EventsMILAN

HANGARBICOCCA: HANS-PETER FELDMANN – YERVANT GIANIKIAN AND ANGELA RICCI LUCCHI – MILAN

HangarBicocca presents
Shadow Play by Hans-Peter Feldmann
Artworks against time
11 April – 10 June 2012

From 12 April to 10 June 2012 (inauguration 11 April) HangarBicocca hosts the poetic installation Shadow Play (2002-2012), by German artist Hans-Peter Feldmann, a landmark work in the history of contemporary art, re-staged especially for the occasion.
The exhibition of Shadow Play at HangarBicocca is part of a broader project that seeks to make contemporary masterpieces, presented in international circuits, accessible to a wider audience than just the usual art experts.
The event has been organised to coincide with the opening of the big Hans-Peter Feldmann exhibition at the Serpentine Gallery in London (11 April to 3 June).
At the HangarBicocca exhibition space, the work is also set alongside the experimental research of visual artists Gianikian and Ricci Lucchi, in an ideal dialogue on movement, light and memory.

Shadow Play is a fundamentally important work among the artistic production of the current century. Presented in different editions by the various major institutions, it was exhibited at galleries, museums and events around the world: from the Kunsthaus in Zurich in 2001 to the Sprengel Museum in Hannover in 2002, from Art Unlimited – Art Basel – in 2008, to the Hamburger Bahnhof in Berlin to the Venice Biennale in 2009.
Shadow Play
is a complex installation, a 20-metre-long table studded with rotating pedestals on which various objects and figures whirl, from toys to small electrical appliances. Spotlights illuminate the figures, projecting the different shadows into the white wall behind. The visual result is both lyrical and nostalgic: a shadow theatre that can narrate any number of different stories.
The surfaces of the figures weave in and out of focus, constantly transforming, constantly moving. Feldmann’s fascination with the sense of the end, of the disappearance of time and of memory, takes concrete form in this work that reminds us of the evanescence of the human condition. Shadow Play is also an impressive, contemporary hybridisation of different disciplines and means of expression, including photography, with the camera obscura, pre-cinema, with the magic lantern, installation and theatre.

Hans-Peter Feldmann, born in Hilden, near Düsseldorf in 1941, is one of the most important and lively figures in conceptual art. All his work is marked by a drive to archive and catalogue, through which the artist documents all aspects of daily life, collecting pictures of all kinds, objects, newspaper clippings and postcards to produce collages and small books subdivided by theme. In 1980, his critical inclination towards the world of art and culture led him to abandon the artistic scene and to open a shop selling curious objects in Düsseldorf, which he ran until the Nineties, when he began to approach to the art world once more. During his long career, Feldmann has exhibited at the biggest museums and galleries around the world, including the Solomon R. Guggenheim Museum in New York, the Museo Nacional Centro de Arte Reina Sofia in Madrid, the Musée d’Art Moderne de la Ville in Paris, Portikus in Frankfurt, P.S.1 Contemporary Art Center in New York, and MCA in Chicago. He took part in the eighth edition of the Gwangju Biennale in 2010, and in the Venice Biennale in 2009. In 2010 he won the Hugo Boss Prize.

Shadow Play in HangarBicocca

Information sheet

Exhibition title: Shadow Play
Artist: Hans-Peter Feldmann
Work: Installation
Inauguration: 11 April 2012, 7 pm
Exhibition period: 12 April – 10 June 2012
Location HangarBicocca: Address Via Chiese, 2, Milano
Opening times: Thursday-Sunday from 11 am to 11 pm
Entrance: Free of charge
Children’s workshops: Running on Saturdays and Sundays
Sponsor: Pirelli
Tel for the general public: 02.6611.1573
Information for the general public: info@hangarbicocca.org   www.hangarbicocca.org
Press Office:
Angiola Maria Gili angiola.gili.ex@hangarbicocca.org / tel. 335 6413100
Stefano Zicchieri stefano.zicchieri.ex@hangarbicocca.org /tel. 334 6160366

.-.-.-.

HangarBicocca presenta
Shadow Play
di Hans-Peter Feldmann
Opere contro il tempo
11 aprile – 10 giugno 2012

HangarBicocca ospita dal 12 aprile al 10 giugno 2012 (inaugurazione 11 aprile) la poetica installazione dell’artista tedesco Hans-Peter Feldmann, Shadow Play (2002-2012), un’opera di riferimento nella storia dell’arte contemporanea, riallestita appositamente per l’occasione a cura di Chiara Bertola.
L’esposizione di Shadow Play in HangarBicocca si colloca nell’ambito di un progetto più ampio che intende rendere i capolavori dell’arte contemporanea, presentati in circuiti internazionali, accessibili ad un ampio pubblico, non solo di addetti ai lavori.
L’evento espositivo si pone infatti in concomitanza con l’apertura della grande mostra di Hans-Peter Feldmann alla Serpentine Gallery di Londra (dall’11 aprile al 3 giugno).
L’opera, negli spazi di HangarBicocca, è inoltre messa a confronto con la ricerca sperimentale degli artisti visivi Gianikian e Ricci Lucchi, in un ideale dialogo sul movimento, la luce e la memoria.

Shadow Play rappresenta un’opera di fondamentale importanza nella produzione artistica del nostro secolo. Presentata in edizioni differenti dalle più importanti istituzioni, è stata esposta per la prima volta nel 2002 presso lo Sprengel Museum di Hannover e successivamente in gallerie, musei e rassegne di tutto il mondo: dalla Kunsthaus di Zurigo nel 2001 ad Art Unlimited – Art Basel – nel 2008, dall’Hamburger Bahnhof di Berlino alla Biennale di Venezia nel 2009.
Shadow Play
è un’installazione complessa, un tavolo lungo 20 metri costellato da piedistalli girevoli su cui volteggiano oggetti e figure di varia natura, da giocattoli a piccoli elettrodomestici. Le luci a faretto illuminano le figure, proiettando le differenti ombre sulla parete bianca retrostante. Il risultato visivo è lirico e nostalgico al tempo stesso: un teatrino delle ombre capace di narrare infinite storie.
Le superfici delle figure s’intrecciano dentro e fuori fuoco, trasformandosi sempre, in perpetuo movimento. La fascinazione di Feldmann per il senso della fine, della sparizione, del tempo e della memoria, si concretizza in quest’opera capace di richiamare l’evanescente condizione umana. Shadow Play rappresenta anche un formidabile e contemporaneo crocevia di discipline e di mezzi espressivi come la fotografia, con la camera oscura, il pre-cinema, con la lanterna magica, l’installazione e il teatro.

Hans-Peter Feldmann, nato a Hilden, nei pressi di Düsseldorf nel 1941, è una delle figure più importanti e vitali dell’arte concettuale. Tutta la sua opera è caratterizzata da un lavoro di archiviazione e catalogazione attraverso cui l’artista documenta ogni aspetto della vita quotidiana, collezionando immagini di ogni genere, oggetti, ritagli di giornale e cartoline per realizzare collages e piccoli libri suddivisi per tematiche. La sua attitudine critica davanti al mondo dell’arte e della cultura lo porta nel 1980 ad abbandonare il circuito artistico e ad aprire un negozio di oggetti curiosi a Düsseldorf, attivo fino agli anni 90, quando ricomincia a riavvicinarsi al mondo dell’arte. Durante la sua lunga carriera Feldmann ha esposto nei più importanti musei e gallerie del mondo, fra cui il Solomon R. Guggenheim Museum di New York, il Museo Nacional Centro de Arte Reina Sofia di Madrid, il Museé d’Art Moderne de la Ville di Parigi, presso Portikus a Francoforte, P.S.1 Contemporary Art Center di New York, MCA di Chicago. Ha partecipato alla ottava edizione della Biennale di Gwangju nel 2010 e alla Biennale di Venezia nel 2009. Nel 2010 ha vinto l’Hugo Boss Prize.

Shadow Play in HangarBicocca

Scheda info

Titolo della mostra: Shadow Play
Artista: Hans-Peter Feldmann
Opera: installazione
Inaugurazione: 11 aprile 2012, ore 19.00
Periodo di mostra: 12 aprile – 10 giugno 2012
Luogo: HangarBicocca
Indirizzo: Via Chiese 2 Milano
Orari: Giovedì – Domenica dalle 11 alle 23
Ingresso: Gratuiti
Laboratori per bambini: Attivi il sabato e la domenica
Sponsor: Pirelli
Tel per il pubblico: 02.6611.1573
Info per il pubblico: www.hangarbicocca.org  –  info@hangarbicocca.org
Ufficio Stampa:
Angiola Maria Gili angiola.gili.ex@hangarbicocca.org /tel. 335 6413100
Stefano Zicchieri stefano.zicchieri.ex@hangarbicocca.org /tel. 334 6160366

.-.-.-.-.

11 April 2012: HangarBicocca reopens to the public with
NON NON NON.
Retrospective of work by Yervant Gianikian and Angela Ricci Lucchi

At the renewed spaces of HangarBicocca, 11 April sees the inauguration of NON NON NON, a personal exhibition of Yervant Gianikian and Angela Ricci Lucchi, undisputed voices of artistic culture in the 20th and 21st centuries, and keen observers of history and modernity: from the horrors of the First World War to the carefree attitude of consumer society, from the poverty of so-called developing countries to the more recent and dramatic vicissitudes of international terrorism.

The exhibition, curated by Andrea Lissoni with Chiara Bertola, opens from 12 April to 10 June 2012. It is the first retrospective of installations and works by the two visual artists, who have been working in Milan since the Seventies, and are highly appreciated on the international scene for their ability to work on the boundary between art and experimental cinema.

They are a couple at work and in life, he, an architect of Armenian origins, she an Italian Painter – protégé of Kokoschka – and they work on films as art projects, with a deeply topical outlook. Through intense pictures that are highly poetic and evocative, and at times brutal and crude, they invite us to reflect on the violence and wars of the twentieth century as universal themes.
They make use of archive material – ethnographic, colonial and propaganda films – which they analyse and re-film with their “analytic camera”, overturning its meaning and communicative connotations.
In this silent but extremely eloquent vision, the repressed peoples – Armenians, Roma, colonized and ethnic groups – and anonymous characters become the key figure of each era, up to the present day. The former Yugoslavia, Armenia, Africa, India, the South Pole, these are some of the lands explored by the artists, interpolating old shots with newly-produced footage.
Gianikian and Ricci Lucchi explore the great social and political crises of the past, dictated by totalitarian regimes such as Fascism, Nazism and Bolshevism, defending the ethical message and timeless value of freedom. At all costs, even that of their own lives, which they have often put at risk while searching for archive material and travelling in countries at war.
Yervant Gianikian (born in Merano, Italy in 1942 of Armenian parents) and Angela Ricci Lucchi (born in Lugo di Romagna in 1942) have presented their work at numerous international film festivals (Cannes, Rotterdam, Venice), at the world’s great art museums and institutes such as the MoMA in New York, the Centre Pompidou in Paris, the Tate Modern in London, the Mart in Rovereto and at major events such as the Venice Biennale (2001). Many of their videos have entered the collective imagery in the minds of Italians, having been broadcast by the RAI in programmes such as Fuori Orario and Geo.

The exhibition brings together seven video installations from Gianikian and Ricci Lucchi’s artistic journey, presented together for the first time in a purpose-made setting. The exhibition also includes a number of watercolours never previously shown, one of which is a 15-metre-long roll of paper on which the artists have depicted ancient Armenian fairytales told by Yervant Gianikian’s father.
The exhibition plan entails three different stations.
1) A display showing drawings, watercolours, work notes, a poster (all materials produced from the Seventies to the present day) and the video installation Carrousel de jeux.
2) The March of Man, a video installation in which, one after another, three large screens reveal three key moments in the history of twentieth-century imagery.
3) Five installations significant to the artistic journey of Gianikian and Ricci Lucchi: the series of Electric Fragments (projected on four walls simultaneously), Visions of the Desert, Triptych of the 1900’s, Terrae Nullius, Topographies. A large audiovisual fresco with a constant stream of installations conceived from 2000 onward for exhibition spaces and museums.

NON NON NON. Retrospective of work by Yervant Gianikian and Angela Ricci Lucchi

Additional events

On 17 May, an evening of 16-mm film projections, an expanded cinema performance with “scented films” (the famous Gianikian and Ricci Lucchi performance from the Seventies) and a conversation with the artists.

Other exhibition projects

Alongside the experimental research of Gianikian and Ricci Lucchi, the HangarBicocca exhibition space will also be hosting (from 12 April to 10 June 2012) the poetic installation of the German artist Hans-Peter Feldmann, Shadow Play (2002-2012). A reference work in the history of contemporary art, re-staged by the artist especially for the occasion.

Information sheet

Exhibition title: NON NON NON
Artists: Yervant Gianikian and Angela Ricci Lucchi
Curated by: Andrea Lissoni with Chiara Bertola
Works: Seven video installations, watercolours, various materials
Inauguration: 11 April 2012 – 7.00 pm
Exhibition period: 12 April – 10 June 2012
Location: HangarBicocca
Address: Via Chiese, 2, Milano
Opening times: Thursday-Sunday from 11 am to 11 pm
Entrance: Free of charge
Children’s workshops: Running on Saturdays and Sundays
Exhibition sponsor: Pirelli
Information for the general public: info@hangarbicocca.org   www.hangarbicocca.org
Press Office
Angiola Maria Gili angiola.gili.ex@hangarbicocca.org /tel. 335 6413100
Stefano Zicchieri stefano.zicchieri.ex@hangarbicocca.org /tel. 334 6160366

.-.-.-.-.

11 aprile 2012: HangarBicocca riapre al pubblico con
NON NON NON
Retrospettiva di Yervant Gianikian e Angela Ricci Lucchi

L’11 aprile s’inaugura, negli spazi rinnovati di HangarBicocca, NON NON NON la mostra personale di Yervant Gianikian e Angela Ricci Lucchi, interpreti indiscussi della cultura artistica del XX e XI secolo, attenti osservatori della storia e della contemporaneità: dagli orrori della Prima Guerra Mondiale alla spensieratezza della società dei consumi, dalla povertà dei cosiddetti paesi in via di sviluppo alle più recenti e drammatiche vicende del terrorismo internazionale.

La mostra, a cura di Andrea Lissoni con Chiara Bertola, aperta dal 12 aprile al 10 giugno 2012, è la prima retrospettiva di installazioni e di opere dei due artisti visivi, attivi a Milano dagli anni Settanta, molto apprezzati nel panorama internazionale per la capacità di lavorare al confine tra arte e cinema sperimentale.

Coppia nel lavoro e nella vita, architetto di origini armene lui, pittrice italiana lei – allieva di Kokoschka – lavorano i film come progetti d’arte, con uno sguardo profondamente attuale. Attraverso immagini intense, tanto poetiche ed evocative, tanto a volte brutali e crude, invitano a riflettere sulla violenza e le guerre del secolo scorso come temi universali.
Si servono di materiale d’archivio – film etnografici, coloniali, di propaganda – che analizzano e rifilmano con la “Camera Analitica” di loro invenzione, ribaltandone il significato e il senso comunicativo.
In questa visione muta, ma fortemente eloquente, i popoli sottomessi – armeni, rom, colonizzati, etnie locali – e i personaggi anonimi diventano i protagonisti di ogni epoca, fino alla nostra contemporaneità. L’ex Jugoslavia, l’Armenia, l’Africa, l’India, il Polo Sud sono alcuni dei territori che gli artisti esplorano interpolando vecchi fotogrammi a riprese realizzate ex novo.
Gianikian e Ricci Lucchi indagano le grandi crisi sociali e politiche del passato, dettate dai regimi totalitari, come il fascismo, il nazismo e il bolscevismo, difendendo il messaggio etico e il valore senza tempo della libertà. A tutti i costi, anche della loro vita, messa sovente in gioco durante la ricerca del materiale d’archivio e i viaggi in Paesi in conflitto.
Yervant Gianikian (nato a Merano nel 1942 da genitori armeni) e Angela Ricci Lucchi (nata a Lugo di Romagna nel 1942) hanno presentato i loro lavori in numerosi festival internazionali di cinema (Cannes, Rotterdam, Venezia) e nelle più importanti istituzioni museali come il Moma di New York, il Centre Pompidou di Parigi, la Tate Modern di Londra, il Mart di Rovereto e in rassegne significative come la Biennale di Venezia (2001). Molti loro video sono entrati a far parte dell’immaginario degli italiani perché trasmessi dalla RAI nei programmi Fuori Orario e Geo.

La mostra riunisce sette installazioni video del percorso artistico di Gianikian e Ricci Lucchi, presentate per la prima volta contemporaneamente in un allestimento concepito e realizzato ad hoc. Nell’ambito della rassegna sono presenti inoltre dei disegni ad acquerello inediti, tra cui un rotolo di carta lungo 15 metri su cui gli artisti hanno rappresentato antiche favole armene raccontate dal padre di Yervant Gianikian.
Il progetto di mostra prevede tre diverse stazioni.
1) Un display che ospita disegni, acquerelli, un manifesto (tutti materiali realizzati dagli anni ’70 ai giorni nostri) e l’installazione video di Carrousel de jeux.
2) La marcia dell’uomo, un’installazione video in cui tre grandi schermi rivelano uno dopo l’altro tre momenti chiave della storia delle immagini del’900.
3) Cinque installazioni significative del percorso artistico di Gianikian e Ricci Lucchi: la serie di Frammenti Elettrici (diffusa su 4 pareti in simultanea), Visions of the Desert, Trittico del Novecento, Terrae Nullius, Topografie.  Un grande affresco audiovisivo in cui si succedono una dopo l’altra le installazioni concepite dal 2000 in poi per spazi espositivi e museali.

Eventi collaterali

Il 17 maggio è prevista una serata con proiezioni di film in 16 mm, una performance di cinema espanso con la diffusione di “film profumati” (celebre performance di Gianikian e Ricci Lucchi negli anni ’70) e una conversazione con gli artisti.

Altri progetti espositivi

A confronto con la ricerca sperimentale di Gianikian e Ricci Lucchi, lo spazio espositivo di HangarBicocca ospiterà (dal 12 aprile al 10 giugno 2012) la poetica installazione dell’artista tedesco Hans-Peter Feldmann, Shadow Play (2002-2012). Un’opera di riferimento nella storia dell’arte contemporanea, riallestita dall’artista appositamente per l’occasione.

Scheda info

Titolo della mostra: NON NON NON
Artisti: Yervant Gianikian e Angela Ricci Lucchi
A cura di: Andrea Lissoni con Chiara Bertola
Opere: Sette installazioni video, acquerelli, materiale vario
Inaugurazione: 11 aprile 2012, ore 19.00
Periodo di mostra: 12 aprile – 10 giugno 2012
Luogo: HangarBicocca
Indirizzo: Via Chiese 2 Milano
Orari: Giovedì – Domenica dalle 11 alle 23
Ingresso: Gratuito
Laboratori per bambini: Attivi il sabato e la domenica
Tel per il pubblico: 02.6611.1573
Info per il pubblico: info@hangarbicocca.org  www.hangarbicocca.org
Ufficio Stampa:
Angiola Maria Gili angiola.gili.ex@hangarbicocca.org /tel. 335 6413100
Stefano Zicchieri stefano.zicchieri.ex@hangarbicocca.org /tel. 334 6160366

 

Previous post

HANGARBICOCCA, THE SPACE REOPENS - HANGARBICOCCA SI RINNOVA - MILAN

Next post

AI WEIWEI - LISSON GALLERY MILAN

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *