textsvideo film & live performances

MOTION IN THE MAKING – RIZOMATICA DEL MOVIMENTO | ANTONELLO MATARAZZO

KARMA baroque 2010 - HDV PAL, still da video
KARMA baroque 2010 - HDV PAL, still da video

Motion in the making – Text by Bruno di Marino

The film imagery of an artist like Antonello Matarazzo is, can’t not be strongly affected by the author’s early pictorial background. The accuracy of his gaze together with the need for a gesture, always a clear and peremptory one, by which he tries to translate into images (moving or not), the chaos of the world, is, for instance, one of the characteristics of his art making. All in all, you feel that, despite not being born as a filmmaker, Matarazzo can perfectly master the medium, exploring its opportunities, and its effects too, never choosing a narrative way, moving instead in the balance between experimentation and documentary.

And it is on this side that Matarazzo has practiced over the past two years, with two works that are very different from each other: the medium-length film Latta e cafè (2009), produced for the Filmauro by Aurelio De Laurentiis, and the short film Video su carta (2011), showcased last June at the Fondazione Arnaldo Pomodoro in Milan. The first (film recognized as of cultural interest from Ministero dei Beni Culturali) is a portrait dedicated to Riccardo Dalisi, architect and designer in Naples. Telling through pictures the long and many-sided activity of a figure like that of the eclectic Dalisi, requires an absolute freedom of staging. It is for this reason that Latta e cafè starts with a metafilmic touch through the enunciation of a structure that will be largely disregarded by the development of the project. In this sense, what is defined in part a portrait of Dalisi, reflects the approach and the style of the subject: Latta e cafè is an “unpredictable” documentary, which affects certain issues, then leaves them behind, unless touching them again, in a schizophrenic stream reflecting the same eclectic energy that informs the aesthetics of Mr. Dalisi’s works. The main object of Dalisi’s inventiveness, that is the tin-plated coffee pot, makes its appearance in the first part of the film in order to reappear only towards the end: and it is just an example of how any subject can be handled by Matarazzo without being ever ended. Indeed, the rhythm of the film seems to enhance Dalisi’s aesthetics, which is a kinetic machine too, highlighting – up to a breaking point – how lively the creations of the architect are.

LATTA E CAFE' 2009 03 - DV PAL, backstage
LATTA E CAFE' 2009 03 - DV PAL, backstage

Latta e cafe’s chaotic structure counterbalances to the linear and geometric architecture of Video su carta, shotted on the occasion of the exhibition of Perino & Vele at Pomodoro Foundation. If the artistic process of Dalisi is a baroque-shaped telling, the short film on the two artists both coming from Campania (and AM’s longtime friends and colleagues), who decided to focus on a single but extraordinary technique, the papier-mâché, is far closer to the language of minimal art. The universe of Perino & Vele is synthesized through “outlined pictures”, or through visions that, in addition to documenting the various procedural stages of their work, continuously turn into infographic sinopias, with a shift from images from life to images from the lattice tracking the same squared texture of Perino&Vele’s papier-mâché figures. Static shots, slow and well-defined camera movements, and especially an editing that scans the staging, in sync with music and sounds: this is the style adopted by Matarazzo, the opposite, indeed, of handheld cameras, fadings from black and neat cuts we have found in Latta e cafè.

In these two works Matarazzo, while echoing the style of the artists whom he chose to tell, stands out because of his own eyes: re-reading and re-staging the aesthetics of his colleagues, he takes advantage of his unique language.
In the creative evidence we can also find traces of the artistic and experimental ground Matarazzo has been exploring in recent years. The interconnection and the exchange between still images (photographs) and moving images (videographic) is the focus of several of his videos and installations, from La Camera Chiara to La posa infinita, a theme that becomes crucial in other works too: from VeraZnunt – which will be repeated in the form of installation at Zenobio Palace in Venice – to People Connection, from Motus to Karma, one of his most recent works produced in different versions, which will be set up – in September as well – at the Cam in Casoria (Na), the Italian regional Pavilion of 54th Venice Biennale.

LA POSA INFINITA - installazione foto-video
LA POSA INFINITA - installazione foto-video

A common thread that ties all of these creations is the relationship between matter and memory, time and movement, individual history and collective history. The autobiographical remembrance of the old Armenian guy who looks back to the genocide of his people by the Turks, takes the form of a photograph that magically takes life and marks a “rebirth” or a return to innocence, to a world not yet shocked by violence, intolerance and death (VeraZnunt). A parallel is found in Karma, all played upon the oxymoron between immobility and transformation, represented by the existence of a tree, the roughness of its bark so similar to that of an aging human body: that of an elderly woman in which we see the same mixture of stillness and transformation. The strenght of the plant is apparently inanimate, as opposed to the fragility of a body who is subject to the  time passing by. Two organic forms of nature absorbed into an inexorable cycle, where everything is to be changed and nothing is destroyed.
In Matarazzo’s aesthetics the faults of the time and also the continuous and rhizomatic steps from stasis to movement contribute to the creation of a path rich in character, consisting of visual-narrative fragments that compulsively run in the name of an acute  primal yearning, where the sense of history and nature overlaps and disappears.

Bruno di Marino

http://www.antonellomatarazzo.it/ – info@antonellomatarazzo.it

VIDEO SU CARTA 2011 01 - HDV PAL, still da video
VIDEO SU CARTA 2011 01 - HDV PAL, still da video

Rizomatica del movimento – Testo di Bruno Di Marino

L’immaginario filmico di un artista come Antonello Matarazzo non può non risentire innanzitutto della sua formazione pittorica. L’esattezza del suo sguardo coniugata anche alla necessità di un gesto, sempre limpido e perentorio, che cerca di tradurre in immagini (in movimento o meno) il caos del mondo, è per esempio una delle caratteristiche del suo fare artistico. E del resto si avverte che, pur non nascendo come cineasta, Matarazzo sa padroneggiare perfettamente il medium, esplorandone le possibilità, anche gli effetti, ma non scegliendo una strada narrativa, piuttosto muovendosi in bilico tra la sperimentazione e il documentario.

Ed è proprio su questo versante che Matarazzo si è esercitato negli ultimi due anni, con due lavori molto diversi l’uno dall’altro: il mediometraggio Latta e cafè (2009), prodotto per la Filmauro da Aurelio De Laurentiis, e il cortometraggio Video su carta (2011), presentato nel giugno scorso alla Fondazione Arnaldo Pomodoro di Milano. Il primo (film riconosciuto di interesse culturale dal Ministero dei Beni Culturali) è un portrait dedicato a Riccardo Dalisi, architetto e designer napoletano. Raccontare per immagini la lunga e composita attività di una figura eclettica come quella di Dalisi, richiede un’assoluta libertà di messa in scena. Ed è per questa ragione che Latta e cafè inizia in modo metafilmico, attraverso l’enunciazione di una struttura che sarà in gran parte disattesa dallo sviluppo del progetto. In questo senso quello che in parte è definibile un ritratto di Dalisi, rispecchia l’approccio e lo stile del soggetto stesso: Latta e cafè è un documentario “imprevedibile”, che tocca certi argomenti, si allontana, vi ritorna nuovamente, in un flusso schizofrenico riflesso dell’energia eclettica che informa l’estetica dalisiana. L’oggetto-principe dell’universo progettuale di Dalisi, ovvero la caffettiera, fa la sua comparsa nella prima parte del film per riapparire verso la fine: ed è solo un esempio di come nessun tema trattato da Matarazzo può essere concluso. Il ritmo del lavoro blandisce l’estetica di Dalisi, che è anche cinetica, mettendo in evidenza, fino all’esplosione, quanto ci sia di mobile nelle creazioni dell’architetto.

LATTA E CAFE' 2009 04 - DV PAL, backstage
LATTA E CAFE' 2009 04 - DV PAL, backstage

La struttura caotica di Latta e cafè vede il suo rovescio nell’architettura geometrica e lineare di Video su carta, realizzato in occasione della mostra di Perino & Vele presso la Fondazione Pomodoro. Se il processo artistico di Dalisi viene raccontato in modo barocco, la struttura del cortometraggio sui due artisti campani (amici di lunga data e di percorso di A. M.), i quali hanno deciso di concentrarsi su una sola ma straordinaria tecnica, la cartapesta, è più vicina al linguaggio della minimal art. L’universo di Perino & Vele è sintetizzato attraverso immagini “schematiche”, ovvero con visioni che, oltre a documentare le diverse fasi processuali del loro lavoro, si trasformano continuamente in sinopie infografiche, con un passaggio dalle immagini dal vero a immagini reticolari che replicano la stessa texture quadrettata delle loro figure di cartapesta. Inquadrature fisse, movimenti di macchina lenti e definiti, e soprattutto un montaggio che scandisce la messa in scena, in sincrono con la musica e con i rumori: questo è lo stile adottato da Matarazzo, opposto all’uso della camera a mano, delle dissolvenze dal nero e dei tagli netti di Latta e cafè.

In questi due lavori Matarazzo pur riecheggiando lo stile degli artisti che sceglie di raccontare, impone il suo sguardo ri-leggendo e ri-mettendo in scena l’estetica dei suoi colleghi, valendosi del proprio inconfondibile linguaggio.

Nel documento creativo troviamo altresì tracce del terreno artistico e sperimentale che Matarazzo ha esplorato negli ultimi anni. L’interconnessione e lo scambio tra immagini fisse (fotografiche) e immagini in movimento (videografiche) è al centro di diversi suoi video e installazioni, fin da La camera chiara e La posa infinita, un tema che diventa centrale in altri lavori: da VeraZnunt – che sarà riproposto sotto forma di installazione di Palazzo Zenobio a Venezia – a People Connection, da Motus a Karma, una delle sue opere più recenti elaborata in diverse versioni, che sarà allestita – sempre nel mese di settembre – presso il Cam di Casoria (Na), Padiglione Italiano regionale della 54. Biennale di Venezia.

PEOPLECONNECTION 2008 02 - DV PAL, still da video
PEOPLECONNECTION 2008 02 - DV PAL, still da video

Un filo conduttore che lega tutte queste creazioni è il rapporto tra materia e memoria, tempo e movimento, storia individuale e storia collettiva. Il racconto autobiografico del vecchio armeno che rimembra attraverso un episodio familiare il genocidio del suo popolo ad opera dei turchi, si concretizza in una fotografia che prende magicamente vita e segna una “rinascita”, ovvero un ritorno all’innocenza, ad un mondo non ancora sconvolto dalla violenza, dall’intolleranza e dalla morte (VeraZnunt). Un parallelo lo troviamo in Karma, tutto giocato sull’ossimoro tra immobilità e trasformazione, rappresentato dall’esistenza di un albero, dalla rugosità della sua corteccia simile a quella di un corpo umano che invecchia: quello di una donna anziana in cui scorgiamo la stessa mescolanza di immobilità e trasformazione. La solidità apparentemente inanimata della pianta, contrapposta alla fragilità di un corpo soggetto allo scorrere del tempo. oggetto allo scorrere del tempo. Due forme organiche assorbite nel ciclo inesorabile della natura, dove tutto si trasforma e niente si distrugge.

Nell’estetica di Matarazzo le faglie del tempo e anche i continui e rizomatici passaggi dalla stasi al movimento contribuiscono alla creazione di un percorso ricco di suggestioni, costituito da frammenti visivo-narrativi che si rincorrono nel nome di una struggente nostalgia primigenia, dove il senso della storia e quello della natura si sovrappongono e si dissolvono.

Bruno Di Marino

http://www.antonellomatarazzo.it/ – info@antonellomatarazzo.it

Position the cursor on the images to view captions, click on images to enlarge them.
Posizionare il cursore sulle immagini per leggere le didascalie; cliccare sulle immagini per ingrandirle.

Previous post

QUEEN MARGHERITA JUMPS INTO THE MOTOR RACING SCENE - VILLA REALE | MONZA

Next post

KAROLA KRAUS'S MUSEUM OF DESIRES FOR THE RELAUNCH AND ANNIVERSARY - MUMOK | VIEW

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *