ArchitectureBiennale di VeneziaVENICE

LA BIENNALE DI VENEZIA – 13TH INTERNATIONAL ARCHITECTURE EXHIBITION/ COMMON GROUND

La facciata di Ca Giustinian
La facciata di Ca Giustinian

la Biennale di Venezia
13th International Architecture Exhibition/ Common Ground
directed by David Chipperfield
Venice (Arsenale and Giardini), 29 August – 25 November 2012
Preview on 27 and 28 August 2012

Venice, 17 January 2012 – The President of the Biennale di Venezia, Paolo Baratta, accompanied by the Director of the 13th International Architecture Exhibition, David Chipperfield, met today at Ca’ Giustinian with the representatives of the 41 Countries participating in the 13th Exhibition, which will take place from 29 August to 25 November 2012 at the Giardini and at the Arsenale (Preview on 27 and 28 August 2012) and in various other venues in Venice. The meeting was attended for the first time by the representatives of Kosovo, Kuwait and Peru.

The title chosen by David Chipperfield for the 13th International Architecture Exhibition is:

Common Ground

“I want this Biennale to celebrate a vital, interconnected architectural culture, and pose questions about the intellectual and physical territories that it shares. In the methods of selection of participants, my Biennale will encourage the collaboration and dialogue that I believe is at the heart of architecture, and the title will also serve as a metaphor for architecture’s field of activity.
I am interested in the things that architects share in common, from the conditions of the practice of architecture to the influences, collaborations, histories and affinities that frame and contextualise our work. I want to take the opportunity of the Biennale to reinforce our understanding of architectural culture, and to emphasise the philosophical and practical continuities that define it.
The title ‘Common Ground’ also has a strong connotation of the ground between buildings, the spaces of the city. I want projects in the Biennale to look seriously at the meanings of the spaces made by buildings: the political, social, and public realms of which architecture is a part. I do not want to lose the subject of architecture in a morass of sociological, psychological or artistic speculation, but to try to develop the understanding of the distinct contribution that architecture can make in defining the common ground of the city.
This theme is a deliberate act of resistance towards the image of architecture propagated in much of today’s media of projects springing fully formed from the minds of individual talents. I wish to promote the fact that architecture is internally connected, intellectually and practically, sharing common concerns, influences and intentions.
My method of selecting architects will reinforce the theme by making collaboration and dialogue fundamental to the Biennale. We will invite contributors to make a proposals for exhibits or installations but also ask them to propose others they want to collaborate with. In this way, the initial selection by the curatorial team is complemented by a further series of relationships initiated by selected architects.
The proposed dialogues will hopefully cross boundaries of age, style, geography and discipline. They also might identify the critical roles of other parts of architectural culture: the media, research institutions, schools, publishers, galleries, foundations and so on. The results, I hope, will use every available medium to tell stories about the common ground of the profession, and of the city.
My intention is to make neither an exclusive selection of projects on the basis of prejudice and taste, nor an uncritically inclusive exhibition. We wish to give the participants an opportunity to explain work within the wider context of architectural practice, not only as a demonstration of their own talent, but also to unite us in defining our ambitions and responsibilities.”

“By appointing Kazuyo Sejima we brought the Exhibition back into the hands of an architect – President Paolo Baratta has said – and now we are so lucky to have David Chipperfield with us. The Biennale exhibitions in recent years had broadened the representation of architecture by emphasizing its connections with a series of big social, urban, environmental and political ‘issues’. So it appeared useful to turn to an architect who demonstrates great interest in architecture as a discipline and raises questions about the elements of which it is composed, about the objectives it pursues, about the constraints that affect it, about the tools that it uses to shape places, spaces, buildings. The next Architecture Exhibition will be characterized by the emphasis on a series of relationships that connect great architects and younger generations that refer to them. This Exhibition will represent a major opportunity to bring both the general public and the world of architecture up to date. This is also why it has already begun to organize the program involving Universities from all around the world, entitled Biennale Sessions, successfully tested during the last edition of the Exhibition.”

The 13th International Architecture Exhibition of the Biennale di Venezia will also present, as is traditional, the National Participations with their own exhibitions in the Pavilions at the Giardini and at the Arsenale, and in the historic city centre of Venice.

This edition will also include selected Collateral Events, presented by international entities and institutions, which will present their exhibitions and initiatives in Venice concurrently with the 13th Exhibition.

Official websites:
www.labiennale.org
www.labiennalechannel.org

For further information
la Biennale di Venezia Press Office
Tel. +39 041 5218846 / 849
Fax +39 041 2411407
e-mail infoarchitettura@labiennale.org
FB: la Biennale di Venezia

la Biennale di Venezia
13. Mostra Internazionale di Architettura / Common Ground
diretta da David Chipperfield
Venezia (Arsenale e Giardini), 29 agosto – 25 novembre 2012
Vernice 27 e 28 agosto 2012

Venezia 17 gennaio 2012 – Il Presidente della Biennale di Venezia, Paolo Baratta, accompagnato dal Direttore della 13. Mostra Internazionale di Architettura, David Chipperfield, ha incontrato oggi a Ca’ Giustinian i rappresentanti di 41 Paesi partecipanti alla 13. Mostra, che si svolgerà dal 29 agosto al 25 novembre 2012 ai Giardini e all’Arsenale (vernice 27 e 28 agosto 2012), nonché in vari luoghi di Venezia. Erano presenti per la prima volta anche rappresentanti di Cossovo, Kuwait e Perù.

Il tema scelto da David Chipperfield per la 13. Mostra Internazionale di Architettura è

Common Ground

David Chipperfield ha dichiarato: “Voglio che questa Biennale renda omaggio a una cultura architettonica vitale e interconnessa che si interroghi sui territori condivisi, intellettuali e fisici. Nella selezione dei partecipanti la mia Biennale favorirà la collaborazione e il dialogo, che considero il cuore dell’architettura, e il titolo fungerà anche da metafora del terreno di attività dell’architettura.
Mi interessano gli elementi che accomunano gli architetti, dalle condizioni della pratica architettonica alle influenze, collaborazioni, storie e affinità che inquadrano e contestualizzano il nostro lavoro. Vorrei cogliere l’occasione di questa Biennale per potenziare la comprensione della cultura architettonica e per valorizzare le continuità filosofiche e pratiche che la definiscono.
Il titolo ‘Common Ground’ allude esplicitamente anche al terreno fra edifici, agli spazi della città. Vorrei che i progetti esposti alla Biennale indagassero in profondità il significato degli spazi creati dagli edifici: gli ambiti politici, sociali e pubblici di cui l’architettura fa parte. Non voglio smarrire il tema dell’architettura in un pantano di speculazioni sociologiche, psicologiche o artistiche, ma piuttosto cercare di ampliare la comprensione del contributo specifico che l’architettura può dare nella definizione del terreno comune della città.
Il tema è un atto deliberato di resistenza all’immagine dell’architettura diffusa oggi dalla maggior parte dei media fatta di singoli progetti che scaturiscono dalle menti di talenti individuali già pienamente compiuti. Vorrei promuovere il fatto che l’architettura è fortemente legata, intellettualmente e praticamente, alla condivisione di problemi, influenze e intenti.
Il mio metodo di selezione degli architetti rafforzerà il tema di base ponendo la collaborazione e il dialogo come elementi fondamentali di questa Biennale. Inviteremo i partecipanti a proporre opere o installazioni, ma chiederemo loro anche di proporre altri nomi con i quali desiderino collaborare. In questo modo, la scelta curatoriale iniziale verrà integrata da un ulteriore serie di relazioni generate dagli architetti selezionati.
Mi auguro che tali dialoghi  attraversino i confini generazionali, stilistici, geografici e disciplinari. Potrebbero anche far emergere il ruolo  essenziale di altri settori della cultura architettonica: i media, le istituzioni di ricerca, le scuole, le case editrici, le gallerie, le fondazioni e cosi via. I risultati, spero, si avvarranno di tutti i mezzi disponibili per raccontare storie riguardanti i terreni comuni della professione e della città.
La mia intenzione è di evitare non solo una selezione esclusiva di progetti in base a pregiudizi o gusto, ma anche l’allestimento di una mostra acriticamente inclusiva. Desideriamo offrire ai partecipanti l’opportunità di illustrare il proprio lavoro all’interno del contesto più ampio della pratica architettonica, non soltanto come dimostrazione di talento individuale, ma anche per riunirci e definire le nostre ambizioni e responsabilità”.

“Con Kazuyo Sejima si era tornati ad affidare la Mostra a un architetto – ha dichiarato il Presidente Paolo Baratta – ed ora abbiamo la fortuna di avere David Chipperfield. Le Biennali degli ultimi anni avevano dilatato la rappresentazione dell’architettura evidenziando le sue connessioni con una serie di grandi “questioni” di tipo sociale, urbano, ambientale e politico. E’ parso utile rivolgersi a un architetto che ha grande interesse per l’architettura come disciplina e che si interroga rispetto agli elementi che la compongono, alle finalità che persegue, ai vincoli che la condizionano, agli strumenti con cui essa agisce nei luoghi, negli spazi, negli edifici. La prossima Mostra di Architettura sarà caratterizzata dall’evidenziazione di una serie di rapporti e relazioni che legano grandi architetti e giovani generazioni che ai primi si ricollegano. Sarà una Mostra che rappresenterà uno straordinario aggiornamento sia per il pubblico in generale, sia per il mondo dell’architettura. Anche per questo è stato subito avviato il programma di coinvolgimento delle Università di tutto il mondo denominato Biennale Sessions, già sperimentato con successo nella scorsa edizione della Mostra”.

La 13. Mostra Internazionale di Architettura della Biennale di Venezia presenterà inoltre, come di consueto, le Partecipazioni nazionali, con proprie mostre nei Padiglioni ai Giardini e all’Arsenale, oltre che nel centro storico di Venezia.

Anche per questa edizione si prevedono selezionati Eventi collaterali, proposti da enti e istituzioni internazionali, che allestiranno le loro mostre e le loro iniziative a Venezia in concomitanza con la 13. Mostra.

Siti web ufficiali della 13. Mostra:
www.labiennale.org
www.labiennalechannel.org

Per ulteriori informazioni
la Biennale di Venezia Press Office
Tel. +39 041 5218846 / 849
Fax +39 041 2411407
e-mail infoarchitettura@labiennale.org
FB: la Biennale di Venezia

Previous post

MARCEL DUCHAMP – LE MYSTÈRE DE MUNICH

Next post

BERTIL VALLIEN, NINE ROOMS - COLLATERAL EVENT OF THE 13TH INTERNATIONAL ARCHITECTURE EXHIBITION IN VENICE

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *