’s poetry and another one around the theatrical critics conducted by Andrea Porcheddu. This project extends the Project October Test, realized in parallel with the International Workshop for Theatre.

The Festival will offer a sample of Italian theatre through several young companies invited on the stage of Fondamenta Nuove’s with their new works. There will be meetings with directors and five lectures about the contemporary scenography.

About so may names, ideas, two words get back into the programme of the Dance and Theatre Biennial: workshop and body. The first term summons up into my own mind the theories and dreams of Copeau, his idea to put beside the spectacular experience, the teaching and experimentation where the research could expand itself without going on stage each evening.

Through an image that follows the mechanism of Russian dolls, the second term compels me to inflect the body of actor, the body of dancer, the body of man, the body of Jesus Christ and, betraying an unwitting parochialism, induces me to clinch such a bird’s eye view by some introductory words of Romeo Castellucci for the Giulio Cesare at Vascello’s in Rome back in 1997: “The body of Christ as a most wonderful rhetorical experimentation. I love such an example. Its minimal stage. A stage overlaps perfectly a body. A stage is a body, at last, dumb! There is no stage without nails and hammer: the grips like tormentors…”.

Roberta d’Errico – Theatre Editor
Translated by Salvatore Rollo – at salvatore_rollo@fastwebnet.it

..)(..

Ufficio stampa La Biennale di Venezia
Tel. +39 041 5218 886 / 5218 776
Fax +39 041 5218 843
E-mail: dmtpress@labiennale.org

Links to related texts‎ – Link di testi correlati
DANCE AND THEATRE | VENICE BIENNALE
http://www.1fmediaproject.net/2011/05/12/dance-and-theatre-venice-biennale/

Position the cursor on the images to view captions, click on images to enlarge them.
Posizionare il cursore sulle immagini per leggere le didascalie; cliccare sulle immagini per ingrandirle.

Testo di Roberta d’Errico
Un ruggito del Corpo
Biennale di Danza e Festival internazionale di Teatro 2011
La Biennale di Venezia
http://www.labiennale.org/it/Home.html

Il progetto della Biennale di Venezia, spiega il Presidente Paolo Baratta, è “fare di Venezia il laboratorio internazionale di tutte le arti”. Un progetto in cui i settori dello spettacolo dal vivo hanno un ruolo decisivo. La scarsità delle risorse, una realtà che da sempre accompagna il mondo dell’arte, ha fatto si che si ripensasse alla struttura della Biennale Danza e Teatro.

Con sensibilità artistica e intellettuale, il Presidente Paolo Baratta fa convergere le risorse investendo sulla formazione e su energie da costruire. Attraverso una articolata rete di scambi interculturali, la Biennale della Danza e del Teatro di Venezia riesce ad essere sempre un importante osservatorio delle realtà contemporanee più significative. Allo stesso tempo, attraverso laboratori, si pone il compito di formare e offrire ai giovani artisti della danza e del teatro la possibilità di confrontarsi con personalità artistiche di fama mondiale per completare il ciclo formativo che permetterà loro di “essere” nell’intricato mondo dell’arte. In questa ottica si pongono l’attività dell’Arsenale della danza, il centro di perfezionamento nella danza contemporanea, nato nel 1999 e diretto da Ismael Ivo, e Il Laboratorio Internazionale di Arti Sceniche diretto da Àlex Rigola.

“Non riesco a pensare a un Dio che non sappia ballare”: con la citazione di Vaclav Nižinskij, Ivo, dal 2005 anche direttore della Biennale Danza, spiega la bellezza della costruzione di un corpo che contiene in sé la grazia e l’armonia divina del movimento da cui trarre esempio nella vita, perché la danza è fame di vita. Sostenuto da un ciclo di sette masterclass tenuti da ballerini e coreografi internazionali presso l’Arsenale della Danza, dal 17 gennaio al 15 maggio, che hanno avuto come tema il Body in Progress, il ballerino e coreografo brasiliano ha condotto 25 danzatori, tra i 19 e i 24 anni, provenienti da tutto il mondo (tra cui 12 italiani di cui due del Veneto), in una presa ci coscienza del corpo concepito come “un’orchestra unica nel suo genere”.

Babilonia - Il terzo paradiso. Spettacolo di Ismael Ivo (copyright Akyko Miyake)
Babilonia - Il terzo paradiso. Spettacolo di Ismael Ivo (copyright Akyko Miyake)

Il percorso ha avuto il suo compimento nel lavoro, ideato e diretto da Ivo, Babilonia – Il terzo paradiso, che ha aperto La Biennale Danza l’11 maggio 2011 al Teatro Malibran di Venezia.

Ispirata alla tradizione biblica della mescolanza e confusione delle lingue, nella visione di Ivo, Babilonia perde la sua connotazione negativa, per essere proposta come tesoro, come paradiso, perché la diversità offre al linguaggio del corpo la possibilità di scoprirsi e di avvicinarsi realmente all’altro. Lo spettacolo, replicato anche il 13 maggio, sarà in tournée in Italia, in collaborazione con Arteven, e all’estero, in collaborazione con il SESC di San Paolo del Brasile, e si concluderà il 4 giugno 2011 a Santos.

All’interno del programma dell’Arsenale della danza, vengono ospitate compagnie provenienti da tutto il mondo con opere che sono l’approdo dello studio svolto nei paesi di origine. Il grande impegno degli artisti rende ancora più genuino il panorama culturale mondiale: lo spettacolo non nasce dalla necessità di esibirsi in un Festival, ma è la spontanea e naturale evoluzione di un discorso poetico.

Molte compagnie invitate si sono costituite con l’aspetto laboratoriale che spesso estende i confini nell’impegno sociale.

E’ il caso della Lia Rodriguez Companhia de Danças che da anni ha trasferito la sua attività nelle favelas di Rio De Janeiro coinvolgendo i suoi abitanti nello studio della danza. Lo spettacolo portato in scena per la Biennale il 12 maggio è Pororoca, presentato al Centre National de Danse Contemporaine d’Angers nel novembre del 2009. Pororoca riprende il termine “poroc-poroc”, che nella lingua dei Tupi, uno dei gruppi aborigeni principali del Brasile, significa ruggito, boato. Si tratta di un fenomeno naturale prodotto dal confluire delle acque del fiume in quelle dell’oceano (in Brasile questo fenomeno si verifica alla foce del Rio delle Amazzoni con l’Oceano Atlantico). Il titolo dell’opera contiene in sé il tema della Biennale 2011 e cioè l’indagine sull’incontro delle diversità e sul ruggito che esso crea. Il progetto artistico della Rodriguez, attraverso l’analisi dell’impatto, mira a percorrere un cammino inverso, scoprendo nuove forme di condivisione e di dialogo.

Per l’Italia sono presentati gli allievi del III corso di Milano Teatro Scuola Paolo Grassi, di  Teatrodanza, che con lo spettacolo Reform Club, in scena il 14 maggio, mirano alla rilettura inedita del recente repertorio del gruppo MK, la famosa formazione indipendente nata a partire dal 1999, con scene e coreografie di Michele di Stefano.

Per il Belgio è presentato, il 15 maggio, Project, don’t look now ideato da Xavier Le Roy. Nato da 3 settimane di workshop dei 12 allievi del ciclo di ricerca del P.A.R.T.S. (Performing arts research and training studios), lo spettacolo riflette sull’aspetto coreografico della danza.

Per i Paesi Bassi, la prestigiosa accademia di danza moderna e contemporanea Rotterdam Dance Accademy, nata nel 1931, ha proposto, il 15 maggio, l’opera Talent On The Move che assembla coreografie d’autore come Jiří Kylián, Nacho Duato, Mauro Bigonzetti a coreografie di giovani artisti alcuni dei quali formatisi proprio all’accademia.

Conclude il programma, il 24 e il 25 giugno, il coreografo israeliano Emanuel Gat, che alla Biennale rappresenta Francia e Israele, con il suo nuovo spettacolo Brilliant Corners che, in maniera autoreferenziale, riflette sull’arte della danza.

Il 41° Festival Internazionale del Teatro, diretto da Àlex Rigola, si svolgerà dal 10 al 16 ottobre 2011 con il sostegno della Regione Veneto. Il neo direttore catalano ha pensato il festival come “agorà del teatro” chiamando i migliori nomi della scena internazionale perché Venezia e la Biennale fossero il luogo di incontro e della formazione pratica. Laboratori, incontri e tavole rotonde diventano così parte integrante degli spettacoli in programmazione rompendo il muro che spesso divide gli aspetti del fare e del pensare il teatro.

La Biennale Teatro avrà uno spazio dedicato al compimento del precedente Laboratorio Internazionale di Arti Sceniche tenuto, dall’autunno del 2010 alla primavera del 2011, dai registi Ricardo Bartís, Calixto Bieito, Romeo Castellucci, Jan Fabre, Rodrigo García, Jan Lauwers, Thomas Ostermeier. I registi selezioneranno gli allievi che prenderanno parte alla seconda fase dei laboratori che si svolgerà nei giorni del Festival e che li vedrà impegnati nello spettacolo I sette peccati, una versione contemporanea dei sette peccati capitali in programma l’ultimo giorno del Festival, il 16 ottobre. I sette registi, attraverso sette brevi spettacoli, che si snoderanno in altrettanti luoghi della città, sonderanno la loro personale visione dei sette peccati capitali che valicherà i confini della matrice cristiana.

Rigola ha scelto di portare in scena uno spettacolo rappresentativo della poetica dei registi, che daranno luogo ad altrettanti laboratori per attori nel corso del Festival.

Si tratta spesso di riedizioni di spettacoli che sono diventati dei classici nel repertorio di ciascuno di loro.

HAMLET von William Shakespeare Schaubühne am Lehniner Platz Premiere im September 2008 Regie: Thomas Ostermeier mit Lars Eidinger Copyright by Arno Declair Stresemannstr.11 D-22769 Hamburg Konto 600065 208 Blz 20010020 Postbank Hamburg Veröffentlichung honorarpflichtig! Umsatzsteuersatz 7% Steuernummer 22/134/00463 USt-ID Nr. DE118970763 FA Hamburg Hansa
HAMLET von William Shakespeare, Premiere im September 2008 Regie: Thomas Ostermeier mit Lars Eidinger Copyright by Arno Declair

Il Festival si aprirà il 10 ottobre al Teatro Goldoni con Hamlet di Shakespeare, per la regia di Thomas Ostermeier. Il regista tedesco, direttore della Schaubühne di Berlino, affronta il testo shakespeariano senza il timore di apportare forti modifiche. Condensando i cinque atti in due ore e mezza, Ostermeier inserisce la sua ricerca proprio nel monologo di Amleto nel tentativo di recuperare la verginità di un senso logorato dalla celebrità. Il regista tedesco ha deciso di rimodulare per tre volte il monologo di Amleto trattandolo come un pezzo musicale suonato ogni volta con strumenti diversi.

Per la prima volta in Italia è presentato Promotheus Landscape II, spettacolo del coreografo, regista, scenografo e artista fiammingo Jan Fabre, rappresentante del Belgio. Lo spettacolo, in scena l’11 ottobre al Teatro Piccolo Arsenale, riprende la figura di Prometeo al quale l’artista fiammingo aveva dedicato la sua attenzione più di vent’anni fa, nel 1988, con Prometheus Landscape I. Attraverso la figura mitica di Prometeo, Fabre riflette sulla società contemporanea che con le sue regole e le sue leggi ha bandito il fuoco e l’immaginazione.

Per l’Olanda e il Belgio vi sarà Jan Lauwers, un altro personaggio, che come Jean Fabre, divide la sua espressività nella molteplicità delle arti. Il regista, con la sua Needcompany, presenterà, l’11 ottobre al Teatro alle Tese, lo spettacolo Isabella’s room, primo capitolo di una trilogia umana intitolata Sad Face/Happy Face. Il lavoro ruota intorno al personaggio di una donna cieca di 94 anni chiusa nella sua stanza parigina ossessionata dai ricordi del suo passato e della sua adolescenza.

L’Argentina sarà rappresentata dal regista Ricardo Bartís con lo spettacolo, in prima italiana, El Box, in scena il 12 ottobre al Teatro alle Tese. Bartís introduce nel teatro il personaggio del pugile anzi di una pugilessa, fino ad oggi prerogativa del cinema. Il laboratorio che il regista argentino terrà nel corso della Biennale Teatro ruoterà proprio intorno alla costruzione delle scene originali per l’allestimento di El Box.

Per l’Italia, la Socìetas Raffaello Sanzio porterà l’ultimo spettacolo ideato e diretto da Romeo Castellucci Sul concetto di volto nel figlio di Dio, che in questi mesi si trova già in tournée all’estero. Il punto di partenza della rappresentazione, in scena il 13 ottobre al Teatro Piccolo Arsenale, è il volto di Gesù nella pittura rinascimentale e in particolar modo nel momento dell’Ecce Homo, dove sembra che lo sguardo del Cristo incontri quello dell’osservatore.

“Muerte y reencarnacion en un cowboy” regia di Rodrigo Garcia (copyright Christian Berthelot)
“Muerte y reencarnacion en un cowboy” regia di Rodrigo Garcia (copyright Christian Berthelot)

La Spagna sarà presente con due registi. Il primo, Rodrigo García, il 13 ottobre al Teatro alle Tese, con Muerte y reencarnación en un cowboy, uno spettacolo del 2009, sulle problematiche della società occidentale, affrontate dalle figure di due cow-boy solitari, simboli del colonialismo culturale americano.

Il secondo,  Calixto Bieito con lo spettacolo Desaparecer ispirato ai testi di Edgar Allan Poe e Robert Walser dove il tema centrale è il desiderio di sparire e di fondersi col nulla.

Accanto a questo nucleo di registi, Àlex Rigola ha invitato l’esponente del teatro post-drammatico, il tedesco Stefan Kaegi con il suo collettivo Rimini Protokoll formato da Helgard Haug e Daniel Wetzel. Nel totale rifiuto della storia drammaturgica, e potremmo dire in un’esasperazione del Naturalismo, gli autori trasportano sul palcoscenico pezzi di vita reale con i reali protagonisti del quotidiano al posto degli attori, mettono al centro lo spettatore con le sue scelte e trasferiscono la scena in luoghi altri diversi dal teatro come camion, piazze.

Per la Biennale Teatro, Stefan Kaegi e il Rimini Protokoll condurranno il laboratorio Video Walking Venice in cui i partecipanti muniti di iPod touch, un lettore multimediale modellato sulle dimensioni e lo stile dell’iPhone, dotato di due obiettivi in grado di riprendere immagini in alta definizione, andranno in giro per Venezia per “seguire una storia già girata in quello stesso luogo da qualcuno che lo accompagna in questo viaggio e ‘che gli sussurra nell’orecchio’”.

Accanto all’impegno nel laboratorio, Stefan Kaegi porterà in scena il 15 ottobre, al Teatro Piccolo Arsenale, il suo ultimo spettacolo Bodenprobe  Kasachstan, nato dall’indagine sui flussi migratori che hanno legato la Russia e la Germania a partire dal secolo di Caterina la Grande, lo stesso secolo in cui si è cominciato ad estrarre petrolio in Europa. Per ricostruire il legame tra flussi migratori e petrolio, nel marzo 2010, Stefan Kaegi, insieme al suo gruppo, ha iniziato a selezionare persone che potessero raccontare la storia del petrolio in prima persona. Unendo le loro biografie ha formato una catena che risale gli oleodotti  fin nel sottosuolo del Kazakistan.

Concludono la rosa delle presenze alla Biennale Teatro due coreografi: il francese Josef Nadj e l’italiano Virgilio Sieni.

Josef Nadj, oltre a tenere un workshop per attori nel corso del Festival, presenterà il 15 ottobre presso il Teatro alle Tese, uno spettacolo ispirato al Woyzeck di Buchner, Woyzeck ou l’ebauche du vertige.

Anche Virgilio Sieni terrà un workshop con allievi attori e presenterà il 16 ottobre, insieme alla sua Compagnia Virgilio Sieni, uno dei lavori più particolari realizzato negli ultimi anni, Osso. Per lo spettacolo, Virgilio Sieni ha chiesto la collaborazione del padre, Fosco Sieni, nella costruzione di un dialogo gestuale: Il nostro è un balletto in tre scene, contrappuntato da azioni della memoria, con sguardi e mimiche che hanno un po’ a che fare con la nostra vita (da un’intervista a Virgilio Sieni di Rodolfo di Giammarco, in “La Repubblica”, 5 dicembre 2007).

A Carlos Marquerie, artista delle luci che ha contribuito agli spettacoli di Rodrigo García, è affidato un laboratorio incentrato sui segreti dell’illuminotecnica nell’era della tecnologia digitale.

Àlex Serrano, autore di progetti multimediali d’avanguardia, terrà una settimana di workshop per registi teatrali sulla modalità di impiego del video in tempo reale.

Il Festival prevede anche un laboratorio incentrato sulla recitazione del verso shakespeariano e un laboratorio dedicato all’aspetto della critica teatrale condotto da Andrea Porcheddu. Progetto quest’ultimo che amplia il “Progetto October Test”, realizzato in concomitanza con il Laboratorio Internazionale di Arti Sceniche.

Il Festival offrirà anche un “assaggio” della scena italiana con alcune giovani compagnie invitate sul palcoscenico del Teatro Fondamenta Nuove con i loro ultimi lavori. Ci saranno incontri con i registi e cinque conferenze sulla scenografia contemporanea.

Di tanti nomi, di tante idee, due parole ritornano nel programma della Biennale Danza e Teatro: laboratorio e corpo. Il primo termine evoca nella mia mente le teorie, e direi i sogni, di Copeau, la sua idea di affiancare alla pratica spettacolare quella dell’insegnamento e della sperimentazione dove la ricerca potesse espandersi senza l’incombenza di dover andare in scena tutte le sere.

Il secondo termine, attraverso un’immagine che ripercorre il meccanismo della matriosca mi fa declinare il corpo dell’attore, il corpo del ballerino, il corpo dell’uomo, il corpo di Cristo e, tradendo un inconsapevole campanilismo, mi porta a concludere questa carrellata ricordando una frase di Romeo Castellucci contenuta nel testo di presentazione del Giulio Cesare al Teatro Vascello di Roma nel lontano 1997: “Il corpo di Cristo come l’esperimento retorico più meraviglioso. Amo questo esempio. Il suo minimo palcoscenico. Un palco che coincide perfettamente con un corpo. Un palco che è corpo, finalmente, muto! Non c’è palco senza chiodi e martello: i macchinisti come gli aguzzini…”.

Roberta d’Errico
Theatre Editor

I programmi dell’Arsenale della Danza e del 41. Festival Internazionale del Teatro sono da oggi sul sito della Biennale di Venezia: www.labiennale.org

Per informazioni:

Ufficio stampa La Biennale di Venezia
Tel. +39 041 5218 886 / 5218 776
Fax +39 041 5218 843
E-mail: dmtpress@labiennale.org

Links to related texts‎ – Link di testi correlati

DANCE AND THEATRE | VENICE BIENNALE
http://www.1fmediaproject.net/2011/05/12/dance-and-theatre-venice-biennale/

Previous post

REVOLUTION AND RAPRESENTATION, HOW THE INTERNET AND VISUAL ARTS HAVE INFLUENCED -AND PROBABLY COPRODUCED-THE ARAB SPRINGTIME | DIOGENE PROJECT

Next post

arteBA 2011 | BUENOS AIRES - ARGENTINA

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *