DesignMILAN

MILANO DESIGN WEEKEND 2011

Si è conclusa domenica 9 la seconda edizione di MILANO DESIGN WEEKEND.
“Diamoci del tu. Dialoghi fra arte e design”:
l’evento dedicato a shopping di arredamento, percorsi di design, arte, architettura e musica
6-9 ottobre 2011

Si è conclusa domenica 9 ottobre con grande soddisfazione di tutti i partecipanti – showroom e istituzioni culturali che hanno registrato il tutto esaurito – la seconda edizione di MILANO DESIGN WEEKEND, lo straordinario evento dedicato a Milano, capitale del design, organizzato congiuntamente dal Gruppo Mondadori e dal Gruppo RCS per sostenere le aziende del comparto arredo, tra le principali eccellenze dell’industria italiana.  

Una grande kermesse con quattro giornate no stop dedicate allo shopping ma anche a percorsi integrati di design, arte, architettura e musica promosse dalle principali istituzioni culturali della città.

Alessi, Atelier du Projet, B&B Italia, Boffi, Calligaris, Cappellini, Cassina, Cavallini 1920, Cerruti Baleri, Cesar Arredamenti, Chateau d’Ax, Febal, Florim Ceramiche, Flos, Galbiati Arreda, Kartell, Kitchens Store, Loft, Luceplan, Mauri Luce e Progetti, Meritalia, Missoni Home, Molteni & C./Dada, Moroni Gomma, Moroso, Natuzzi, Pedali, Poltrona Frau, Sag 80’ Arredamenti, Scavolini, Spazio 900, Tisettanta/Elam, Unifor e Unopiù.

Questi i nomi dei marchi che hanno aderito alla seconda edizione di MILANO DESIGN WEEKEND che ha animato Milano dal 6 al 9 ottobre con un weekend all’insegna dello shopping d’autore: una selezione di prodotti CULT – anche fuori serie e in tiratura limitata – sono stati infatti offerti dagli showroom aderenti solo per i quattro giorni della manifestazione con uno speciale sconto del 30%.



Grande successo di pubblico hanno riscosso l’apertura straordinaria di sabato 8 per la Notte Bianca del Design con eventi e spettacoli gratuiti e quella di domenica 9.

Alessi
Alessi

MILANO DESIGN WEEKEND ha ottenuto il patrocinio dell’Assessorato alla Cultura, Expo, Moda, Design del Comune di Milano e dell’Ordine degli Architetti P.P.C. della Provincia di Milano.

L’evento ha visto anche il contributo di alcune tra le più importanti istituzioni dell’arte e della cultura milanese quali il Triennale Design Museum, il Museo del Novecento e il Civico Museo Archeologico – che partecipano per la prima volta alla kermesse – insieme al circuito delle Case Museo di Milano. Hanno partecipato per la prima volta all’iniziativa anche il Conservatorio di Milano, Palazzo Mezzanotte – sede della Borsa Italiana -, l’Orto Botanico e il PAC Padiglione d’arte contemporanea.

MILANO DESIGN WEEKEND ha riunito il mondo della produzione, della distribuzione e dei media per creare una grande piattaforma di comunicazione capace di rispondere alle esigenze di un consumatore sempre più informato ed esigente. Un’iniziativa unica nel panorama nazionale vista la presenza congiunta di Gruppo Mondadori e Gruppo RCS che, con un grande network di testate dedicate all’arredamento, lavorano insieme ad un progetto che sostiene il mercato e la distribuzione.

Una grande spinta per far crescere la cultura dell’abitare, perfetta testimonianza di un nuovo modo di fare editoria e comunicazione.

 

IL TEMA: Diamoci del Tu. Dialoghi tra arte e design.

MILANO DESIGN WEEKEND si è focalizzato quest’anno sul tema Diamoci del Tu. Dialoghi tra arte e design. Obiettivo era rendere sempre più caldo e coinvolgente il rapporto tra i punti vendita di design e il consumatore finale. Durante tutta la durata della manifestazione, i negozi aderenti si sono trasformati in contenitori di eventi volti ad un nuovo dialogo con il consumatore al quale si è voluto offrire non solo una selezione di prodotti ma una esperienza unica.

I punti vendita sono stati infatti chiamati ad interpretare, attraverso allestimenti e appuntamenti dedicati, il tema che dava il titolo a questa edizione che suggeriva un incontro aperto, ravvicinato, tra la città, il design e l’arte. Simbolo perfetto di una nuova voglia di apertura verso il mondo.

 

Boffi
Boffi

Triennale Design Museum

Partner dell’iniziativa è stato il Triennale Design Museum, punto di riferimento e di divulgazione per il mondo del design, eccellenza in Italia e all’estero, che ha aderito a MILANO DESIGN WEEKEND con una serie di proposte mirate ad avvicinare il grande pubblico al mondo del design.

Dal 6 al 9 ottobre l’ingresso è stato gratuito a Le fabbriche dei sogni, quarta edizione del Triennale Design Museum. Per i più piccoli, Triennale Design Museum ha proposto sabato 8 ottobre e domenica 9 ottobre il progetto TDMKids, rivolto ai bambini dai 4 ai 10 anni, ad un prezzo scontato.

 

BookStores

All’evento hanno partecipato Electa e Skira, tra i più prestigiosi marchi dell’editoria d’arte internazionale, con iniziative realizzate nei Mondadori Multicenter, negli Skira BookStores e nella Libreria Rizzoli Galleria di Galleria Vittorio Emanuele II.

Nei giorni dell’evento Electa e Skira, tra i più prestigiosi marchi dell’editoria d’arte internazionale, hanno offerto una selezione di titoli legati all’architettura, al design e all’arte a prezzi eccezionali.

I bookstore interessati sono stati: i Mondadori Multicenter di Piazza Duomo, via Marghera e Corso Vittorio Emanuele; il Bookshop Electa presso il Museo del Novecento e gli Skira Book Stores Pinacoteca di Brera, Castello Sforzesco, Triennale, La Rinascente Design Supermarket, LaScalaShop, Palazzo Reale e showroom di Palazzo Stampa.
 Oltre alla libreria Rizzoli in Galleria Vittorio Emanuele.

Il Mondadori Multicenter Duomo ha ospito sabato 8 ottobre la puntata zero di BOXING DESIGN. Incontri/Scontri tra Design, Cultura e Innovazione, un format destinato alla televisione, ripreso e mandato in onda da TeleLombardia, a cura di Dalia Gallico in collaborazione con InnovationFestival e TeleLombardia.

Innovativi “incontri/scontri” su un vero “ring” come occasione per mettere a confronto alcuni degli autori di oggetti-icona celebrati in tutto il mondo con designer esponenti delle nuove generazioni. Il primo “match” ha visto la partecipazione dei designer Enzo Mari e Paolo Ulian.


Info Point 

Gli Info Point – allestiti in Largo La Foppa, Via Larga e all’interno degli stand di Gruppo Mondadori e Gruppo RCS al MADE EXPO – hanno garantito la distribuzione del materiale informativo. Ai quattro Info Point si sono aggiunti anche i Mondadori Multicenter di Piazza Duomo e Corso Vittorio Emanuele e la libreria Rizzoli in Galleria Vittorio Emanuele.

 

Alessi
Alessi


Prodotti Cult

In occasione di MILANO DESIGN WEEKEND, i punti vendita e le aziende coinvolte hanno accolto i visitatori con una speciale sorpresa: una selezione di prodotti – anche fuori serie e in tiratura limitata –proposti solo per i quattro giorni della manifestazione con uno speciale sconto del 30%.

 

Concorsi

Durante MILANO DESIGN WEEKEND sono stati proposti due concorsi.

Nel primo, il pubblico ha potuto votare attraverso il sito WWW.MILANO-DESIGNWEEKEND.IT il proprio prodotto CULT preferito. Tra tutti i votanti verrà estratto un vincitore. In palio un weekend per 2 persone a Helsinki. Nel secondo, protagonista è stata la Design Card, una sorta di passaporto del design disponibile on e off line che doveva essere timbrata in ogni location del circuito MILANO DESIGN WEEKEND. Tappa obbligatoria per partecipare al concorso era il Triennale Design Museum. Raggiunti dieci timbri la card poteva essere imbucata nelle urne presenti in tutti i punti vendita, presso la Triennale e negli info point per partecipare, tramite estrazione, ad un grande concorso finale con in palio un weekend per 2 persone a Dubai e Abu-Dhabi.

Saranno inoltre premiate le aziende produttrici dei primi tre prodotti Cult più votati e un’autorevole Giuria selezionerà la migliore interpretazione del tema DIAMOCI DEL TU nelle due categorie: showroom monomarca e showroom multimarca.

La giuria che si riunirà nel mese di novembre sarà composta da Gilda Bojardi – direttore di Interni e GCasa -, Silvia Robertazzi –  managing editor di Casamica e ATCasa – e dal designer Fabio Novembre.

ARTE MILANO

Sulla scia del consenso della prima edizione, durante i giorni della manifestazione sono stati organizzati percorsi culturali tematici (con visite guidate gratuite, a cura di Electa, anche per bambini e stranieri) attraverso il mondo dell’arte, del design, dell’architettura e della musica che hanno coinvolto tutta la città, affiancando il sistema design, riscuotendo grande successo.

Coinvolti per la prima volta Museo del Novecento, Museo Archeologico, Piazza Affari, Orto Botanico, PAC Padiglione d’Arte Contemporanea e Conservatorio G. Verdi, insieme al circuito delle Case Museo.

 

MILANO SEGRETA

In occasione della seconda edizione di MILANO DESIGN WEEKEND,  sono stati proposti anche gli itinerari PROFESSIONISMO COLTO DEL DOPOGUERRA e VICO MAGISTRETTI a cura dell’Ordine degli Architetti P.P.C. della Provincia di Milano e un open day per scoprire i luoghi di lavoro di alcuni tra i progettisti più importanti a livello italiano e internazionale. Gli studi coinvolti sono stati: Cityedge Italian Partner of Studio Daniel Libeskind, Michele De Lucchi, Fragile, Lucchese Design e Studio Gordon Guillaumier

 

MILANO DESIGN WEEKEND è stato supportato da un’importante campagna di comunicazione sui mezzi Mondadori e RCS. La creatività è stata curata dall’agenzia di comunicazione White Label.

.-.-.-.

Outline announce for the second MILANO DESIGN WEEKEND “Diamoci del tu. Dialoghi fra arte e design”: an event dedicated to furniture shopping, accompanied by design, art, architecture and music 6-9 October 2011 Milan, 21 July 2011 – “Diamoci del tu. Dialoghi fra arte e design”: is the theme of the second MILANO DESIGN WEEKEND, the extraordinary event jointly organised by Mondadori and RCS Group to support companies in the furniture business, an Italian industrial sector well known for its excellence. Also dedicated to Milan, a design capital, the event, which after the huge success of the first edition, is back this year from 6 to 9 October; four days of shopping, with integrated features of design, art, architecture and music. An exciting occasion, open to everyone, which aims to spread a contagious desire to discover, learn and explore that will transform the city into an exemplary catalyser of creativity. MILANO DESIGN WEEKEND has also obtained the patronage of the Culture, Expo, Fashion and Design Department of the City of Milan and the Architects’ Association of the city and province. The event also has the support of some of the city’s most significant cultural institutions, including the Triennale Design Museum, the Museo del Novecento and the Case Museo di Milano circuit. Also taking part for the first time is the Conservatorio di Milano. MILANO DESIGN WEEKEND is an event that brings together the worlds of production, distribution and media to create an extensive communication platform able to respond to the demands of increasingly wellinformed and demanding consumers. It is also a unique initiative in Italy involving the joint participation of the Mondadori and RCS groups, with their large networks of titles dedicated to interiors, working together on a project in support of the market and distribution. The event also provides a big boost to the growth of the culture of living, a perfect demonstration of a new way of thinking about publishing and communication. With a full programme, the MILANO DESIGN WEEKEND draws together into a large network branded showrooms, multi-brand furniture shops, museum bookshops and department stores. Also involved are museums, architectural firms and the main bookstores in the city of the two big publishing groups. All of these will remain open on Saturday 8 October until 10 pm during the NOTTE DEL DESIGN (Big Design Night) that will enliven the city with special events and initiatives. An invasion of creativity that will take over and infest the city, making it even more lively. THE THEME: Diamoci del Tu. Dialoghi tra arte e design (On first name terms. A dialogue between art and design). The second edition of MILANO DESIGN WEEKEND is focused on the idea of greater familiarity, with the aim of making the relationship between the sales outlets for design and the final consumer warmer and more engaging. During the whole period of the event, participating shops will become the locations for events aimed at creating a new type of dialogue with consumers, providing not only a selection of products but also a unique experience. In fact, sales outlets will be asked to interpret, with dedicated layouts and activities, the theme that gives the title to this year’s edition that suggests an open, closer encounter between the city, design and art. A perfect symbol of a new desire to be more open to the world. Triennale Design Museum The Triennale Design Museum, a point of reference for the enhancement and promotion of design excellence in Italy and around the world, is a partner of the MILANO DESIGN WEEKEND with a series of proposals aimed at bringing the world of design to a wider audience. From 6 to 9 October entrance will be free for the fourth edition of the Triennale Design Museum’s Le fabbriche dei sogni and Vitality. Korea Young Design, an exhibition in the MINI & Triennale CreativeSet space. And for kids, on Saturday 8 and Sunday 9, the Triennale Design Museum will run its TDMKids project, aimed at children between the ages of 4 and 10. The TDMKids teaching laboratories have been conceived to involve a number of designers in efforts to attract children to the beautiful, the useful and the world of materials with an approach related to the design methods used by individual designers. On this occasion the labs will be offered at the special price of €5 (rather than the standard €8) for each child, including a guided tour of the museum, laboratory activities (which will last 90’) + an educational materials kit with the book Frisello al Triennale Design Museum. Il mistero dei sette semi. In addition, visitors who present the Design Card, with the full complement of stamps, at the booking desk will receive a coupon with a discount for admittance to the exhibition O’Clock. Design del tempo, tempo del design (€4 rather than €8) which will open on 11 October. The offer will remain valid for the first two weeks of the exhibition. Info Point and BookStores Distribution of materials prior to the event will be made through Info Points and bookstores in Piazza San Babila, Largo La Foppa, at the Mondadori and RCS stands at the MADE EXPO and the Mondadori Multicenter stores in Piazza Duomo, Via Marghera and Corso Vittorio Emanuele; the Electa Bookshop at the Museo del Novecento and the Skira bookstores at the Pinacoteca di Brera, the Castello Sforzesco, the Triennale, La Rinascente Design Supermarket, La Scala Shop, Palazzo Reale and the showroom at Palazzo Stampa. As well as the Rizzoli bookshop in the Galleria Vittorio Emanuele. During the event Electa and Skira, two of the world’s most prestigious publishers of art books, will offer a selection of specially priced architecture, design and art titles. Cult products To mark the MILANO DESIGN WEEKEND, the sales outlets and companies involved will welcome visitors with a special surprise: a selection of products – including discontinued lines and limited editions – that will be available only for the four days of the event at a special 30% discount. Competitions Two competitions will also be launched during the MILANO DESIGN WEEKEND. For the first, the public can vote, on the web site WWW.MILANO-DESIGNWEEKEND.IT, for their favourite CULT product. And a prize draw will be made from all of the voters with the prize of a weekend break for two. For the second, the protagonist will be the Design Card, a sort of on and off line design passport that should be stamped at each location in the MILANO DESIGN WEEKEND circuit. When visitors have accumulated ten stamps the card can be put into one of the urns located at the sales outlets, info points and other locations involved in the event. Also here there will be a prize draw with another weekend break for two as the prize. The only obligatory stop to be able to take part in the draw is at the Triennale Design Museum. Prizes will also be awarded to the producers of the three most voted cult products and an authoritative jury will select the best interpretation of the theme of the event in two categories: branded showrooms and multi-brand stores. Cultural attractions A number of initiatives will be staged during the event – art, design, architecture and music – to attract and involve the entre city in support of the design system. These will include: MUSEO DEL NOVECENTO During the MILANO DESIGN WEEKEND, the Museo del Novecento – taking part for the first time in the event – will offer 300 free tickets. The visits, organised by Electa (booking essential), will offer a fascinating chronological journey, starting at the beginning of the twentieth century, through the most important movements and tendencies in Italian art. Visitors will be accompanied by exceptional guides, such as critics and art historians. THE CASE MUSEO ITINERARY Electa will also organise free visits (booking essential) to some of the cities most impressive museum houses: the Museo Bagatti Valsecchi, the Casa Boschi di Stefano, Villa Necchi Campiglio and the Museo Poldi Pezzoli. On this occasion, critics and art historians, architects and archaeologists will be the ‘special’ guides who will accompany visitors, highlighting and explain architectural and design features and stories about masterpieces and artists. THE MILAN MUSIC CONSERVATORY The Conservatory – which is also taking part for the first time in the MILANO DESIGN WEEKENDwill be open to the public on Saturday 8 October for the final concert of the Festival named in honour of Nino Rota, and organised to coincide with the hundredth anniversary of the composer’s birth. Three hundred seats will be available for the concert in the Sala Verdi. Also on Saturday 8, an exclusive concert will be held at the Villa Necchi featuring students of the Conservatory; a meeting of art and music in an extraordinary location, excitingly brought to life by the young musicians of the city’s most prestigious school of music. SECRET MILAN A series of architectural and design visits to discover some of the city’s lesser-known locations, open exceptionally to the public during the event. These include an open day at architect’s and designer’s studios, to encounter the private places of Milan’s design professionals. The following visits are part of the “Secret Milan” initiative: A POSTWAR TOUR AMONG CULTIVATED PROFESSIONALISM (organised by the Architects’ Association of the province of Milan) Put together by Maria Vittoria Capitanucci and dedicated to the profession in Milan during the fifties and sixties, this initiative will concentrate on the architects to contributed to the wide spread of the culture of modernism, with visits to some of the residential buildings created by the architects of the so-called second generation of Lombard rationalism, including buildings by Giulio Minoletti, Luigi Ghò, Vito and Gustavo Latis. THE VICO MAGISTRETTI TOUR (organised by the Architects’ Association of the province of Milan) Put together by Fulvio Irace and Federico Ferrari, this is a presentation of the work of the great Milanese architect and designer, demonstrating his desire to represent the city in buildings such as the Santa Maria Nascente church at QT8 and the Torre al Parco in Via Revere. An architectural approach that moved away from sterile theoretical constructions to reach for an original “theory of praxis”. This tour will also take in the Piazza San Marco complex, the residential building in Via Conservatorio, the headquarters of the Fondazione Magistretti and the office building in Corso Europa. The four tours (two for each itinerary, lasting around two hours) are on foot and tickets can be booked (a maximum of 30 people for each) at a cost of €10. The tours will begin at the headquarters of the Ordine degli Architetti in Via Solferino 17 at 6 pm on Thursday 6, Friday 7 and Saturday 8 – after an aperitif – and at 11 am on Sunday 9, with a welcome coffee. For information and bookings: tel. 02 62534390 – email: fondazione@ordinearchitetti.mi.it MILANO DESIGN WEEKEND will be supported by an important communication campaign on Mondadori and RCS media. The web site WWW.MILANO-DESIGNWEEKEND.IT has a full list of activities and other information about the event. Milan, 21 July 2011 Press Office: Studio Roscio – Via Bistolfi, 49 – 20134 Milano Tel. +39 023450212 – +39 023495882; Fax +39 02311844 – e-mail: info@studioroscio.com ..)(.. Al via la seconda edizione di MILANO DESIGN WEEKEND. “Diamoci del tu. Dialoghi fra arte e design”: l’evento dedicato a shopping di arredamento, percorsi di design, arte, architettura e musica 6-9 ottobre 2011 “Diamoci del tu. Dialoghi fra arte e design” è il tema della seconda edizione di MILANO DESIGN WEEKEND, lo straordinario evento organizzato congiuntamente da Gruppo Mondadori e Gruppo RCS per sostenere le aziende del comparto arredo, tra le principali eccellenze dell’industria italiana. Una grande kermesse, dedicata a Milano, capitale del design, che dopo il grande successo della prima edizione, ritorna quest’anno dal 6 al 9 ottobre con quattro giornate no stop dedicate allo shopping ma anche a percorsi integrati di design, arte, architettura e musica promosse dalle principali istituzioni culturali della città. Un’esperienza entusiasmante, aperta a tutti i cittadini, con l’obiettivo di diffondere una contagiosa voglia di scoprire, imparare, esplorare che trasformerà la città in un esemplare catalizzatore di creatività. MILANO DESIGN WEEKEND ha ottenuto il patrocinio dell’Assessorato alla Cultura, Expo, Moda, Design del Comune di Milano e dell’Ordine degli Architetti P.P.C. della Provincia di Milano. L’evento ha il contributo anche di alcune tra le più importanti istituzioni dell’arte e della cultura milanese quali il Triennale Design Museum, il Museo del Novecento e il Civico Museo Archeologico – che partecipano per la prima volta alla kermesse – insieme al circuito delle Case Museo di Milano. Partecipano per la prima volta all’iniziativa anche il Conservatorio di Milano, la Borsa Italiana e l’Orto Botanico. MILANO DESIGN WEEKEND è un evento che riunisce il mondo della produzione, della distribuzione e dei media per creare una grande piattaforma di comunicazione capace di rispondere alle esigenze di un consumatore sempre più informato ed esigente. Un’iniziativa unica nel panorama nazionale vista la presenza congiunta di Gruppo Mondadori e Gruppo RCS che, con un grande network di testate dedicate all’arredamento, lavorano insieme ad un progetto che sostiene il mercato e la distribuzione. Una grande spinta per far crescere la cultura dell’abitare, perfetta testimonianza di un nuovo modo di fare editoria e comunicazione. MILANO DESIGN WEEKEND con un programma fittissimo collega, in una grande rete di relazioni, show-room monomarca, negozi multimarca di arredamento, bookshop museali e department store. Coinvolti anche musei, studi di architettura e le principali librerie dei due gruppi editoriali in città. Tutti resteranno aperti sabato 8 ottobre fino alle ore 22 per la grande NOTTE DEL DESIGN che animerà la città con eventi ed iniziative speciali. Un’invasione di creatività s’impadronirà e contaminerà quindi la città rendendola più viva. IL TEMA: Diamoci del Tu. Dialoghi tra arte e design. La seconda edizione di MILANO DESIGN WEEKEND si focalizza sul tema Diamoci del Tu. Dialoghi tra arte e design con l’obiettivo di rendere sempre più caldo e coinvolgente il rapporto tra i punti vendita di design e il consumatore finale. Durante tutta la durata della manifestazione, i negozi aderenti si trasformeranno in contenitori di eventi volti ad un nuovo dialogo con il consumatore al quale si vuole offrire non solo una selezione di prodotti ma una esperienza unica. I punti vendita saranno infatti chiamati ad interpretare, attraverso allestimenti e appuntamenti dedicati, il tema che dà il titolo a questa edizione che suggerisce un incontro aperto, ravvicinato, tra la città, il design e l’arte. Simbolo perfetto di una nuova voglia di apertura verso il mondo. Triennale Design Museum Partner dell’iniziativa è il Triennale Design Museum, punto di riferimento e di divulgazione per il mondo del design, eccellenza in Italia e all’estero, che aderisce a MILANO DESIGN WEEKEND con una serie di proposte mirate ad avvicinare il grande pubblico al mondo del design. Dal 6 al 9 ottobre l’ingresso sarà gratuito a Le fabbriche dei sogni, quarta edizione del Triennale Design Museum e a Vitality. Korea Young Design, la mostra presentata negli spazi del MINI&Triennale CreativeSet. Per i più piccoli, Triennale Design Museum propone sabato 8 ottobre e domenica 9 ottobre il progetto TDMKids, rivolto ai bambini dai 4 ai 10 anni. I laboratori didattici di TDMKids sono concepiti coinvolgendo una serie di progettisti e designer con l’intento di avvicinare i bambini al bello, all’utile e al mondo dei materiali con un’impronta legata al metodo progettuale proprio dei designer. In questa occasione i laboratori avranno un prezzo speciale di 5 euro a bambino (anziché 8 euro) comprendente visita al museo con educatore, attività di laboratorio (durata 90’) + kit didattico con il libro Frisello al Triennale Design Museum. Il mistero dei sette semi. Inoltre, i visitatori che presenteranno alla biglietteria la Design Card completa di tutti i timbri riceveranno un coupon che darà diritto ad una speciale riduzione sul costo del biglietto di ingresso alla mostra O’Clock. Design del tempo, tempo del design (4 euro anziché 8 euro) che aprirà l’11 ottobre. L’offerta sarà valida entro i primi 15 giorni di apertura della mostra stessa. Info Point e BookStores Garantiranno la distribuzione del materiale informativo prima dell’inizio dell’evento e saranno allestiti: due nel centro della città (di cui uno in Largo La Foppa), all’interno degli stand di Gruppo Mondadori e Gruppo RCS al MADE EXPO e nei Mondadori Multicenter di Piazza Duomo, via Marghera e Corso Vittorio Emanuele; nel Bookshop Electa presso il Museo del Novecento e negli Skira Book Stores Pinacoteca di Brera, Castello Sforzesco, Triennale, La Rinascente Design Supermarket, LaScalaShop, Palazzo Reale e showroom di Palazzo Stampa. Oltre alla libreria Rizzoli in Galleria Vittorio Emanuele. Nei giorni dell’evento Electa e Skira, tra i più prestigiosi marchi dell’editoria d’arte internazionale, offriranno una selezione di titoli legati all’architettura, al design e all’arte a prezzi eccezionali. Prodotti Cult In occasione di MILANO DESIGN WEEKEND, i punti vendita e le aziende coinvolte accoglieranno i visitatori con una speciale sorpresa: una selezione di prodotti – anche fuori serie e in tiratura limitata – proposti solo per i quattro giorni della manifestazione con uno speciale sconto del 30%. Concorsi Durante MILANO DESIGN WEEKEND saranno proposti due concorsi. Nel primo, il pubblico potrà votare attraverso il sito WWW.MILANO-DESIGNWEEKEND.IT il proprio prodotto CULT preferito. Tra tutti i votanti verrà estratto un vincitore a cui verrà assegnato in premio un weekend per 2 persone a Helsinki. Nel secondo, protagonista sarà la Design Card, una sorta di passaporto del design disponibile on e off line che dovrà essere timbrata in ogni location del circuito MILANO DESIGN WEEKEND. Raggiunti dieci timbri la card potrà essere imbucata nelle urne presenti in tutti i punti vendita, negli info point e nelle altre strutture aderenti all’iniziativa. Si potrà così partecipare, tramite estrazione, ad un grande concorso finale con in premio un altro weekend per 2 persone a Dubai Abu-Dhabi. Tappa obbligatoria per partecipare al concorso sarà il Triennale Design Museum. Saranno inoltre premiate le aziende produttrici dei primi tre prodotti Cult più votati e un’autorevole Giuria selezionerà la migliore interpretazione del tema DIAMOCI DEL TU nelle due categorie: showroom monomarca e showroom multimarca. Percorsi Culturali Sulla scia del consenso e del successo della scorsa edizione, durante la manifestazione verranno organizzati percorsi tematici attraverso il mondo dell’arte, del design, dell’architettura e della musica che coinvolgeranno tutta la città, affiancando il sistema design. MUSEO DEL NOVECENTO Durante i giorni di MILANO DESIGN WEEKEND, il Museo del Novecento – che per la prima volta partecipa alla manifestazione – offrirà 300 ingressi gratuiti. Le visite – “A caccia di antichità nel Museo del Novecento. Una visita archeologica nell’arte contemporanea”, a cura di Marcella Leone e Angela Pola; “Arte cinetica, uno sguardo al design”, a cura di Paola Fenini e Chiara Mari e due percorsi Scultura e Arte Povera, entrambi a cura di Francesco Poli – organizzate da Electa su prenotazione, permetteranno di effettuare un affascinante viaggio alla scoperta di un percorso sviluppato in successione cronologica, che parte dall’inizio del secolo e attraversa i maggiori movimenti e correnti dell’arte italiana. I visitatori saranno accompagnati da “ciceroni” d’eccezione, quali critici e storici dell’arte. Saranno organizzate anche speciali visite guidate per i più piccoli dal titolo: “Andiamo a vedere un museo di arte contemporanea e…facciamo una recensione!”, a cura di Paola Noè dove ai bambini sarà offerta la possibilità di trasformarsi in “critici” d’arte. In più, per aprire la manifestazione alla comunità straniera che vive a Milano o si trova di passaggio per lavoro o vacanza sono state organizzate visite guidate in lingua inglese. CIVICO MUSEO ARCHEOLOGICO Durante i giorni di MILANO DESIGN WEEKEND, il rinnovato Civico Museo Archeologico di Milano partecipa per la prima volta alla manifestazione. Novità di questa edizione, le visite gratuite (su prenotazione, 60 ingressi) organizzate da Electa, guidate da giovani archeologi della scuola di Specializzazione dell’Università degli studi di Milano al Museo Archeologico e alle rovine di epoca romana. Un’iniziativa che vuole proporre alla città, in una settimana già ricca di eventi dedicati al design, un’opportunità culturale preziosa per approfondire il rapporto strettissimo tra arte e artigianato che erano strettamente legati nel mondo antico e inoltre la riscoperta di uno dei complessi archeologici e monumentali meglio conservati della città ma noto a pochissimi. Due i percorsi: “Milano da bere. Archeologia di una coppa di vino”, a cura di Federica Grossi e Giorgio Rossi e “Immagine, potere, imitazione. Moda di una capitale dell’impero”, a cura di Marta Balzar, Elena Belgiovine, Daniele Capuzzo. ITINERARIO CASE MUSEO In occasione di MILANO DESIGN WEEKEND, saranno aperte al pubblico alcune delle più affascinanti Case Museo della città: il Museo Bagatti Valsecchi, Casa Boschi di Stefano, Villa Necchi Campiglio e il Museo Poldi Pezzoli. In questa occasione, critici e storici dell’arte, architetti e archeologi saranno le speciali “guide” che affiancheranno i visitatori nella lettura delle opere, raccontando suggestioni di architetture, oggetti e storie di capolavori e artisti, proponendo una visione insolita e originale di alcuni scorci della città. Numerose e diversificate le proposte: – a Villa Necchi: “Pranzo a Villa Necchi”, a cura di Daniela Tarabra e “Artigianato d’eccellenza a Villa Necchi”, a cura di Silvia Tatozzi; – al Museo Poldi Pezzoli: “I fiori del Conte: la natura e i suoi simboli nelle collezioni del Museo Poldi Pezzoli”, a cura di Lucia Impelluso, “Nella fucina di Vulcano: l’armeria del Poldi Pezzoli”, a cura di Daniela Tarabra e “L’abito non fa il monaco ma l’uomo si: moda e identità nei ritratti maschili del Poldi Pezzoli”, a cura di Marta Alvarez; – a Casa Bagatti Valsecchi: “Design medievale – moderno comfort a Casa Bagatti Valsecchi”, a cura di Paola Fenini e “Vero o falso? Capolavori originali e capolavori “in stile” nella casa di due fratelli collezionisti”, a cura di Stefano Zuffi; – a Casa Boschi di Stefano: “Tè a Casa Boschi. Il fascino discreto di un interno borghese”, a cura di Silvia Borghesi. Le visite tutte gratuite (oltre 750 ingressi gratuiti), sempre su prenotazione, saranno a cura di Electa. Inoltre, sempre dedicate agli stranieri, sono state organizzate visite guidate in lingua spagnola al Museo Poldi Pezzoli. BORSA ITALIANA Partecipa per la prima volta a MILANO DESIGN WEEKEND Palazzo Mezzanotte, lo storico edificio di Piazza Affari che ha ospitato nel suo Parterre le contrattazioni azionarie con le aste a chiamata – cosiddette “alle grida” – e la corbeille, lo spazio nel salone centrale riservato agli intermediari finanziari per la compravendita dei valori mobiliari. Electa organizzerà visite guidate alle mostre “Le maioliche di Gio Ponti a Palazzo Mezzanotte”, a cura di Lorenza Rotti e “Prima dei grattacieli: Milano e gli edifici della città romana”, a cura di Antonio dell’Acqua e Eleonora Romanò (60 ingressi gratuiti). ORTO BOTANICO Altra novità dell’edizione 2011 di MILANO DESIGN WEEKEND è l’Orto Botanico, nato nel 1774 con finalità didattiche scientifiche per volere di Maria Teresa d’Austria, oggi un piccolo gioiello verde incastonato nel complesso di Brera. Electa organizzerà la visita guidata “Passeggiando con Flora: l’orto botanico di Brera tra storia e mito”, a cura di Lucia Impelluso. (60 ingressi gratuiti). CONSERVATORIO DI MUSICA “G. VERDI” DI MILANO Il Conservatorio – che partecipa per la prima volta a MILANO DESIGN WEEKENDaprirà al pubblico della manifestazione sabato 8 ottobre alle ore 21 l’ultimo appuntamento del Festival intitolato a Nino Rota, organizzato in occasione del centenario della nascita del compositore. Questo il programma del concerto (300 i posti riservati): N. Rota – Ouverture Cappello di paglia di Firenze R. Vaughan Williams – Concerto per Tuba in fa minore D. Milhaud – Scaramouche op.165c per Sassofono e orchestra N. Rota – Sinfonia sopra una canzone d’amor Sempre sabato 8, nella mattinata, sarà organizzato un esclusivo concerto jazz nella cornice di Villa Necchi dove si esibiranno gli allievi del Conservatorio. Arte e Musica si incontreranno quindi in un luogo straordinario a cui i giovani allievi del Conservatorio daranno voce, rendendolo vivo e palpitante. Il programma dettagliato delle visite e degli orari sarà pubblicato a partire dal 20 settembre sul sito www.milano-designweekend.it Sarà possibile prenotare la partecipazione alle visite guidate e ai concerti tramite email: milanodesignweekend@mondadori.it e telefono (02 21563235 dal lunedì al venerdì dalle 17 alle 18). MILANO SEGRETA Una proposta di percorsi di architettura e design per conoscere luoghi inediti della città, aperti straordinariamente al pubblico durante i giorni della manifestazione. Tra questi, anche un open day negli studi di architetti e designer, che scoprirà i luoghi privati degli Architetti Milanesi. Nell’ambito di “Milano Segreta” verranno proposte le seguenti iniziative: ITINERARIO PROFESSIONISMO COLTO DEL DOPOGUERRA (a cura dell’Ordine degli Architetti P.P.C. della Provincia di Milano) A cura di Maria Vittoria Capitanucci e dedicato al professionismo milanese degli anni ’50-’60, si concentra sugli architetti che hanno contribuito ad una diffusione capillare della cultura del moderno: prevede la visita ad alcuni edifici residenziali realizzati dai cosiddetti “architetti della seconda generazione” del razionalismo lombardo, con visite a edifici di Giulio Minoletti, Luigi Ghò, Vito e Gustavo Latis. ITINERARIO VICO MAGISTRETTI (a cura dell’Ordine degli Architetti P.P.C. della Provincia di Milano) A cura di Fulvio Irace e Federico Ferrari, presenta le architetture del grande architetto e designer milanese mostrandone la forte volontà di connotare la città in edifici come la Chiesa di Santa Maria Nascente al QT8 e la Torre al Parco di Via Revere. Un approccio all’architettura che si allontana dalle sterili costruzioni teoriche per giungere ad un’originale “teoria della prassi”. Il percorso si snoderà attraverso il Complesso in Piazza San Marco, l’edificio per abitazioni in Via Conservatorio, sede della Fondazione Magistretti e l’edificio per uffici in Corso Europa. I due itinerari (riproposti due volte, della durata di circa due ore) si svolgeranno a piedi e saranno su prenotazione (30 posti ciascuno). Il costo per ogni partecipante è di Euro 10. Per chi si iscrivesse a entrambi è di Euro 15. Gli itinerari partiranno dalla sede dell’Ordine degli Architetti di Via Solferino, 17 alle ore 18 di giovedì 6, venerdì 7 e sabato 8 – preceduti da un aperitivo – e alle ore 11 di domenica 9, con un welcome coffee. Per informazioni e prenotazioni: <http://fondazione.ordinearchitetti.mi.it/index.php/page,Notizie.Dettaglio/id,196 /type,fo?SSID=fsas7epf0696k4vfhe8abgafe6> <http://fondazione.ordinearchitetti.mi.it/index.php/page,Notizie.Dettaglio/id,1961/type,fo?SSID=fsas7epf0696k4vfhe8abgafe6> tel. 0262534390 – email: fondazione@ordinearchitetti.mi.it MILANO DESIGN WEEKEND è supportato da un’importante campagna di comunicazione sui mezzi Mondadori e RCS. Il sito WWW.MILANO-DESIGNWEEKEND.IT riporta tutte le informazioni e gli appuntamenti relativi alla manifestazione. Per tutto il materiale relativo alle aziende aderenti a MILANO DESIGN WEEKEND è possibile fare riferimento a Studio Roscio, Ufficio Stampa dell’evento e alla press room. ,,)(,, MILANO DESIGN WEEKEND PROGRAMMA VISITE GUIDATE Milano, 6-9 ottobre 2011 A cura di Mondadori Electa Villa Necchi Campiglio Pranzo a Villa Necchi. A cura di Daniela Tarabra Villa Necchi, progettata e realizzata dall’architetto Piero Portaluppi tra il 1932 e il 1935, rappresenta lo spirito borghese della Milano illuminata e intraprendente, aperta alla modernità che investe ogni funzione della casa e della vita domestica. La sala da pranzo, i due “office” di appoggio, il servizio di piatti Richard Ginori decorato su disegno di Portaluppi testimoniano le novità dell’epoca nel disegno degli arredi e oggetti d’uso. Artigianato d’eccellenza a Villa Necchi A cura di Silvia Tatozzi Oltre alle sue importanti collezioni d’arte, la casa della famiglia Necchi Campiglio è diventata il contenitore ideale di pezzi creati secondo la migliore produzione artigianale dei primi del 900: dai capolavori di alta oreficeria firmati da Alfredo Ravasco, ai mobili e ai complementi di arredo della bottega fiorentina di Giovanni Socci, passando per le pregiate ceramiche lombarde, la visita racconterà il livello di eccellenza che l’artigianato italiano raggiunse nella prima metà del 900 grazie ad abili maestri capaci di interpretare il gusto dell’epoca con materiali ricercati e raffinata vena creativa. Museo Poldi Pezzoli I fiori del Conte: la natura e i suoi simboli nelle collezioni del Museo Poldi Pezzoli. A cura di Lucia Impelluso Un percorso alla scoperta del mondo della natura che anima i dipinti e gli arazzi del museo Poldi Pezzoli, per svelare e tradurre un linguaggio straordinariamente ricco, dove ogni singolo frutto, fiore, albero cela una peculiare caratteristica, un proprio significato nascosto, difficilmente percepibile all’occhio del visitatore contemporaneo. Nella fucina di Vulcano: l’armeria del Poldi Pezzoli. A cura di Daniela Tarabra Le armi furono la prima passione di Gian Giacomo Poldi Pezzoli, che iniziò a collezionarle all’età di 24 anni. Nel 2000 lo scultore Arnaldo Pomodoro ha progettato la Sala d’Armi come evocazione dello spazio magico di una caverna ferrigna e ha posto sulla volta delle sculture che ricordano le armi e le battaglie degli antichi eroi. L’abito non fa il monaco ma l’uomo si: moda e identità nei ritratti maschili del Poldi Pezzoli A cura di Marta Alvarez Pizzi, parrucche, cravatte e soprattutto svariati e originali tipi di copricapo: i ritratti maschili del Poldi Pezzoli ci permettono di scoprire la straordinaria evoluzione della moda maschile dal Quattrocento all’Ottocento e al tempo stesso offrono una preziosa testimonianza dello stretto legame che da sempre esiste tra abbigliamento e identità. Colori, tessuti e ornamenti svelano chi è l’uomo che ci guarda dalla tela, le sue origini e le sue aspirazioni, i suoi gusti, la sua personalità. Museo Bagatti Valsecchi Design medievale – moderno comfort a Casa Bagatti Valsecchi. A cura di Paola Fenini. Un’originale tour alla scoperta dei più curiosi arredi e oggetti di uso quotidiano di Casa Bagatti Valsecchi realizzzati appositamente per la dimora nel gusto medievaleggiante e del revival rinascimentale senza rinunciare alle più moderne comodità. Vero o falso? Capolavori originali e capolavori “in stile” nella casa di due fratelli collezionisti A cura di Stefano Zuffi Esempio affascinante di casa-museo, il palazzo Bagatti Valsecchi non è solo una collezione di prestigiosi arredi, di dipinti e di mobili antichi: è una residenza concepita agli albori della rivoluzione industriale, con tutti i confort moderni, inseriti però in un contesto che celebra lo stile rinascimentale lombardo. Accanto a esempi raffinatissimi di arte e di manifattura del XV e XVI secolo, i Bagatti Valsecchi hanno commissionato a artigiani, ebanisti, fabbri e artefici del loro tempo mobili, oggetti e arredi legati alle esigenze della modernità, ma perfettamente mimetizzati in un contesto “in stile”. La visita del museo si trasforma così anche in una caccia all’originale, proprio nei frangenti in cui il gusto dell’alta borghesia stava aprendosi al concetto di design. Casa Boschi di Stefano Tè a Casa Boschi. Il fascino discreto di un interno borghese A cura di Silvia Borghesi Nel 1927 ha inizio la vita coniugale di Antonio Boschi e Marieda Di Stefano. Da quel momento i due sposi vivono la loro passione per l’arte creando, man mano nel tempo, una collezione di oltre duemila opere dal primo decennio del Novecento fino alla fine degli anni sessanta. La casa di via Jan 15 diventa un museo abitato, un discreto e raffinato interno borghese dove arredi e opere ancora oggi vivono di quella sublime passione per la bellezza. In collaborazione con “Teiera Eclettica” (negozio in Piazza Bacone 2 a Milano) sarà offerto il tè e alcuni suggerimenti sulla preparazione e il rito del tè. Museo del novecento A caccia di antichità nel Museo del Novecento. Una visita archeologica nell’arte contemporanea A cura di Marcella Leone e Angela Pola L’archeologo che visita il Museo del Novecento lo fa con altri occhi rispetto allo storico dell’arte e nelle opere dei grandi che hanno fatto la storia della pittura e della scultura del secolo scorso scorge le vestigia del passato. Sono questi dettagli, gli echi di un mondo antico e arcano, che vogliamo riportare alla luce, pertanto le opere, attentamente scelte in virtù dell’uso della classicità che si ritrova in esse, verranno analizzate e rapportate ad esempi desunti dal passato. La critica dell’arte tradizionale cederà il passo alle suggestioni scaturite da una visione archeologica”. Arte cinetica, uno sguardo al design A cura di Paola Fenini e Chiara Mari La visita racconterà il complesso rapporto tra arte Cinetica e design negli anni Sessanta in un percorso che prenderà in esame le opere più interessanti e i protagonisti indiscussi di questo fondamentale momento artistico tra i quali Bruno Munari, Gianni Colombo, Enzo Mari, Grazia Varisco e molti altri artisti Percorso Scultura A cura di Francesco Poli Da Boccioni a Fontana Percorso Arte povera A cura di Francesco Poli Museo archeologico Milano da bere. Archeologia di una coppa di vino A cura di Federica Grossi e Giorgio Rossi. Una panoramica generale sulla cultura del bere nell’antica civiltà occidentale, vero e proprio link tra passato e presente, in un viaggio attraverso tecnologia, commercio e design. Il percorso, della durata di 40 minuti, si svolgerà all’interno delle sale del Civico Museo Archeologico di Milano secondo una selezione di pezzi mirati a sviluppare l’idea del simposio e dei suoi oggetti come fenomeno sociale in cui tutto, anche le forme, è concepito tra funzionalità ed estetica. Immagine, potere, imitazione. Moda di una capitale dell’impero. A cura di Marta Balzar, Elena Belgiovine, Daniele Capuzzo. Dalla fine del III secolo Milano, divenuta capitale imperiale, si arricchì di monumenti e portò con sé uno sfarzo senza pari, in grado di produrre una moda in tutto l’impero, che continuò ad influenzare anche le popolazioni che occuparono il suolo italiano alla fine della dominazione romana. Il percorso cercherà di ridare vita alla grandezza di Mediolanum attraverso gli oggetti e le immagini che da quel momento in avanti divennero un modello per i secoli successivi. Proseguendo per i resti archeologici che si trovano nelle immediate vicinanze, si scoprirà che il Museo si colloca proprio nella zona nevralgica della Milano imperiale. In questo modo ci si avvicinerà ad un’epoca in cui attraverso le immagini e l’architettura ci si poteva riconoscere come romani. Palazzo della Borsa Le maioliche di Gio Ponti a Palazzo Mezzanotte A cura di Lorenza Rotti Gio Ponti – come direttore artistico della Richard Ginori – propose per molti anni la ceramica come rivestimento di lusso per luoghi pubblici come ministeri, grandi navi e luoghi istituzionali. Illustreremo la produzione da lui disegnata espressamente per i locali del Palazzo della Borsa di Milano nel 1932, i disegni praparatori e la ricostruzione originale dei locali tramite le foto d’epoca. Prima dei grattacieli: Milano e gli edifici della città romana. A cura di Antonio dell’Acqua e Eleonora Romanò Oggi si chiamano urban designers, in epoca romana erano gli agrimensores e gli architecti che progettavano le città dell’impero secondo due principi: utilità e decoro. Se il primo si condensava in norme pratiche tradizionali di un rigore quasi sacrale, il secondo doveva rappresentare il fasto e la presenza viva del potere centrale, rafforzando il senso di identità e l’orgoglio della cittadinanza. A partire dal II sec. a. C. la città di Milano subisce un processo di sviluppo urbanistico che culminerà nell’epoca augustea: sono anni in cui lo skyline della città, ben prima del Pirellone e dei grattacieli di Porta Nuova, è già celebre per il teatro, per il Foro e per i templi. Nel IV sec d. C. Milano diventa addirittura una delle quattro capitali dell’Impero e si arricchisce di edifici magnifici come le terme e il circo. Il percorso comprende la visita ai resti del Foro, sotto la chiesa di S. Sepolcro, del teatro in piazza Affari e del Palazzo imperiale in via Brisa, per ripercorrere le tappe di una città che non è segreta ma solo poco nota. Orto Botanico Passeggiando con Flora: l’orto botanico di Brera tra storia e mito. A cura di Lucia Impelluso. Nato nel 1774 con finalità didattiche scientifiche per volere di Maria Teresa d’Austria, oggi l’orto botanico è un piccolo gioiello verde incastonato nel complesso di Brera. Giardino storico e museo all’aperto, conserva numerose testimonianze del passato e rappresenta al contempo un modo diverso per osservare la natura e conoscerne i suoi più antichi segreti. VISITE PER BAMBINI Museo del novecento Andiamo a vedere un museo di arte contemporanea e…facciamo una recensione! A cura di Paola Noè Opere dell’arte povera, quando l’artista è “produttore di fatti magici e meravigiosi” come scriveva Celant. Ascoltare un bambino nella lettura di un’opera d’arte contemporanea. I bambini diventano “critici” che parlano di un’opera d’arte. Per sottolineare il loro ruolo di “critici”, i bambini vengono invitati a esprimere i loro pensieri. VISITE IN SPAGNOLO E INGLESE Museo del novecento INGLESE A Place to Call Home: Luciano Fabro’s Habitat. A cura di Sharon Hecker con Silvia Fabro Attraverso un’esplorazione del ‘dentro’ e del ‘fuori’ dell’Habitat di Fabro, ci chiederemo qual è l’insieme delle condizioni ambientali che favoriscano la vita e la crescita fertile del rapporto tra un artista e la sua opera, tra un’opera e lo spazio circostante, e infine tra un’opera ed uno spettatore. Through an exploration of the ‘inside’ and ‘outside’ of Luciano Fabro’s Habitat, we will ask what environmental conditions favor the life and growth of a relationship between an artist and his work, a work of art and its surrounding space, as well as a work of art and its viewer? INGLESE We Two are (and are not) One: Luciano Fabro’s Contatto (Tautologia). A cura di Sharon Hecker con Silvia Fabro Si avvicinano, si rispecchiano, si cercano, si toccano–quasi–ma non si toccano mai. Che cosa ci puo’ raccontare quest’opera d’arte semplice e profonda del momento di contatto intimo e teso tra due corpi? They come together, they mirror each other, they seek out one another, and they almost touch–but never completely. What can this simple and profound work of art tell us about the moment of intimate and tense contact between two bodies? Museo Poldi Pezzoli SPAGNOLO El hábito no hace al monje pero al hombre si: moda e identidad en los retratos masculinos del Poldi Pezzoli A cura di Marta Alvarez Pizzi, parrucche, cravatte e soprattutto svariati e originali tipi di copricapo: i ritratti maschili del Poldi Pezzoli ci permettono di scoprire, da un lato la straordinaria evoluzione della moda maschile dal Quattrocento all’Ottocento e dall’altro offrono una preziosa testimonianza dello stretto legame che da sempre esiste tra abbigliamento e identità. Colori, tessuti e ornamenti svelano chi è l’uomo che ci guarda dalla tela, le sue origini e le sue aspirazioni, i suoi gusti, la sua personalità. Encajes, pelucas, corbatas y sobre todo muchos y originales tipos de sombrero: los retratos masculinos del Poldi Pezzoli nos permiten descubrir la extraordinaria evolución de la moda masculina entre los siglos XV y XIX , a la vez que testimonian la estrecha relación que ha siempre existido entre atuendo e identidad. Colores, tejidos y complementos dicen mucho acerca de la figura retratada, de sus orígenes y de sus aspiraciones, de sus gustos y de su personalidad. ..)(.. MILANO DESIGN WEEKEND PROGRAMMA VISITE GUIDATE Milano, 6-9 ottobre 2011 A cura di Mondadori Electa CASE MUSEO Casa Boschi di Stefano Tè a Casa Boschi. Il fascino discreto di un interno borghese A cura di Silvia Borghesi Casa Boschi di Stefano Via Jan 15 Milano Sabato 8 ottobre ore 15.00 Sabato 8 ottobre ore 16.30   Museo Bagatti Valsecchi Vero o falso? Capolavori originali e pezzi “in stile” nella casa di due fratelli collezionisti A cura di Stefano Zuffi Museo Bagatti Valsecchi Via Gesù 5 Milano Giovedì 6 ottobre ore 16.00 Giovedì 6 ottobre ore 17.00 Design medievale – comfort moderno a Casa Bagatti Valsecchi A cura di Paola Fenini. Museo Bagatti Valsecchi Via Gesù 5 Milano Venerdì 7 ottobre ore 16.00 Venerdì 7 ottobre ore 17.00   Museo Poldi Pezzoli I fiori del Conte: la natura e i suoi simboli nelle collezioni del Museo Poldi Pezzoli A cura di Lucia Impelluso Museo Poldi Pezzoli Via Manzoni 12 Milano Venerdì 7 ottobre ore 11.00 Venerdì 7 ottobre ore 12.00 Nella fucina di Vulcano: l’armeria del Poldi Pezzoli A cura di Daniela Tarabra Museo Poldi Pezzoli Via Manzoni 12 Milano Venerdì 7 ottobre ore 15.00 Venerdì 7 ottobre ore 16.00 L’abito non fa il monaco ma l’uomo si: moda e identità nei ritratti maschili del Poldi Pezzoli A cura di Marta Alvarez Museo Poldi Pezzoli Via Manzoni 12 Milano Sabato 8 ottobre ore 10.00 Sabato 8 ottobre ore 17.00 Villa Necchi Campiglio Pranzo a Villa Necchi, una dimora all’avanguardia A cura di Daniela Tarabra Villa Necchi Campiglio Via Mozart 14 Milano Giovedì 6 ottobre ore 15.00 Giovedì 6 ottobre ore 16.00 Artigianato d’eccellenza a Villa Necchi A cura di Silvia Tatozzi Villa Necchi Campiglio Via Mozart 14 Milano Venerdi 7 ottobre ore 17.00 Venerdi 7 ottobre ore 18.00 Milano anni ’30. Storia e architettura di una villa urbana e dei suoi committenti illuminati A cura di Chiara Freyrie Villa Necchi Campiglio Via Mozart 14 Milano Domenica 9 ottobre ore 11.00 Domenica 9 ottobre ore 16.00   CONSERVATORIO Conservatorio Non solo Rota Conservatorio G. Verdi Via Conservatorio 12 Milano Sabato 8 ottobre ore 21.00 Villa Necchi Improvvisazioni jazz Villa Necchi Via Mozart 14 Milano Sabato 8 ottobre ore 11.00   Mondadori Multicenter Duomo BOXING DESIGN Incontri/Scontri tra Design, Cultura e Innovazione A cura di Dalia Gallico in collaborazione con InnovationFestival e TeleLombardia Primo Match: Sabato 8 ottobre ore 18.00 Mondatori Multicenter Spazio Eventi 3° piano Piazza Duomo 1 Ingresso libero fino ad esaurimento posti   Museo archeologico Milano da bere. Archeologia di una coppa di vino A cura di Federica Grossi e Giorgio Rossi. Museo Archeologico Corso Magenta 15 Milano Domenica 9 ottobre ore 11.00 Domenica 9 ottobre ore 12.00 Immagine, potere e imitazione: mode di una capitale dell’Impero A cura di Marta Balzar, Elena Belgiovine, Daniele Capuzzo. Museo Archeologico Corso Magenta 15 Milano Domenica 9 ottobre ore 15.00 Domenica 9 ottobre ore 16.00   Museo del Novecento A caccia di antichità nel Museo del Novecento. Una visita archeologica nell’arte contemporanea A cura di Marcella Leone e Angela Pola Museo del Novecento Piazza Duomo Milano Venerdì 7 ottobre ore 16.00 Venerdì 7 ottobre ore 17.00 Sasso, carta, forbici. La poetica dell’oggetto a cura di Giulia Tiraboschi Museo del Novecento Piazza Duomo Milano Venerdì 7 ottobre ore 15.00 Venerdì 7 ottobre ore 16.00 Arte cinetica, uno sguardo al design A cura di Paola Fenini e Chiara Mari Museo del Novecento Piazza Duomo Milano Sabato 8 ottobre ore 11.00 Sabato 8 ottobre ore 12.00 Da Boccioni a Fontana. Viaggio attraverso la scultura del novecento. A cura di Francesco Poli Museo del Novecento Piazza Duomo Milano Venerdì 7 ottobre ore 16.00 I protagonisti dell’Arte Povera al museo del Novecento. A cura di Francesco Poli Museo del Novecento Piazza Duomo Milano Venerdì 7 ottobre ore 17.00   Orto Botanico Passeggiando con Flora: l’orto botanico di Brera tra storia e mito A cura di Lucia Impelluso. Orto Botanico Via Brera 28 Milano Sabato 8 ottobre ore 10.00 Sabato 8 ottobre ore 11.30   Piazza Affari Le maioliche di Gio Ponti a Palazzo Mezzanotte A cura di Lorenza Rotti Palazzo Mezzanotte Piazza degli Affari 6 Milano Domenica 9 ottobre alle 16.30 Domenica 9 ottobre alle 17.30 Prima dei grattacieli: Milano e gli edifici della città romana A cura di Antonio dell’Acqua e Eleonora Romanò Palazzo Mezzanotte, Piazza degli Affari 6 Milano Sabato 8 ottobre ore 10.00 Sabato 8 ottobre ore 11.00 PAC Padiglione d’arte contemporanea Silvio Wolf. Sulla soglia A cura di Silvio Wolf PAC (Padiglione Arte Contemporanea) – Viale Palestro 14 Milano Domenica 9 ottobre ore 11.30 Visite per bambini Ma tu cosa vedi? Se i bambini incontrano l’Arte Povera A cura di Paola Noè (visita per i bambini) Museo del Novecento Piazza Duomo Milano Sabato 8 ottobre ore 11.00 Sabato 8 ottobre ore 16.00 Sabato 8 ottobre ore 17.00   Visite in inglese e spagnolo A Place to Call Home: Luciano Fabro’s Habitat. A cura di Sharon Hecker con Silvia Fabro Museo del Novecento Piazza Duomo Milano Sabato 8 ottobre ore 15.00 We Two are (and are not) One: Luciano Fabro’s Contatto (Tautologia). A cura di Sharon Hecker con Silvia Fabro Museo del Novecento Piazza Duomo Milano Sabato 8 ottobre ore 16.00 El hábito no hace al monje pero al hombre si: moda e identidad en los retratos masculinos del Poldi Pezzoli A cura di Marta Alvarez Museo Poldi Pezzoli Via Manzoni 12 Milano Sabato 8 ottobre ore 11.00

Previous post

HANGARBICOCCA PRESENTS CELESTE BOURSIER-MOUGENOT 2011 - MILAN

Next post

DYLAN DOG - 25 ANNI NELL'INCUBO - SCOMPARSA DI SERGIO BONELLI. BOERI: “UNO STRISCIONE PER SALUTARLO E UNA MOSTRA PER RICORDARLO INSIEME”

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *