EventsMILAN

ELAD LASSRY – PAC – MILAN

Elad Lassry Short Ribs, Eggs, 2012 C-Print, cornice dipinta cm 36,8x29,2x3,8 Courtesy Massimo De Carlo, Milano
Elad Lassry Short Ribs, Eggs, 2012 C-Print, cornice dipinta cm 36,8x29,2x3,8 Courtesy Massimo De Carlo, Milano

ELAD LASSRY
PAC – Padiglione d’Arte Contemporanea in Milan
6 July – 16 September 2012
Press Conference
: Thursday, 5 July | h. 11.30 a.m.

From 6 July to 16 September the PAC – Padiglione d’Arte Contemporanea in Milan is presenting the first monographic exhibition that an Italian institution has devoted to the work of Elad Lassry (b. 1977, Tel Aviv; lives and works in Los Angeles). The exhibition is curated by Alessandro Rabottini.

The show, promoted and produced by the City of Milan – Culture, Fashion, Design, and the PAC, offers the broadest overview ever staged of the work of the Israeli artist, which the Italian public had the chance to appreciate at the most recent Venice Biennale.

Lassry’s work is characterized by a reflection on the ubiquity of the image in contemporary society and the possibility of redefining known visual codes and interpretative habits. The exhibition presents a large selection of wall works, four films, new sculptures and an installation that combines photography, sculpture and architecture, made specifically for the PAC.

Starting with his recent appearance on the international scene, Lassry’s work immediately galvanized both public and critical attention, not only because of its visual power but also the conceptual rigour that distinguishes it. While at the beginning of his career Lassry turned to photography and 16mm film as his main expressive media, his most recent production includes sculpture, architecture, drawing and performance. Most of these media will be presented at the PAC as part of an exhibition path that establishes a dialogue among them.

Lassry’s pictures present seemingly familiar subjects – people, animals, places and essentially commonplace objects – but it is how the artist chooses to portray them that generates an ambiguous and alienating effect. The people’s poses are affected, and the animals – and nature in general – look entirely artificial; the objects, many of which arranged in compositions that evoke advertising photography, do not seem to pertain to the functional domain, yet it is unclear if they have symbolic meaning.

Lassry’s visual universe is wordless: not only his silent films, but, more generally, the formal perfection of his images and their elaborate construction momentarily suspend the possibility that an image can mean or relay something. More than the space of narration, Lassry’s images are a surface on which seduction and repulsion, ambiguity and alienation, are reflected.

A series of formal stratagems that is enacted creates further forms of ambiguity on a perceptual level. Indeed, between the image and its frame Lassry establishes chromatic correspondences that reinforce the oscillation between two- and three-dimensionality, transforming the image itself into an object resembling a sculpture, whereas the absence of natural light produces a chromatic intensity that heightens the tactile quality of the images.

In his work everything exists within a regime of horizontality, in which all hierarchies of figure, object and environment are eliminated: people, things, animals and places seem to come from a universe where spontaneity has been banished and memory is faced with a sense of imminent demise.

The same can be said about his 16mm films, of which the Milan exhibition is presenting a selection of four works produced between 2007 and 2010. Here movement exists only as an attentive choreography, whereas – once more – a visual osmosis is established between figure and environment, bringing everything back to an optical and perceptual existence.

Most of Lassry’s works consist of a reflection on the very act of seeing, on the construction of representation and how we ourselves look at images, projecting onto them extraneous meanings that come from our own autobiographical and cultural experience. For Lassry, the act of framing is not merely a formal device in the artist’s hands, but it is above all an interpretative device that appeals to the spectator’s position: this is why his pictures are not accompanied by a precise explanation, nor is their origin clarified in any way.

Spatial works that reinforce the discussion on vision as a form of construction – in both the production and interpretation of the images – will also be on display.

In his artistic practice, Lassry takes the premises that are part of a now-historicized series of experiences and brings them to a new synthesis: from the fusion present between the optical and tactile qualities of the photographs of László Moholy-Nagy to the conceptual nature of the image that runs through the work of artists such as Richard Prince, Louise Lawler and Sharon Lockhart, going through the conflict between hyper-realism and fiction that characterizes some of the forms of Robert Gober and Richard Artschwager.

Download: details_ELAD LASSRY_PAC

Biographical notes

Solo shows of Elad Lassry’s works have been staged at prestigious international institutions such as the Whitney Museum of American Art in New York, the Kunsthalle in Zurich and the Contemporary Art Museum St. Louis. Lassry also participated in the most recent Venice Biennale as well as collective shows at MoMa and the New Museum in New York, the Schirn Kunsthalle in Frankfurt, the CAPC in Bordeaux, the Institute of Contemporary Art in Philadelphia and the Turin GAM.

The exhibition is accompanied by a critical essay by the curator, Alessandro Rabottini.

Sponsor of the PAC Padiglione d’Arte Contemporanea: TOD’S Group.
Sponsor of educational activities: Gruppo COOP Lombardia.

EXHIBITION INFORMATION:

ELAD LASSRY
6 July – 16 September 2012
CURATOR
: Alessandro Rabottini
PAC Padiglione d’Arte Contemporanea –
Via Palestro 14, Milan
HOURS:

Monday 2.30 – 7.30 p.m. | Tuesday to Sunday 9.30 a.m. – 7.30 p.m. | Thursday 9.30 a.m. – 10.30 p.m.
Last entry 1 hour before closing
FREE ADMISSION

Information:
Tel. 02 88446359 – www.comune.milano.it/pac

Exhibition Press Office

Studio Pesci, Sara Zolla
Cell. 39 335 1990469 – Tel. 39 051 269267 – sara.zolla@studiopesci.it

Press Office – City of Milan
Elena Conenna – Tel. 39 02 88453314 – Elenamaria.Conenna@comune.milano.it

Position the cursor on the images to view captions, click on images to enlarge them. 

Posizionare il cursore sulle immagini per leggere le didascalie; cliccare sulle immagini per ingrandirle.


ELAD LASSRY
PAC – Padiglione d’Arte Contemporanea in Milan
6 luglio_16 settembre 2012
Conferenza stampa: 5 luglio, ore 11,30

Il PAC Padiglione d’Arte Contemporanea di Milano, dal 6 luglio al 16 settembre 2012, presenta la prima mostra monografica che un’istituzione museale italiana dedica al lavoro di Elad Lassry (1977, Tel Aviv; vive e lavora a Los Angeles) a cura di Alessandro Rabottini.

La mostra, promossa e prodotta dal Comune di MilanoCultura, Moda, Design e dal PAC, ad oggi rappresenta la più ampia panoramica mai realizzata sul lavoro dell’artista israeliano, che il pubblico italiano ha già avuto modo di apprezzare nell’ultima edizione della Biennale di Venezia.

Il lavoro di Lassry è caratterizzato da una riflessione sull’ubiquità dell’immagine nella società contemporanea e sulla possibilità di ridefinire codici visivi conosciuti e abitudini interpretative. In questa mostra verranno presentate un’ampia selezione di opere a parete, quattro film, nuove opere di scultura e un’installazione che fonde fotografia, scultura e architettura realizzata appositamente per il PAC.

A partire dalla sua recente comparsa sulla scena internazionale, il lavoro di Elad Lassry ha subito attratto l’attenzione di pubblico e critica tanto per la forza visiva quanto per il rigore concettuale che lo contraddistinguono. Se all’inizio della sua carriera i principali mezzi espressivi utilizzati da Lassry erano la fotografia e il film in 16 mm., la sua più recente produzione include anche la scultura, l’intervento architettonico, il disegno e la performance. La maggior parte di questi media saranno presentati al PAC in un percorso allestitivo che li pone in dialogo reciproco.

Le fotografie di Elad Lassry presentano soggetti all’apparenza familiari – persone, animali, luoghi e oggetti più o meno banali – ma è il modo in cui l’artista li ritrae a produrre un effetto ambiguo e straniante. Le pose delle persone sono artefatte, gli animali e, più in generale, la natura appaiono del tutto artificiali mentre gli oggetti – molti dei quali sono arrangiati in composizioni che ricordano la fotografia pubblicitaria – sembrano non appartenere al dominio della funzionalità, nonostante non sia chiaro se abbiano un significato simbolico.

L’universo visivo di Elad Lassry è privo di parole: non soltanto i suoi film sono muti ma, più in generale, la perfezione formale delle sue immagini e la loro elaborata costruzione fanno sì che la possibilità che un’immagine significhi o racconti qualcosa venga per un attimo sospesa. Più che lo spazio di una narrazione, le immagini di Lassry sono una superficie sulla quale si riflettono seduzione e repulsione, ambiguità e straniamento.

Una serie di stratagemmi formali messi in atto creano ulteriori forme di ambiguità a livello percettivo: tra l’immagine e la sua cornice, infatti, Lassry stabilisce corrispondenze cromatiche che rafforzano l’oscillazione tra bidimensionalità e tridimensionalità, trasformando l’immagine stessa in un oggetto che sembra prossimo alla scultura, mentre l’assenza di luce naturale produce un’intensità cromatica che acuisce la tattilità delle immagini.

Nel lavoro di Lassry tutto esiste all’interno di un regime di orizzontalità, all’interno del quale ogni gerarchia tra figura, oggetto e ambiente è eliminata: persone, cose, animali e luoghi sembrano provenire da un universo dove la spontaneità è bandita e dove la memoria si confronta con un senso di fine imminente.

Altrettanto può dirsi dei film in 16 mm, di cui la mostra milanese presenterà una selezione di quattro opere prodotte tra il 2007 e il 2010: qui il movimento esiste soltanto come attenta coreografia, mentre tra figura e ambiente si stabilisce, ancora una volta, un’osmosi visiva che riporta tutto sul piano di un’esistenza ottica e percettiva.

Gran parte del lavoro di Elad Lassry consiste in una riflessione sull’atto stesso del vedere, sulla costruzione della rappresentazione e su come noi stessi guardiamo le immagini, proiettando su di esse significati che sono loro estranei e che provengono dalla nostra stessa esperienza autobiografica e culturale. Per Lassry, infatti, l’atto dell’inquadratura non è soltanto un dispositivo formale nelle mani dell’artista ma è anche, e soprattutto, un dispositivo interpretativo che fa appello alla posizione dello spettatore: è per questo motivo che le sue immagini non sono accompagnate da una precisa spiegazione né la loro origine è in alcun modo chiarita.
In mostra saranno inoltre presenti interventi spaziali che rafforzano il discorso sulla visione come forma di costruzione, tanto nella produzione delle immagini quanto nella loro lettura.

Nella sua pratica artistica Lassry conduce a una nuova sintesi le premesse contenute in una serie di esperienze ormai storicizzate: dalla fusione tra otticità e tattilità presente nelle fotografie di László Moholy-Nagy, fino alla natura concettuale dell’immagine che attraversa il lavoro di artisti come Richard Prince, Louise Lawler e Sharon Lockhart, passando per la frizione tra iper-realismo e finzione che caratterizza certe forme di Robert Gober e Richard Artschwager.

Download: scheda tecnica_ELAD LASSRY_PAC

Note biografiche

Mostre personali di Elad Lassry sono state allestite presso prestigiose istituzioni internazionali come il Whitney Museum of American Art di New York, la Kunsthalle di Zurigo e il Contemporary Art Museum di St. Louis. Lassry ha inoltre preso parte all’ultima edizione della Biennale di Venezia e a mostre collettive presso il MoMa e il New Museum di New York, la Schirn Kunsthalle di Francoforte, il CAPC di Bordeaux, l’Institute of Contemporary Art di Philadelphia, la GAM di Torino.

La mostra è accompagnata da un testo critico del curatore Alessandro Rabottini.

Sponsor del PAC Padiglione d’Arte Contemporanea TOD’S Group.
Sponsor delle attività didattiche Gruppo COOP Lombardia.

INFORMAZIONI MOSTRA

ELAD LASSRY
6 luglio_16 settembre 2012
A CURA di Alessandro Rabottini
PAC Padiglione d’Arte Contemporanea
Via Palestro 14, Milano
ORARI DI APERTURA:
lunedì 14.30 – 19.30 | Da martedì a domenica 9.30-19.30 | giovedì 9.30-22.30
Ultimo ingresso un’ora prima della chiusura
INGRESSO GRATUITO
Informazioni: Tel. 02 88446359 – www.comune.milano.it/pac

Ufficio Stampa Mostra
Studio Pesci, Sara Zolla – Cell. 335 1990469 – Tel 051 269267 – sara.zolla@studiopesci.it

Ufficio stampa Comune di Milano
Elena Conenna – Tel. 02 88453314 – Elenamaria.Conenna@comune.milano.it

Previous post

THE HERO, THE HEROINE AND THE AUTHOR - LUDWIG MUSEUM - BUDAPEST

Next post

THE RAINBOW - LONDON BIENNALE 2012

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *