BooksROME

PRESENTATION OF THE BOOK ARCHITECTURE OF WHITE BY VITTORIA BIASI – MLAC | ROME

PRESENTATION OF THE BOOK ARCHITECTURE OF WHITE BY VITTORIA BIASI - MLAC | ROME

Presentazione del libro Architetture del bianco di Vittoria Biasi
Gangemi Editore, Roma 2009
MLAC – Museo Laboratorio di Arte Contemporanea Università Sapienza
Piazzale Aldo Moro 5  00185 Roma

Coordina: Valentina Piscitelli – architetto
Intervengono: gli artisti Jacopo Benci, Antonia Di Giulio, Isabelle Fordin, Ida Gerosa, Anna Onesti, Roberto Pietrosanti, Paolo Radi, Lucia Romualdi, Franco Speroni, Silvia Stucky, Andrea Valcalda; Simonetta Lux – direttore del MLAC; Domenico Scudero – curatore del MLAC; Maurizio Zuccari – caporedattore di Inside Art – Sofà.

Il libro Architetture del bianco è un viaggio teorico-creativo che l’autore traccia attorno alle lingue del bianco, della sua scrittura poetica, ricerca della linfa primaria, mitologica da cui le espressività hanno mosso i loro segni. Consegnato alla storia, il bianco, sul finire degli anni ’50, è un fremito che attraversa l’Europa, le culture d’oltreoceano, accendendo luci monocrome lungo una linea immaginaria e di confine. Sarà un’arte senza incarnazione, che prende forma nella proiezione di un progetto interiore.

L’autore attraversa importanti espressività creative spinte nelle trame del bianco, della luce, individuando contagi, coinvolgimenti, che con differenti media, nel nuovo millennio, avviano una ricerca reale di fisicità: una sorta di capovolgimento di clessidra, di visioni poetiche.

Le esposizioni monocrome degli anni 50/60, coincidenti con rivendicazioni sociali, politiche, linguistiche, hanno segnato la reviviscenza dello spirito avanguardistico. Gli artisti, tra cui Manzoni, Castellani, Savelli, Fontana, hanno cercato l’antica simbiosi tra il sensibile e l’invisibile, seguendo le tracce di Malevič. Dagli anni ’80/90, sulle soglie dell’abbandono del Novecento, gli artisti coinvolti nella monocromia hanno rivelato l’esigenza del rapporto ‘concreto’ con l’esistenza, schiudendo la dimensione solipsistica del bianco a relazioni con il mondo esterno. Carlo Bernardini, Jacopo Benci, Lucia Romualdi, Paolo Radi, Franco Ionda, Casaluce Geiger e altri artisti hanno guidato il linguaggio estremo del bianco, della luce negli spazi reali della vita, della storia, della tradizione, proponendo un suprematismo partecipativo, in dialogo con l’altro, considerato oltre del sé.

Per Vittoria Biasi, il panorama internazionale, di artisti con storicità differenti, ma allineati su un pensiero e una centralità bianca realizza l’idea del viaggio attraverso immagini filmiche e corrispondenze con la scrittura nello spazio reale, fisico. Le derive del bianco si aprono con esperienze di corporeità creativa (Pippa Bacca, Marina Abramovič, Cristiana Palandri) e si concludono la scoperta di un’età bianca, corrispondente a quella della rivelazione in cui tutti i fiori nascono bianchi.

La prima presentazione del libro Architetture del bianco si svolge al MLAC, dove nel 2007 è stata presentata la mostra omonima.

L’evento è realizzato nella programmazione Letture Attive del MLAC, con il contributo della Regione Lazio per le ricerche in “Applicazione nuove tecnologie multimediali arte contemporanea”, volute dal direttore Simonetta Lux e realizzate dal curatore Domenico Scudero.

Sponsor: Cantine Due Palme – Viticultori del Salento. Cellino San Marco (BR)

Per l’acquisto del libro:
Gangemi Editore SpA

Previous post

ACEPHALE

Next post

THE SIXTH LONDON BIENNALE, 2010

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *