BooksFIRENZEROMEtexts

IL FASCISMO E LA ‘SUA’ ARTE DI MONICA CIOLI – MART E CASA EDITRICE LEO S. OLSCHKI


Museo d’Arte Moderna-Contemporanea di Trento e Rovereto
Il fascismo e la ‘sua’ arte
Dottrina e istituzioni tra futurismo e Novecento
di Monica Cioli
Mart – Collana «Inediti», volume 2, Leo S. Olschki, Firenze 2011

Testo di Vittoria Biasi

Con la foto di Marinetti tra i futuristi, alla Biennale di Venezia del 1934,  e l’aggettivo ‘sua’ tra virgolette, Monica Cioli sintetizza, sulla copertina del libro Il fascismo e la ‘sua’ arte, il percorso del particolare periodo in cui gli enunciati artistici del futurismo si trasformano in ideologia fascista sullo sfondo della scena politica italiana ‘immobile e passatista’. La ricerca, condotta in particolare presso il Museo di Arte Moderna e Contemporanea di Trento e Rovereto, presso la Galleria Comunale di Arte Moderna e Contemporanea di Roma e l’Archivio della Quadriennale d’Arte di Roma, percorre il debole confine tra i due aspetti – futurismo e fascismo- dello stesso momento storico, che è stato unico e eccezionale nel panorama europeo. Forse per questo connubio si potrà parlare di sacralizzazione della politica nell’Italia fascista, secondo i saggi di Giuseppe Bottai, Emilio Gentile riportati da Monica Cioli.

Docente di Storia della politica europea e internazionale presso la Facoltà di Sociologia dell’Università  degli Studi di Trento, la studiosa indaga il periodo della nascita del futurismo e del fascismo fino negli anni dello splendore del 1934/35, dedicando l’ultimo capitolo alle ordinanze degli anni successivi. La lettura storica individua la nascita del futurismo, come movimento artistico-sociale, nello scarto tra concetto di movimento temporale e concetto di movimento sociale. La categoria temporale, lenta per analizzare, rivelare concezioni filosofiche del fervido periodo, è la causa della confluenza delle stesse nel futurismo e nel fascismo. Quest’ultimo è un pensiero profondo sull’uomo sociale, sulle sue dinamiche di progresso e pone la sua caratteristica ideologica nel sostenere la centralità del rapporto arte – scienza – società.

Nel futurismo, il concetto di tempo è una sfida, è ricerca della dinamica della rappresentazione. La connessione del tempo al movimento, al dinamismo è la connotazione, l’unicità e la garanzia di modernità dell’avanguardia, che porta una visione progressista della storia, dell’arte e dell’umanità. La pressione sul dinamismo temporale permette l’adeguamento del sistema sociale alle scoperte scientifiche e tecniche, di cui il futurismo si fa portavoce.

Monica Cioli rammenta l’origine militare del termine avanguardia, che rappresenta la posizione avanzata di un gruppo, rispetto allo schieramento unitario, con il compito di rimuovere gli ostacoli che possono impedire o ritardare la marcia. L’arte in questo periodo ha il ruolo di traino culturale, sociale e i precursori delle avanguardie letterarie, politiche o artistiche sono sempre figure elitarie rispetto una massa incapace di autogestirsi. L’anima rivoluzionaria dell’avanguardia, spinta da spirito antiborghese, si traduce in un’attiva partecipazione alla realtà della vita, evidenziando quella che Alain Badiou definisce passione del reale, del presente, della coincidenza tra verità e realtà. Monica Cioli, riportando passaggi del Manifesto del Futurismo, coglie la centralità del pensiero futurista, che concepisce l’arte come vita, che introduce l’arte totale, la coincidenza  spazio-temporali.  L’espressione marinettiana “Marciare e non marcire”, l’analisi di Forme uniche di continuità nello spazio di Boccioni sono i riferimenti di una rivendicazione futurista che si costruisce anche attraverso un intenso rapporto ideologico-organizzativo. Il testo di Monica Cioli percorre la storia del futurismo, delle relazioni con i fasci di combattimento, sottolineando la partecipazione di Marinetti ai primi posti della lista fascista, fino alle dimissioni dello stesso nel 1920 e il rientro nel 1924.

La prospettiva storica segnala i numerosi contatti, documentati, tra arte e politica: tra i personaggi influenti dello scenario artistico vi sono Giorgio De Chirico, Giorgio Morandi, Savinio, Carrà fondatori della rivista Valori Plastici, che riafferma “l’esperienza dell’Italia e della sua tradizione”.

Monica Cioli dedica una particolare attenzione al movimento Novecento, che ha la data simbolica della nascita nel 1922 con il Manifesto presentato alla Galleria Pesaro di Milano. I sette pittori – Anselmo Bucci, Leonardo Dudreville, Achille Funi, Gian Emilio Malerba, Pietro Marussig, Ubaldo Oppi e Mario Sironi, con il critico d’arte Margherita Sarfatti, con entusiasmo e fede, decidevano di ristabilire il primato dell’arte italiana grazie all’avvento del fascismo con un senso di realismo costruttivo. Monica Cioli attraversa la poetica di Sironi, il senso dell’eternità, della dimensione immortale, che l’artista esprime con accenti cromatici, con segni di grandiosità e tragicità. La storica afferma che l’adesione leale degli artisti al fascismo trovava la propria ragion d’essere nella speranza riposta in Mussolini e nel suo sistema politico di rinnovare il paese, di riuscire a dare all’arte ciò che i governi liberali – […] – non erano riusciti a dare. (pag. 43)

Lo studio, attraverso le visioni di Dudreville, Cannistraro, Pontiggia, Sarfatti, Carrà in particolare, percorre il legame e l’organizzazione tra arte e politica, citando opere come Donna con le braccia conserte (1924) di Massimo Campigli, Madonna col bambino (1924) di Mario Tozzi in cui gli artisti esaltano l’essenza del regime, il genio italiano, la modernità.

“Per Mussolini l’arte novecentista condivideva con il fascismo la disciplina, l’ordine, la grandezza del genio italico che da Leonardo giungeva a Sironi in un ripudio di estasi e di armonia. (pag. 49)

La seconda parte del libro, Dalla Ragione alla Spiritualità, affronta la strutturazione della dottrina fascista in campo economico, giuridico e sociale, rifacendosi allo studio di Paolo Grossi.

Il corporativismo, la scienza, l’idea di una nuova classe dirigente sono state le risposte concrete date dal fascismo alle esigenze dei tempi. Su questo progetto si stabilisce l’incontro tra futurismo e fascismo fino alla metà degli anni Trenta, sul desiderio utopico di una società costruita su una base priva di conflitti. La tensione spirituale del futurismo si incontrava con la dottrina giuridica e sociale del fascismo. Questa prende le mosse dallo studio di Santi Romano, che riconosce la pluralità di base, in cui i criteri di tipo istituzionistico-pubblicistico assimilano situazioni di carattere meramente individuale, che hanno portata extragiuridica.

La teoria di Santi Romano della pluralità degli ordinamenti politici è stato il riferimento per la scienza giuridica fascista sulla natura di organi intermedi quali i sindacati. La storica focalizza la ricerca sulla natura ideologico-giuridica del fascismo e la ricaduta economico-sociale. I sindacati emergenti sono portatori di interessi di classe e quindi negativi poiché immiserisconono l’interesse generale. Il capitolo dedicato alla dottrina fascista è l’atto coraggioso di Monica Cioli che intraprende la revisione storico-artistica del periodo ancora irrisolto e spesso liquidato con luoghi comuni. In tal senso lo studio si inserisce nella ricerca di verità dalle fondamenta del procedimento artistico-storico che ha “aperto” la via ai linguaggi che, pur  attraversando il secolo, non sono stati ancora elaborati.

La pluralità o la multimedialità dell’arte ha la specularità nel pensiero giuridico fascista che individua nella pluralità aggregata in “corporativismo il congegno istituzionale in grado di spostare la mediazione Stato-società sul nuovo piano dei fini, come strumento in grado di fondare e rinnovare l’identità di Stato come progetto.” (pag.65)

Il pensiero fascista trova la sua sublimazione nel concetto di educazione come formazione ed esercizio del bambino, dei giovani a raggiungere le forme più alte delle specificità per divenire personalità forti e costituire la nuova “aristocrazia italiana”. E’ esaltante in tal senso il libretto di Pellizzi Il noto educatore, con i concetti di apertura dell’uomo su nuovi spazi. Questa idea di estensione ed espansione ha valore nei futuristi: Oriani, Fillia o Prampolini lanciavano l’aoropittura. In tal senso il fascismo è stato in grado di superare ogni forma di dottrinarismo vacuo, ispirato alla scientificità organizzativa del sistema lavorativo, teorizzato da Taylor, con i rapporti tecniche-elites dirigenti o macchina- scienza – elite dirigente. “Un nesso evidente, scrive Monica Cioli, sin dalla nascita del futurismo quando esso, in nome e sulla base della scienza e della tecnologia e attraverso la trasmissione artistico-politica dei valori relativi, si era posto come l’elite deputata alla trasformazione sociale dell’Italia.”(pag.71)

Il ritmo dell’esposizione analitica del periodo storico, le documentazioni e le fonti riportate costruiscono anche la tristezza per tutto ciò che è stato pensato, amato, sognato e non è stato.

Nello specifico la storica analizza il rapporto del futurismo con la macchina all’indomani della Grande Guerra. “Se nella prima stagione futurista le teorie delle scienze fisiche e matematiche avevano stimolato nuovi principi estetici […] che esaltavano la ‘velocità’ del moderno e costruivano l’utopia di una nuova società, ora le stesse scienze suggerivano all’artista nuove realtà.” (pag.83)

Il panorama del secondo futurismo è ricco di stimoli: la fisica e la psicoanalisi sollecitano introspezioni e arricchiscono l’aeropittura che in Prampolini poggia su influenze metafisiche. Per Monica Cioli, il futurismo deve molto al Divisionismo, proposto non sulla scia dell’Impressionismo,  ma come movimento autonomo legato alla scoperta dei meccanismi percettivi e alla sensibilità ottica, che i futuristi collocano in un sistema più ampio, universale. Prampolini, prima della ricostruzione futurista, proponeva l’astrazione” come coagulo di sensazioni generali, sintetiche, non più limitate a una singola arte, ma complessive, relative a tutti gli ambiti  della vita e delle arti. Questo studio del futurismo italiano ricorda i “complessi plastici o costruzioni assolute di moto-rumore” di Depero.

Negli anni Venti l’immaginario futurista è mutato, la sua poetica fa riferimento al mito della macchina, per la forza, per il ritmo, per le meravigliose analogie che può ispirare. Il fascino per il motore della macchina o dell’aereo struttura un percorso espositivo e di conferenze che culminano nella biennale di Venezia del 1926.

La storica ripercorre il periodo ricostruendo la strutturazione ideologica all’interno dell’iter espositivo.  Nel capitolo Dalla Ragione alla Spiritualità, con riflessioni centrali per tutta la trattazione della seconda parte, la scientificità del percorso è poetico e doloroso. Il Divisionismo con le proprie teorie, lo studio sulle emissioni delle radiazioni emesse dai solidi in funzione della temperatura studiata dai fisici tedeschi Otto Richard Lummer ed Ernst Pringshein, l’irruzione delle teorie di Max Planck mettono in crisi l’immagine del mondo, ampliano pericolosamente gli orizzonti. Le affermazioni della necessità di una ricostruzione del mondo e i vari manifesti futuristi sono scritti e firmati mentre l’Italia sta per entrare in guerra! Boccioni muore in guerra nel 1916 e non può realizzare il suo progetto estetico. Il futurismo prosegue il percorso con un’interpretazione animistica della macchina considerata un’entità spirituale, a tal proposito la storica cita il testo di Fillia L’idolo meccanico del 1925. Il rapporto dell’uomo o dell’artista futurista ( in particolare il gruppo di artisti di Torino) con la macchina è affrontato come filosofia ed etica dell’esistenza. Nel furore e nella passione ideologica gli artisti scontrano, inevitabilmente, con alcune realtà. In una di queste circostanze Fillia scrive “E’ assurdo che molte volte la modernità di una costruzione debba dipendere dal gusto di un gerarca locale e non da una ragione di continuità costruttiva”. E ancora il gruppo torinese si riconosce qualità costruttiviste lontane dalle posizione di dei surrealisti francesi e non riconosce parentele con Mirò, Masson e Max Ernst.

La storica testimonia con ricca documentazione il contributo del futurismo alla costruzione dell’ideologia della rivoluzione. In tal senso stupisce l’articolo di W. Bartoli E’ necessaria la violenza apparso nel settimanale Il Futurismo (aprile 1933). Nel ’34 il Futurismo è come un cuneo tra sistemi e ideologie. E’ particolare la reazione alla mostra Aeropittura Futurista Italiana presentata a Berlino e attaccata dal regime nazionalsocialista tanto da essere difesa persino da Blumner, da Gottfried Benn, da Goebbels. Intanto W. Benjamin vedeva il futurismo coinvolto nell’operazione violenta del fascismo di estetizzazione della politica. L’osservazione di Benjamin introduce riflessioni, affrontate da Monica Cioli, sulla necessità delle ideologie di accogliere intellettuali e di sostenerli. In Campo del potere e campo intellettuale la storica avvia la disamina partendo da Julien Benda e la prima edizione de La Trahison des Clercs del 1927, per scrivere “nel contesto dell’Italia fascista  del tempo, Antonio Gramsci lega in qualche modo le interpretazioni di Benda e di Mannheim in un misto di critica e rassegnazione sul ruolo degli intellettuali. Una pagina importante è quella relativa all’analisi di Pierre Bourdieu che legge e seziona l’arte con lucida dissacrazione.

Lo svolgimento storico-artistico tra arte, architettura, teatro è avvincente. La storica attraversa il rapporto degli artisti con Sarfatti e sottolinea la relazione con lo scienziato Guglielmo Marconi, a cui Prampolini dedica il monumento esposto nella mostra per la rivoluzione fascista.

Il fascismo e la ‘sua’ arte ha il coraggio di presentare il grande corpo delle opere istituzionali, sociali e artistiche realizzate dal fascismo e il ‘rinnovamento della proposta artistica’ con il muralismo fascista, ‘sintomo di quel passaggio da una rivoluzione dottrinaria a una ideologia della rivoluzione’ (pag. 198) e l’idea sironiana di pittura murale, espressione della coscienza moderna che ha nel suo profondo l’arte antica.

I capitoli si succedono strutturando la convinzione ideologica, la lealtà artistica mentre il regime rivela una natura diversa, distante. “Sironi, come altri, scrive Monica Cioli, doveva avvertire una forte disillusione per il crollo dei valori in cui aveva creduto: […]” (pag.206)

E’ importante il costante richiamo della storica del rapporto ideologico tra fascismo e futurismo, perché entrambi si modellano sulla realtà che è in continuo movimento. La rinascita della civiltà europea poteva avvenire solo attraverso ‘la ricetta fascista’ che è stato il corpo di un’anima futurista. Tutti i personaggi politici e artistici attraversano il periodo storico descritti attraverso articoli e documenti. Gli scritti degli artisti raggiungono il sublime poetico con la ricaduta sul mondo reale, politico modellato dal pensiero come argilla!

Il vasto studio si avvale di tre livelli di scrittura: l’attraversamento storico degli eventi ideologici/artistici; gli inserimenti di documenti, discorsi, articoli, passaggi di manifesti; il sottotesto delle note che scandiscono i parametri temporali delle diverse letture.

La ‘conclusione’ sul periodo storico è espresso dal riferimento delle differenti letture storiche del periodo, tra cui quella di Pellizzi, di Benjamin, di Salvati. Di quest’ultimo Monica Cioli riferisce pensiero scrivendo che accanto al fallimento del progetto corporativo, esperimento sociale rispondente ai tempi storici secondo Pellizzi, e a quello tecnico-tecnocratico, “la dimensione di massa della politica fascista si accompagnò all’adozione di misure di notevole spessore, come per fare due esempi, gli Istituti per le case popolari e l’Istituto Nazionale fascista della previdenza sociale, destinati a sopravvivere al tracollo del regime”. (pag. 316)

Il libro Il fascismo e la ‘sua’ arte è pubblicato dalla storica casa editrice di Firenze Leo S. Olschki, che partecipa al progetto Inediti collana di studi sui movimenti del XX secolo creata dal Mart di Rovereto.

Vittoria Biasi

Position the cursor on the images to view captions, click on images to enlarge them. 

Posizionare il cursore sulle immagini per leggere le didascalie; cliccare sulle immagini per ingrandirle.

Mart e la Casa editrice Leo S. Olschki
presentano il volume
Giovedì 21 giugno 2012, ore 17.00

Biblioteca di storia moderna e contemporanea
Palazzo Mattei di Giove
Via Michelangelo Caetani 32 – Roma

Giovedì 21 giugno alle ore 17 presso la Biblioteca di storia moderna e contemporanea di Roma, sarà presentato il libro di Monica Cioli “Il fascismo e la ‘sua’ arte. Dottrina e istituzioni tra futurismo e Novecento”.

Insieme all’autrice ne discuteranno Emilio Gentile, Aldo Mazzacane, Paola Pettenella e Pierangelo Schiera, coordinerà Marco De Nicolò.

Pubblicato dalla Leo S. Olschki Editore di Firenze, il volume fa parte di una collana – gli “Inediti” del Mart – tesa ad analizzare luoghi o momenti della storia del XX secolo, attraverso saggi, resoconti e riflessioni di storici appartenenti a diverse discipline. Monica Cioli offre il suo punto di vista di storica delle dottrine politiche, affrontando il rapporto intercorso fra il regime e le varie correnti artistiche del Ventennio fascista, e soffermandosi in particolare sul futurismo.

Informazioni:
Casa Editrice Leo S. Olschki: 055.65.30.684 – ufficio stampa: pressoffice@olschki.it
Biblioteca di storia moderna e contemporanea di Roma: Tel. 0668281739 – b-stmo.info@beniculturali.itwww.bsmc.it

Previous post

NOIR - ALEXANDER CALDER - KUKJE GALLERY - SEOUL, KOREA

Next post

NADIR AFONSO. MUSEO CARLO BILOTTI - ROME

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *