Biennale di VeneziaEventsVENICE

LA BIENNALE DI VENEZIA PRESENTS MEETINGS ON ARTS

Patti Smith Coney Island Photo credits: Steven Sebring
Patti Smith Coney Island Photo credits: Steven Sebring

la Biennale di Venezia presents Meetings on Arts

a series of conversations with artists, curators, philosophers and scholars at the 54th International Art Exhibition – ILLUMInations

Patti Smith and Karl Holmqvist
Rimbaud, Poetry & Rock’n’ Roll – an Expanded Conversation
Saturday September, 3rd 2011, at 4 PM Giardini in the para-pavilion by Oscar Tuazon

Venice, August, 31st 2011 – The time has come for the second in the Meetings on Art, a series of conversations with artists, curators, philosophers and scholars organized by the Biennale di Venezia chaired by Paolo Baratta, as part of the 54th International Art Exhibition ILLUMInazioni, curated by Bice Curiger. Following the success of the first lecture/informal discussion with Laurie Anderson, the second meeting – Rimbaud, Poetry & Rock’n’ Roll – an Expanded Conversation -will feature the participation of artists Patti Smith and Karl Holmqvist. It will be held at the Giardini, in the para-pavilion by Oscar Tuazon, Saturday September 3rd at 4 o’ clock and will be open to visitors holding an entrance ticket valid for that day (in case of bad weather, the event will be held in the Teatro Piccolo, Arsenale). The conversation, introduced by Bice Curiger, will concentrate on the figure of Arthur Rimbaud. The title of the 54th Exhibition is an explicit reference to his Illuminations, the collection of prose poems published in 1886.

As Karl Holmqvist explains: “Illuminations had been written over a few years in the early 1870s, a period when Rimbaud must have been more or less constantly traveling. The short prose poems that make up the collection share a certain restlessness with their young author—none of them are more than one page long, even if they are quite densely written. Words shift in meaning and the syntax is erratic, often conveying a sense of revelation and drama. Apparently, Rimbaud was fond of keeping lists of words while out on his travels, and one of the challenges of his writing was to include as many of these words as possible in ever new and striking combinations. Whether exotic-sounding or simply unexpected, they cause mini-explosions behind one’s eyes, setting off a type of firework semantics in chains of associations and possible meanings.”

Throughout her career, Patti Smith has dedicated performances, poetry, drawings and writings to Rimbaud. At the age of sixteen, she discovered the work of the poet and was totally seduced by his language and his person. She talks about how fascinated she was: “The first thing I got from Rimbaud was the power of his image: his face. I was young and didn’t have a boyfriend; I looked at Illuminations: he was really striking. He wore his hair long, long before the Beatles. He was so simple, nothing in particular. He looked like a sort of Bob Dylan. When I got his book I was totally into rock’n’roll, I didn’t care about poetry at all; what I was really interested in was perfection. Rimbaud’s poetry was perfection on the page, like shiny graphite”. In her book, Just Kids, Patti Smith goes back to this first meeting with
her “hero” Rimbaud whose “irreverent intelligence” would make him, over the years, her “countryman, brother and secret lover”. In 1973, on the day of the anniversary of the poet’s death, Patti Smith held her first concert in New York entitled “Rock and Rimbaud” with guitarist Lenny Kaye, two years before her first album was released, launching her lengthy musical career.

Patti Smith (USA, 1946) is a singer, musician, poet and visual artist. She is considered one of the most influential components of the New York punk-rock scene starting in the mid-Seventies. Her debut album, Horses (1975), was followed by nine others including: Radio Ethiopia (1976), Easter (1978), Dream of Life (1988), Gone Again (1996), Trampin’ (2004) and Twelve (2007). In 2005 she was named Commandeur de l’Ordre des Arts et des Lettres by the French Minister of Culture and in 2007 she was inducted into the Rock and Roll Hall of Fame (Cleveland, Ohio, USA). In 2002 the Andy Warhol Museum in Pittsburgh (USA) dedicated a retrospective to her work – Strange messenger: the work of Patti Smith – composed of more than sixty works, and in 2008 the Fondation Cartier in Paris showed more than two hundred and fifty Polaroid shots by the artist in a personal exhibition entitled Patti Smith Land 250. In 2003 she participated in the 50th International Art Exhibition of la Biennale di Venezia in the section Stazione Utopia. In 2010 her autobiography Just Kids was published in US by Harper Collins and received the National Book Award: it tells about her early career in New York in the Seventies and her relationship with photographer and friend Robert Mapplethorpe.

Karl Holmqvist (Sweden, 1964) is an artist, poet, performer and atypical activist. In 1987 he graduated in Literature and Linguistics from the University of Stockholm. He works with various media and supports, creating installations, sound pieces, videos, performances, collages and artist’s books. His work is distinguished by his profound social and political commitment, which he manifests in an extremely personal and eccentric form. His works bring together heterogeneous references from the underground culture and allude to figures who are very different from one another: from Jesus to William Blake, from William Burroughs to Patti Smith. His personal exhibitions include: I’ll Make the World Explode at the Giti Nourbakhsch gallery in Berlin and at the Gaga Arte Contemporaneo in Mexico City (2009) and the exhibition GÅVÄNTASTANNA at the Marabouparken in Sweden (2006). He also participated in Manifesta 7 in Trento (2008), Manifesta 8 in Murcia, Spain (2010) and in the collective The Moderna Exhibition 2010 at the Moderna Museet in Stockholm (2010). A collection of his writings was published in 2009 by BookWorks in London under the title What’s My Name?. Holmqvist is participating in the 54th International Art Exhibition with three works on display at the Central Pavilion.

The next conversations in Meetings on Art will be held between October, 1st and November 27th in the Sala delle Colonne of Ca’ Giustinian – the Biennale headquarters -, at the Teatro Piccolo and at the Teatro alle Tese in the Arsenale. These meetings will develop some of the thematic issues addressed in the exhibition ILLUMInazioni: Community and nations, Globalization, Art and Nations, the references to Tintoretto and a closing round table discussion on the role of the curator. The last meeting will take place in three parts, Saturday 26 and Sunday 27 November, during which the President of la Biennale Paolo Baratta and Director Bice Curiger will engage in a debate with eminent curators, critics and museum directors, including the former international curators of the Venice Art Biennale.

The Meetings on Art events at the Teatro alle Tese, Arsenale will be open to the visitors of the 54th Exhibition who hold an entrance ticket for the day of the meeting, until available seating is filled. Ticket price € 20.00. Reduced price € 16.00. Students/Under 26 € 12.00. Tickets are valid for one entrance to the Arsenale and one to the Giardini.

Karl Holmqvist 2011 Photo credit: Anders Sune Berg
Karl Holmqvist 2011 Photo credit: Anders Sune Berg

la Biennale di Venezia presenta Meetings on Art
una serie di conversazioni con artisti, curatori, filosofi e studiosi
in occasione della 54. Esposizione Internazionale d’Arte – ILLUMInazioni

Patti Smith  e Karl Holmqvist
Rimbaud, Poetry & Rock’n’ Roll – an Expanded Conversation
Sabato 3 settembre 2011 ore 16
Giardini, presso il para-padiglione di Oscar Tuazon

Venezia, 31 agosto 2011 – Al via il secondo appuntamento di Meetings on Art, una serie di conversazioni con artisti, curatori, filosofi e studiosi organizzata dalla Biennale di Venezia presieduta da Paolo Baratta, nell’ambito della 54. Esposizione Internazionale d’Arte ILLUMInazioni, curata da Bice Curiger.
Dopo il successo della prima conferenza/discussione informale con Laurie Anderson, il secondo incontro – Rimbaud, Poetry & Rock’n’ Roll – an Expanded Conversation – vede la partecipazione degli artisti Patti Smith e Karl Holmqvist. Si terrà ai Giardini, presso il para-padiglione di Oscar Tuazon, sabato 3 settembre alle ore 16 e sarà aperto al pubblico in possesso del titolo di ingresso valido per quel giorno (in caso di maltempo si svolgerà al Teatro Piccolo, Arsenale). La conversazione, introdotta da Bice Curiger, si concentrerà sulla figura di Arthur Rimbaud. Il titolo della 54. Esposizione fa infatti esplicito riferimento alle sue Illuminations, la raccolta di poemi in prosa pubblicata nel 1886.

Come spiega Karl Holmqvist “Le Illuminazioni sono state scritte nell’arco dei primi anni settanta del XIX secolo, un periodo in cui Rimbaud fu presumibilmente quasi sempre in viaggio. I brevi componimenti in prosa di cui si compone la raccolta hanno in comune l’inquietudine del loro giovane autore: nessuno è più lungo di una pagina anche se tutti sono piuttosto densi di contenuto. I vocaboli cambiano significato e la sintassi è incostante, veicolando un senso di rivelazione e drammaticità. A quanto pare, Rimbaud amava compilare elenchi di parole mentre viaggiava, e una delle sfide in cui si cimentava nei suoi scritti consisteva nell’uso di quanti più vocaboli possibile tra quelli inclusi nelle liste, che venivano combinati in maniera sempre nuova e singolare. Che abbiano un suono esotico o siano semplicemente insoliti, questi termini provocano piccole esplosioni sotto gli occhi del lettore, innescando una sorta di semantica pirotecnica composta da concatenazioni di associazioni e significati possibili”.

Nel corso della sua carriera Patti Smith ha dedicato a Rimbaud performance, poesie, disegni e vari scritti. All’età di sedici anni scopre l’opera del poeta il cui linguaggio e figura la seducono completamente. Racconta così la sua fascinazione: “La prima cosa che ho avuto da Rimbaud è stato il potere della sua immagine: la sua faccia. Ero giovane e non avevo un ragazzo; ho guardato le Illuminazioni: era proprio un bel tipo. Portava anche i capelli lunghi, molto prima dei Beatles. Era così semplice, niente di eccezionale. Sembrava una sorta di Bob Dylan. Quando ebbi il suo libro ero immersa nel rock’n’roll, non me ne fregava niente della poesia; quello che mi interessava davvero era la perfezione. La poesia di Rimbaud era perfezione sulla pagina, come grafite luccicante”. Nel suo libro, Just Kids, Patti Smith ritorna a questo primo incontro con l’“eroe” Rimbaud che, per la sua “irreverente intelligenza”, diventerà nel corso degli anni un “compatriota, fratello e amante segreto”. Nel 1973, nel giorno dell’anniversario della morte del poeta, Patti Smith tiene a New York il suo primo concerto dal titolo “Rock and Rimbaud” con il chitarrista Lenny Kaye, due anni prima dalla pubblicazione del primo album che darà inizio alla sua decennale carriera musicale.

Patti Smith (USA, 1946) è cantante, musicista, poetessa e artista visiva. È considerata una delle componenti più influenti della scena punk-rock newyorkese a partire dalla metà degli anni ’70. Dopo l’album d‘esordio Horses (1975), seguono altri nove lavori tra cui: Radio Ethiopia (1976), Easter (1978), Dream of Life (1988), Gone Again (1996), Trampin’ (2004) e Twelve (2007). Nel 2005 è stata nominata Commandeur de l’Ordre des Arts et des Lettres dal Ministro della cultura francese e dal 2007 è entrata a far parte della Rock and Roll Hall of Fame (Cleveland, USA). Nel 2002 l’Andy Warhol Museum di Pittsburgh (USA) le ha dedicato una retrospettiva – Strange messenger: the work of Patti Smith – composta da più di sessanta opere, e nel 2008 la Fondation Cartier di Parigi ha esposto, nella personale dal titolo Patti Smith Land 250, più di duecentocinquanta polaroid dell’artista. Nel 2003 ha partecipato alla 50. Esposizione Internazionale d’Arte della Biennale di Venezia nella sezione Stazione Utopia. Nel 2010 è stata pubblicata in Italia da Feltrinelli l’autobiografia, Just Kids, (National Book Award negli Stati Uniti) in cui ripercorre i suoi esordi nella New York degli anni ‘70 e il suo legame con il fotografo e amico Robert Mapplethorpe.

Karl Holmqvist (Svezia, 1964) è artista, poeta, performer e attivista atipico. Nel 1987 si laurea in Letteratura e Linguistica all’Università di Stoccolma. Lavora con vari linguaggi e supporti creando installazioni, opere sonore, video, performance, collage e libri d’artista. La sua opera è caratterizzata da un profondo impegno sociale e politico, manifestato in modo estremamente personale ed eccentrico. Nei suoi lavori mette insieme rimandi eterogenei provenienti dalla cultura underground e fa riferimento a figure molto lontane tra loro: da Gesù a William Blake, da William Burroughs a Patti Smith. Tra le sue mostre personali ricordiamo: I’ll Make the World Explode alla galleria Giti Nourbakhsch di Berlino e al Gaga Arte Contemporaneo di Città del Messico (2009) e la mostra GÅVÄNTASTANNA al Marabouparken in Svezia (2006). Ha partecipato, inoltre, a Manifesta 7 a Trento (2008), Manifesta 8 a  Murcia, Spagna (2010) e  alla collettiva The Moderna Exhibition 2010 al Moderna Museet di Stoccolma (2010). Una raccolta dei suoi scritti è stata pubblicata nel 2009 da BookWorks, Londra con il titolo What’s My Name?. Holmqvist partecipa alla 54. Esposizione con tre lavori esposti al Padiglione Centrale.

Le prossime conversazioni di Meetings on Art si terranno dal 1 ottobre al 27 novembre nella Sala delle Colonne di Ca’ Giustinian – sede della Biennale – , al Teatro Piccolo e al Teatro alle Tese all’Arsenale. Nel corso di questi incontri saranno sviluppati alcuni dei nuclei tematici affrontati dalla mostra ILLUMInazioni: Comunità e nazioni, Globalizzazione, arte e nazioni, i richiami a Tintoretto e una tavola rotonda finale sulla figura del curatore. L’ultimo incontro si svolgerà in tre parti, sabato 26 e domenica 27 novembre e vedrà il Presidente della Biennale Paolo Baratta e la direttrice Bice Curiger confrontarsi con eminenti curatori, critici e direttori di museo, fra i quali figurano anche gli ex-curatori internazionali della Biennale di Venezia.
Gli appuntamenti di Meetings on Art al Teatro alle Tese, Arsenale saranno accessibili al pubblico che visita la 54. Esposizione, in possesso del titolo di ingresso il giorno dell’incontro, fino a esaurimento posti disponibili. Biglietto intero € 20,00. Ridotto € 16,00. Studenti / Under 26  € 12,00. I biglietti sono validi per un ingresso all’Arsenale e uno ai Giardini.

Further Information
Art Press Office – la Biennale di Venezia
Ph. +39 041 5218 – 849/846/716
infoartivisive@labiennale.org
www.labiennale.orgwww.labiennalechannel.org
Facebook: La Biennale di Venezia Twitter: la_Biennale

Previous post

I LIKE TUESDAYS: PATRIK TUTTOFUOCO AND FRANCO FARINELLI – DEUTSCHE BANK ART COLLECTION | MILAN

Next post

SCOPE BASEL 2011

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *