Books

IL LIBRO DELL’OPPIO (THE BOOK OF OPIUM) – CATERINA DAVINIO

Title: IL LIBRO DELL’OPPIO (THE BOOK OF OPIUM)
Author: CATERINA DAVINIO
Publisher: Puntoacapo, Novi Ligure
Year: 2012 – Genre: Poetry – 168 pages – Price: 16 Euro

Il libro dell’oppio (The Book of Opium), namely: the cursed years of a protagonist of the international electronic art and poetry.

Opium and opiates, literary vice par excellence – with a history and personalities in the literary scene, from Baudelaire to De Quincey, from Coleridge to Burroughs – find in this work a space unencumbered by victimism or prejudice, with a delirious perspective, but free from censorship and taboos.

The author writes in the introductory note: “These are sick (and hellish) paradis artificiels… It is better not to talk about certain diseases of body and soul, it is better to conceal them, not to upset the sensibility of those who, in the world, can so surely separate good and evil, health and affliction, heaven and hell. In fact, this book remained unpublished, and I would say secret, for more than twenty years”.

We can define The Book of Opium a work by a young poet: it contains, in fact, lyrics created by Davinio when she was from seventeen to thirty years old.

Mauro Ferrari points out in the afterword: “This is poetry which brings together in one bundle a life experience which is anyway full and painfully joyous – I too suggest an oxymoron – that in Italy this poetry has very few equals, and that it takes refuge neither in a more or less cursed attitude, nor in moralism. […] The poetry of Caterina Davinio drips vitality, corporeality and physicality, which, I think, makes us love life beyond measure, because it sinks its nails into abjection, into hazard and death – into a challenge to death, even, without rhetoric, neither in the construction of the verses nor in the narrative dimension of this lucid and hallucinated diary. […] History? Yes, the dates (between 1975 and 1990) tell us about the years of terrorism and heroin; but the single texts, however, tell us a story – rather they offer to us fragmented instants, a heap of broken images, that do not aspire to total organicity – where the pursuit of pleasure (momentary and fleeting, as always pleasure is, according to the poet Leopardi) merges with the immersion in pain like systole and diastole. The desperate search for drugs is wandering, delay and waiting (“the waiting is everything”); the resurrection to life after a night of drugs, or the lucidity that shines between two chasms, is then the terrible confirmation of the value of “that life which is missing”, confirmation of how life should be wooed, to feel alive one more day, drunk on the edge of the abyss.”

Caterina Davinio, writer, poet and artist, is known for her work in new media, which has brought her, since 1990, in contact with the international avant-garde circuits, in publications, festivals, exhibitions and meetings of global significance, such as the Venice Biennial, the Biennale of Sydney, of Lyon, of Liverpool, of Athens, of Merida, E-Poetry festival (Barcelona and Buffalo, NY), Manifesta and many others, with over three hundred appearances in meaningful exhibition contexts. This book gives us an opportunity to know a dark period preceding 1990, in the Seventies and the Eighties, offering a gallery of situations, characters and atmosphere from the world of drug addiction, with moments of hedonism, nihilism, but also playful, or dramatic, such as in Overdose, Anorexia, Flash (Poem of Heroin).

The Book of Opium presents one hundred and fourteen selected poems from the collection Fatti deprecabili (Deplorable Facts), almost entirely unpublished, which contains texts written from Davinio’s early adolescence. Davinio began writing poetry at the age of fourteen years, composing, from 1971 until 1997, over four hundred poems and performance texts; some of them were included in anthologies, readings and theater performances in the late Eighties and Nineties. The poems included in this book, never printed or presented before, are a first attempt to organize and arrange part of those manuscripts for publication.

The themes of drugs and marginality are not new in Davinio’s literary production, already present in her novel Color Color, in various poems, and in her book Serial Phenomenologies (2010).

The Book of Opium, with its language directed, up from its origins, to experimentation, with a vocation for breaking the syntactical structures, the verses, and, sometime, the words, with the unpredictability of some unexpected passages and variations, provides, in a not merely neo-realistic way, an unprecedented insight into life and the youth culture of the Seventies and the Eighties, perhaps the generation most affected by what has been called the drug culture.

***
Born in Foggia in 1957, Caterina Davinio grew up in Rome, where, after a degree in Italian Literature at Sapienza University, she dealt with contemporary art and new media, as a writer, as a curator and a theorist. Featured in international anthologies and journals, she has published the poetry collection Serial Phenomenologies, Campanotto, 2010, special mention in Nabokov Prize 2011, with parallel English text, afterword by Francesco Muzzioli and a critical note by David W. Seaman; the novel Color Color, 1998; the essays: Techno-Poetry and Virtual Realities, 2002, with preface by Eugenio Miccini, and Virtual Mercury House. Planetary & Interplanetary Events, book with dvd, 2012, about net-poetry. She gained recognitions as a finalist in the awards: Lorenzo Montano, Franco Fortini, 2011, Scriveredonna 2010 (Pescara), for unpublished poetry. Among the pioneers of digital poetry and art in 1990, she has exhibited in more than three hundred expos in many countries of Europe, Asia, America, Australia. Since 1997 she participated and has created poetry and multimedia art events in seven editions of the Venice Biennale and collateral events.

On the cover: Caterina Davinio, digital elaboration from a photographic self-portrait created in 1979.

Purchase:
* Orders from the publisher: acquisti@puntoacapo-editrice.com
* Free copies: journalists, critics, cultural centers and libraries that can make the book available to public consultation, can request a free copy by writing to the cultural association ART ELECTRONICS: clprezi@tin.it (please, write your address, the name of your journal/review and web site address)

Titolo: IL LIBRO DELL’OPPIO
Autore: CATERINA DAVINIO
Editore: Puntoacapo, Novi Ligure
Postfazione: Mauro Ferrari
Anno: 2012
Genere: poesia
168 pagine
Prezzo: 16 euro

Il libro dell’oppio, ovvero: gli anni maledetti di un protagonista dell’arte e della poesia elettronica internazionali.

Oppio e oppiacei, vizio letterario per eccellenza – con precedenti ed esponenti del panorama letterario, da Baudelaire a De Quincey, da Coleridge a Burroughs – trovano in quest’opera uno spazio non gravato da vittimismi né da pregiudizi, con una prospettiva delirante, ma libera da censure e tabù.

Scrive l’autrice nella nota introduttiva: “Questi sono infermi (e infernali) paradis artificiels… Di certe malattie del corpo e dell’anima forse è meglio non parlare, dissimulare, non turbare la suscettibilità di chi al mondo riesce a dipartire con tanta sicurezza il bene e il male, la salute e l’afflizione, il paradiso e l’inferno. Infatti, questo libro è rimasto inedito, ed oserei segreto, per più di un ventennio”.
Possiamo definire Il libro dell’oppio opera di un giovane poeta: esso contiene, infatti, liriche create dalla Davinio dai diciassette ai trent’anni.

Mauro Ferrari
nella postfazione osserva: “È una poesia che raccoglie in un unico fardello un’esperienza di vita comunque piena e dolorosamente gioiosa – avanzerei anch’io un ossimoro – che in Italia ha ben pochi uguali, e che non si rifugia nemmeno nel maledettismo più o meno di maniera, né tantomeno nel moralismo. […] Quella di Caterina Davinio è una poesia che gronda vitalismo, fisicità e corporalità, che credo ci faccia amare oltremisura la vita proprio perché affonda le unghie nell’abiezione, nell’azzardo e nella morte – nella sfida alla morte, anzi, e senza retorica, né nella costruzione dei versi né nella dimensione narrativa di questa sorta di diario allucinato e lucido. […]
Storia? Sì, le date (a cavallo fra il 1975 e il 1990) ci raccontano di anni di piombo ed eroina; i singoli testi ci raccontano però una storia – meglio, ci offrono istantanee frammentate, a heap of broken images che non ambiscono a un’organicità assoluta – attraverso cui la ricerca del piacere (momentaneo ed effimero, come è sempre leopardianamente il piacere) si fonde con l’immersione nel dolore come sistole e diastole. La ricerca affannosa della droga è vagabondaggio, dilazione e attesa (« l’attesa è tutto»); la resurrezione alla vita dopo una notte di droga, o la lucidità che illumina fra due baratri è dunque la conferma terribile di quanto valga «quella vita che manca», di come essa vada corteggiata per sentirsi vivi un giorno di più, ebbri sul bordo dell’abisso”.

Di Caterina Davinio, scrittice, poeta e artista, è noto il lavoro nei nuovi media, che l’ha portata dal 1990 nei circuiti dell’avanguardia internazionale, in pubblicazioni, festival, mostre e convegni di rilevanza mondiale, quali la Biennale di Venezia, La Biennale di Sydney, di Lione, di Liverpool, di Atene, di Merida, l’E-Poetry festival (Università di Bacellona e Università SUNY Buffalo, NY), Manifesta, e molti altri, con oltre trecento presenze in significativi contesti espositivi. Questa sua ultima opera ci apre un varco in un periodo oscuro che precede il 1990, negli anni Settanta e Ottanta, offrendoci una galleria di situazioni, personaggi e atmosfere tratti dal mondo della tossicodipendenza, con momenti di edonismo, di nichilismo, ma anche ludici, o drammatici, come in Overdose, Anorexia, Flash (Poema dell’eroina).

Il libro dell’oppio
propone centoquattordici poesie scelte dalla raccolta, quasi completamente inedita, Fatti deprecabili, che include testi prodotti dalla prima adolescenza. Davinio ha cominciato a scrivere poesie all’età di quattordici anni, componendo tra il 1971 e il 1997 oltre quattrocento liriche e testi di performance, alcuni dei quali presenti in antologie, letture pubbliche e spettacoli, tra la fine degli anni Ottanta e gli anni Novanta. I testi poetici nel libro, mai presentati né stampati finora, sono un primo tentativo di riordinare e organizzare per la pubblicazione parte di quei manoscritti.
I temi della marginalità e della droga non sono nuovi nella produzione letteraria della Davinio, già presenti nel suo romanzo Còlor còlor, del 1998, e in varie liriche, come nella raccolta Fenomenologie seriali, del 2010.
Il libro dell’oppio, in un linguaggio fino dalle origini rivolto alla sperimentazione, con una vocazione per la frantumazione delle strutture sintattiche, del verso, e, a tratti, della parola, predisposto all’imprevedibilità di scarti e passaggi inaspettati, offre, in modo non meramente neorealista, uno spaccato di vita e delle culture giovanili degli anni Settanta e Ottanta, della generazione forse più colpita da quella che è stata definita la cultura della droga.

***
Nata a Foggia nel 1957, Caterina Davinio è cresciuta a Roma, dove dopo la laurea in Lettere all’università Sapienza si è occupata d’arte contemporanea e nuovi media, come autrice, curatrice e teorica.
Presente in antologie e riviste internazionali, ha pubblicato, in poesia, Fenomenologie seriali, Campanotto, 2010, menzione speciale nel Premio Nabokov 2011, con testo inglese a fronte, postfazione di Francesco Muzzioli e nota critica di David W. Seaman; il romanzo Còlor còlor, 1998; il saggio Tecno- Poesia e realtà virtuali, 2002, con prefazione di Eugenio Miccini; la raccolta di scritti sulla poesia elettronica Virtual Mercury House Planetary & Interplanetary Events, libro con dvd, 2012. Ha ottenuto riconoscimenti come finalista nei premi Lorenzo Montano, Franco Fortini 2011, Scriveredonna 2010 (Pescara), per l’inedito.
Tra i pionieri della poesia digitale e della computer arte nel 1990, ha esposto in oltre trecento mostre in molti paesi d’Europa, Asia, Americhe, Australia.
Dal 1997 ha partecipato e creato manifestazioni di poesia e arte multimediale in sette edizioni della Biennale di Venezia ed eventi collaterali.

In copertina: Caterina Davinio, elaborazione digitale su un autoritratto fotografico del 1979.

Reperibilità del volume:
* in libreria e presso i maggiori rivenditori on-line.
* Ordini presso l’editore: acquisti@puntoacapo-editrice.com
** Copie omaggio: giornalisti, pubblicisti e critici interessati a recensire il volume possono richiedere una copia omaggio scrivendo all’associazione ART ELECTRONICS: clprezi@tin.it (indicare il recapito e la testata/sito di riferimento).

.-.-.-.
An interview with Caterina Davinio about The Book of Opium and more, with photography works / Intervista a Caterina Davinio su Il libro dell’oppio e altro, con fotografie:

Some poems from The Book of Opium + two upublished works / Alcune poesie da Il libro dell’oppio + due inediti:
http://italiadautore.blogspot.it/2012/07/caterina-davinio-il-libro-delloppio.html

NEW IN THE BOOKSTORES / IN LIBRERIA: Caterina Davinio, IL LIBRO DELL’OPPIO, Puntoacapo Editrice, 2012.

Previous post

ALİ KAZMA WILL REPRESENT TURKEY AT THE VENICE BIENNALE 2013

Next post

DAVID MEDALLA'S TALK AT TATE BRITAIN ON WEDNESDAY, JULY 11, 2012

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *