EventsVENICE

PAVILION TIBET – FINISSAGE | PROJECT BY RUGGERO MAGGI – VENICE

Pavilion Tibet
project by Ruggero Maggi

Tibet: a country that has always recalled a religious, mystical feeling of peace. Tibet has been a kind of vital, spiritual “junction box” for all human beings, in contrast to the neighboring country driven by distructive materialistic consumerism (until one day of many decades ago, it was  conquered by China). Since then, Tibet has been oppressed, to the point that culture and language are now at risk of being lost forever. Both these countries are full of great charm and mystery, but one country is overwhelmed by the another. Now, some people want to annihilate them both, by pushing one into physical and cultural-psychological abyss of destruction, and brutalizing the another with the awareness spectrum  of being guilty for a terrible oppression act,  which has been condemned (not strongly enough) by other countries. Since the beginning, the Venice Biennial has given each country the chance to show their own and most representative artistic works, through the National Pavilion.Pavilion Tibet is a simple idea, but with inner strong emotional charge, as dreams are. And like a daydream, it’s not able, at least for now, to find an official place in the Biennial itself, for the simple reason that Tibet can’t be recognized as a sovereign country. And all this, of course, officially.

I believe that art, as a system, needs to fight against all this, by using all those means and possibilities of what is capable. By breaking patterns and the wall of silence that for too long is making vain attempts to help Tibetan people. I like to consider this project as a parallel event to the Biennial itself, as they are both (sorry for approaching as in David and Golia!), just travelling on parallel tracks, without ever being able to meet until, of course, Tibet is officially recognized as a Nation. Some site-specific multimedial installations dedicated to Tibet will exhibited and a wide review of works will be realized directly on Khata, the typical scarf, used in Tibet by the monks as a greeting. It’s going to be a wonderful event able to highlight the union between Sacred Tibetan Art and Western Contemporary Art.

I have no illusions: I know this project it’s just a little thing, but I hope it can help to break the indifference that, for some inexplicable reasons, has grown up around the tragedy of this wonderful country with metaphysical heights. Each National Biennial Pavilion is a great art container … while the Tibet Pavilion is Art in its own concept!

Pavilion Tibet
project by Ruggero Maggi

Artists:
Dario Ballantini, Piergiorgio Baroldi, Donatella Baruzzi, Luisa Bergamini, Rosaspina B. Canosburi, Nirvana Bussadori, Silvia Capiluppi, Angela Maria Capozzi, Tamding Choephel, F. Romana Corradini, Marzia Corteggiani, G. Luca Cupisti, Teo De Palma, Anna Maria Di Ciommo, Laura Di Fazio, Marcello Diotallevi, Luigi Filograno, Roberto Franzoni, Fernando Garbellotto, Ferruccio Gard, Annamaria Gelmi, Luciano G. Gerini, Isa Gorini, Franca Lanni – Renata Petti, Bruno Larini, Pino Lia – Celina Spelta, Oronzo Liuzzi, Ruggero Maggi, Fabrizio Martinelli, Gianni Marussi – Alessandra Finzi, Renato Mertens, Simona Morani, Paolo Nutarelli, Clara Paci, Marisa Pezzoli, Benedetto Predazzi, Tiziana Priori, Antonella P. Giurleo, Dorjee Sangpo, Sergio Sansevrino, Roberto Scala, Gianni Sedda, Roberto Testori, topylabrys, Micaela Tornaghi, Monika Wolf.

Spazio Art&fortE LAB c/o Palazzo Cà Zanardi
Cannaregio 4132 – Venezia
4 june – 30 august 2011
opening day
:  4 giugno 2011 at 18.00
10.00 – 18.00 monday closed
Linea n°1 – Ca’ d’Oro
information: camera312@fastwebnet.it – www.padiglionetibet.com

Padiglione Tibet_simbolo

Tibet Pavilion
a dream that made a mark

Firm decisions are necessary, from now on, to keep believing, hoping for a country with a violent dignity, with a hurt culture: Ruggero Maggi’s project for Tibet Pavilion INviso – dedicated to the monk Tsewang Norbu that recently immolated himself – wants to be a strong protest sign to remember all Tibetan martyrs, which spirit is embodied by the Dalai Lama, central figure in the Tibetan community.

His face is Tibet’s symbol.

His spirituality is a monition for all, a monition for do not forget… The idea is disarming in his simplicity:

on Sunday 28th August, artists, friends and supporters of the Tibetan cause are going to meet at the pavilion from 10.00 am to 12.00 am to walk together, crying out in silent pain and protest, wearing a mask with Dalai Lama’s face, the most INviso face for Chinese politicians, until the entrance of the Arsenale, where the China Pavilion is hosted, for a silent and bleeding presence.

Tragic masks will cry without sound their outrage through a collective action.

Tibet Pavilion is going to finish his Venetian phase with a finissage on Sunday 28th August at 17.00. In this occasion is going to be presented a over 3 hour-long video-catalogue that resumes  khata works, typical scarfs offered by Tibetan monks as a welcome and friendship sign, contemporary artist’s participations, Kappa and her group’s performance, poetical reading by Paola Caramel, live set by Romina Salvadori ft Madriema, italian and english poetical texts, Dario Ballantini’s interview, Arcana’s event, Dalai Lama’s birthday with the purposeful presence of Tamding Choephel (Tibet Culture House) and Claudio Tecchio (Campagna di Solidarietà con il Popolo Tibetano) and the production of a mandala which dispersion ceremony will be done by Tibetan monks during the evening 28th August it is going to present also the video “Not me” by Francesca Lolli, with Shi Yang Shy, emblematic presence of a brave Chinese artist at the event.


Tibet Pavilion
project by Ruggero Maggi
Spazio Art&fortE LAB c/o Palazzo Cà Zanardi
Cannaregio 4132 – Venezia
4 june – 30 august 2011
10.00 – 18.00 monday closed
Linea n°1 – Ca’ d’Oro

Artists:
Dario Ballantini, Piergiorgio Baroldi, Donatella Baruzzi, Luisa Bergamini, Rosaspina B. Canosburi, Nirvana Bussadori, Silvia Capiluppi, Angela Maria Capozzi, Tamding Choephel, F. Romana Corradini, Marzia Corteggiani, G. Luca Cupisti, Teo De Palma, Anna Maria Di Ciommo, Laura Di Fazio, Marcello Diotallevi, Luigi Filograno, Roberto Franzoni, Fernando Garbellotto, Ferruccio Gard, Annamaria Gelmi, Luciano G. Gerini, Isa Gorini, Franca Lanni – Renata Petti, Bruno Larini, Pino Lia – Celina Spelta, Oronzo Liuzzi, Ruggero Maggi, Fabrizio Martinelli, Gianni Marussi – Alessandra Finzi, Renato Mertens, Simona Morani, Paolo Nutarelli, Clara Paci, Marisa Pezzoli, Benedetto Predazzi, Tiziana Priori, Antonella P. Giurleo, Sergio Sansevrino, Roberto Scala, Gianni Sedda, Roberto Testori, topylabrys, Micaela Tornaghi, Monika Wolf.

Statements by:
Adriano Accattino, Piergiorgio Baroldi, Massimo Bignardi, Mauro Carrera, Andrea Chinellato, Tamding Choephel, Ornella Garbin, Lorella Giudici, Ruggero Maggi, Massimo Scaringella, Claudio Tecchio, Roberto Vidali.

Information: camera312@fastwebnet.itwww.padiglionetibet.com   320.9621497

..)(..

Invito a partecipare a
Invitation on to participate to

INviso
azione collettiva a cura di Ruggero Maggi per Padiglione Tibet
a collective action by Ruggero Maggi for Tibet Pavilion

Per continuare a credere, a sperare in un paese dalla dignità violentata, dalla cultura ferita sono necessarie ora più che mai azioni decise: INviso – dedicato al monaco Tsewang Norbu che si è recentemente autoimmolato – vuole essere un forte segno di protesta per ricordare tutti i martiri tibetani, lo spirito dei quali è incarnato dalla figura centrale, nella comunità tibetana, del Dalai Lama. Il suo volto è l’emblema del Tibet.
La sua spiritualità è un monito per tutti, un monito a non dimenticare…L’idea è disarmante nella sua semplicità: domenica 28 agosto artisti, amici, sostenitori della causa tibetana si troveranno dapprima presso Padiglione Tibet dalle 10.00 alle 12.00 circa per poi recarsi, uniti in un unico grido silenzioso di dolore e di protesta indossando una maschera con il viso del Dalai Lama… senza dubbio il volto più INviso ai politicanti cinesi, davanti all’ingresso dell’ Arsenale di Venezia che ospita il Padiglione Cinese, per una silenziosa quanto angosciante presenza. Tragiche maschere che urleranno senza suono il proprio sdegno attraverso l’azione collettiva.

Firm decisions are necessary, from now on, to keep believing, hoping for a country with a violent dignity, with a hurt culture: Ruggero Maggi’s project for Tibet Pavilion INviso – dedicated to the monk Tsewang Norbu that recently immolated himself – wants to be a strong protest sign to remember all Tibetan martyrs, which spirit is embodied by the Dalai Lama, central figure in the Tibetan community. His face is Tibet’s symbol. His spirituality is a monition for all, a monition for do not forget… The idea is disarming in his simplicity: on Sunday 28th August, artists, friends and supporters of the Tibetan cause are going to meet at the pavilion from 10.00 am to 12.00 am to walk together, crying out in silent pain and protest, wearing a mask with Dalai Lama’s face, the most INviso face for Chinese politicians, until the entrance of the Arsenale, where the China Pavilion is hosted, for a silent and bleeding presence. Tragic masks will cry without sound their outrage through a collective action.

Per partecipare all’azione collettiva del 28 agosto:
to participate to then 28th of August action:

• Sei invitato a stampare su cartoncino il viso del Dalai Lama che ti mando in allegato ed a ritagliarne i lineamenti seguendo i trattini che delimitano anche la zona degli occhi. Print the Dalai Lama’s face here included on thin cardboard and cut it following the hyphens.

• Dovrai poi fissare sul retro con semplici punti metallici un elastico, precedentemente tagliato, per realizzare la maschera che indosserai come azione di protesta davanti all’ingresso dell’Arsenale che ospita il Padiglione Cinese a Venezia. Fix on the back a cut rubber band to realize the mask which you’ll put on your face.

• Ci si incontrerà comunque prima a Padiglione Tibet (Spazio Art&fortE LAB c/o Palazzo Cà Zanardi – Cannaregio 4132 – Venezia) dalle 10.00 alle 12.00 circa per coordinare l’azione e successivamente per recarci tutti insieme davanti all’ingresso dell’Arsenale. Meeting at Tibet Pavilion (Spazio Art&fortE LAB c/o Palazzo Cà Zanardi – Cannaregio 4132 – Venezia) from 10.00 am to 12.00 am of Sunday the 28th of August

• L’intera azione verrà documentata sul sito www.padiglionetibet.com e su altri importanti veicoli di comunicazione. The whole action will be documented on the web-site www.padiglionetibet.com and on other important media.

Ti raccomando anche di estendere al maggior numero di persone questo invito …..
dobbiamo essere in tanti!!

Please, spread this invitation to the mayor number of persons …..
we must be many!!

Padiglione Tibet
progetto ideato e curato da Ruggero Maggi

Tibet: una nazione che evoca da sempre un sentimento religioso, mistico, di pace, una vitale “centralina” spirituale per tutti gli esseri umani in contrapposizione con un paese confinante (ora non più, visto che lo ha occupato da decenni) dal devastante materialismo consumistico.
Un Paese oppresso, la cui stessa cultura, la propria lingua rischiano di essere perdute per sempre. Un paese schiacciato da un altro popolo vicino, anch’esso ricco di fascino e mistero. Ora qualcuno desidera annichilirli entrambi, gettandone uno nel baratro della distruzione, sia fisica che culturale e psicologica, abbruttendo l’altro con lo spettro della consapevolezza di stare per compiere un terribile atto di sopraffazione condannato (non abbastanza) dalle altre Nazioni.

La Biennale veneziana da sempre offre l’opportunità ad ogni Paese di presentare le proprie realtà artistiche più rappresentative con i Padiglioni Nazionali.

E’ qui interessante evidenziare ciò che Angela Vettese in un articolo dal titolo “L’arte ritrova geografia ed identità” pubblicato su “Il Sole 24 Ore” scrive a proposito delle nazioni che vogliono avere un padiglione nazionale:

“[…] 87, dieci più che nella scorsa edizione e il più alto numero mai raggiunto dal 1895… alcuni cercano spazio in omaggio alla rafforzata presenza economica nello scacchiere internazionale, altri per le difficili condizioni che stanno vivendo … Evidentemente la palestra veneziana può attirare l’attenzione sulle proprie emergenze. Partecipare significa provare che si esiste e che si resiste. Anche se “la cultura non si mangia” fa parte delle cose necessarie a definire un’identità…. Il piano dell’agonismo, quello su cui si reclama la propria esistenza come comunità distinta, si è rafforzato… La Biennale di Venezia….torna d’attualità anche perché si presta a presentare la nuova geografia. Tuttavia e per fortuna, ha trovato un nuovo modo di essere diventando un’ambasciata a cielo aperto: un posto dove, anno dopo anno, gli abitanti locali lasciano il posto anche a Istituti di cultura stranieri e a luoghi adatti a trasformarsi in Padiglioni.”

Questa sensibile e profonda disamina di Angela Vettese, conclude così:
“Quella che aprirà a giugno sarà una mostra che non parla di una generica umanità, sogno che fu dei curatori fino all’11 settembre 2001, ma del dialogo che è necessario costruire fra 87 e più paesi.”

Padiglione Tibet, un’idea che nella propria semplicità racchiude una forte carica emozionale, è un sogno, una chimera che non potrà, almeno per ora, trovare una collocazione ufficiale all’interno della Biennale stessa per la semplice ragione che il Tibet non può essere riconosciuto come Paese sovrano.
Tutto ciò naturalmente a livello ufficiale.

Credo che il sistema arte debba opporsi a tutto questo, usando i mezzi e le possibilità che la sua stessa struttura le offre, rompendo gli schemi ed il muro di silenzio che da troppo tempo sta rendendo vano ogni tentativo di aiuto al popolo tibetano. Mi piace definire questo progetto come un evento parallelo alla Biennale stessa in quanto entrambe le iniziative (scusate per questo abbinamento alla Davide e Golia!) viaggiano appunto su binari paralleli, senza mai potersi incontrare, naturalmente finché il Tibet non venga riconosciuto ufficialmente come nazione. Alcuni artisti, per lo più monaci tibetani, creeranno in loco mandala concepiti da artisti contemporanei; saranno previsti anche interventi di scultori tibetani, alcune installazioni site-specific multimediali di video arte sempre dedicata al Tibet e per concludere una grande rassegna di opere realizzate direttamente su KHATA, la tipica sciarpa “utilizzata” in Tibet come forma di saluto. Un grande evento in cui sarà evidenziato il connubio tra Arte Sacra Tibetana ed Arte Contemporanea Occidentale. E’ prevista inoltre la creazione di un laboratorio-Mandala per bambini (e non solo!) diretto dagli stessi monaci.

Non mi illudo: so benissimo che questo mio progetto sarà solo una piccola goccia che però spero possa contribuire a far traboccare il vaso colmo di indifferenza che, per ragioni inesplicabili, si è creato intorno alla tragedia di questo meraviglioso paese dalle metafisiche vette.

Previous post

YOKOHAMA TRIENNALE 2011

Next post

NEW MUSEUM PRESENTS A SPECIAL PROJECT BY ARTIST ELENA DEL RIVERO TO COMMEMORATE THE TENTH ANNIVERSARY OF 9/11 | N.Y.

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *