DesignFashionMILANtexts

WHITE MILAN – FASHION SCENE – VIA TORTONA AND ROTONDA DELLA BESANA

Ingresso White - via Tortona, settembre 2012
Ingresso White – via Tortona, settembre 2012

The Cavalier Mario Boselli, president of the National Chamber of Fashion, during a press conference at Palazzo Marino, in the presence Councillor Culture, Fashion and Design Stefano Boeri, today announced the latest edition of White Milan, the exhibition dedicated to the new language of fashion which will take place in Via Tortona and the Rotonda della Besana 22 to 24 September 2012.

At cultural level Milan, has always been a city where history interacts with present time and the art, very lively, is closely linked to the cultural phenomena that characterize the contemporary situation as design and fashion itself. In addition to being a world leader in the design, it is surely also the capital of the textile-apparel-fashion. In this modern metropolis in central Europe, are located:
– The Federation Italian Fashion System, which helps make the textile and fashion one of the most important economic sectors of Italian industry and
– The Fashion Institute of Milan, a strategic research project for higher education in the field of fashion which is headed by three universities in Milan: the Bocconi University, the Catholic University and the Polytechnic.

The combination of art, fashion and design, is definitely going through a transformation more compelling and unstoppable.
From September 13 to 23 many galleries will extend their opening hours on weekends during the festival dedicated to the contemporary art StartMilano.
Italian in business, which is characterized by sophistication, elegance and sensitivity towards innovation, Fashion & Design remain the pillars of Made in Italy, of the collective phantasy, and are fundamental parts of Milan and its identity.
The city of Milan is in fact the guest of honor in 2012 Beijing Design Week, which will be held in Beijing from September 26 to October 6, 2012.

The main programs of economic and cultural development in preparation in Milan for the Expo 2015, have not only the purpose of intensifying international relations with European nations, but are increasingly projected towards the attractive markets outside the EU, with strong growth, particularly in the Chinese market.

Raffaella Losapio

.-.-.

Il Cavalier Mario Boselli, presidente della Camera Nazionale della Moda, durante la conferenza stampa a Palazzo Marino, in presenza dell’Assessore Cultura, Moda e Design Stefano Boeri, ha annunciato la nuova edizione di White Milano, il Salone dedicato ai nuovi linguaggi della moda che si svolgerà in via Tortona e alla Rotonda della Besana dal 22 al 24 settembre 2012.

A livello culturale Milano, è da sempre una città dove la storia interagisce col presente e l’arte, molto viva, è strettamente connessa ai fenomeni culturali che caratterizzano la contemporaneità come il design e la moda stessa. Oltre ad essere leader mondiale nel design, è sicuramente anche capitale del sistema tessile-abbigliamento-moda. In questa metropoli moderna nel centro Europa, hanno sede:
– la federazione Sistema Moda Italia, che contribuisce a rendere il tessile e moda uno dei settori economicamente più importanti dell’Industria italiana e
–  il Fashion Institute of Milan, un progetto di ricerca strategico per l’alta formazione nel campo della moda che fa capo a tre università milanesi: l’Università Bocconi, l’Università Cattolica e il Politecnico.

Il connubio tra arte, moda e design, sta decisamente attraversando una trasformazione sempre più coinvolgente e inarrestabile.
Dal 13 al 23 settembre moltissime gallerie prolungheranno il loro orario di apertura nei weekend durante la kermesse StartMilano dedicata all’arte contemporanea.
Nell’imprenditoria italiana, che si caratterizza per raffinatezza, eleganza e sensibilità verso l’innovazione, Fashion & Design rimangono i pilastri del Made in Italy, dell’immaginario collettivo, e parti sostanziali di Milano e della sua identità.
La città meneghina è infatti ospite d’onore nell’edizione 2012 di Beijing Design Week, che si svolgerà a Pechino dal 26 settembre al 6 Ottobre 2012.

I principali programmi milanesi di sviluppo economico-culturale in preparazione all’Expo 2015, oltre ad intensificare i rapporti internazionali con le nazioni Europee, sono sempre più proiettati verso gli attraenti mercati extra-UE, di forte espansione come: Brasile, Russia, India ed in particolare in quello cinese.

Raffaella Losapio

White space reception - via Tortona, settembre 2012
White space reception – via Tortona, settembre 2012

Milan, September 22nd-24th 2012
via Tortona 27
via Tortona 54
www.whiteshow.it

A large and prestigious container for the new languages of fashion, but also a breeding ground for the development of contemporary international companies.

White Milan, the exhibition at via Tortona 27 and 54 reaffirms its leadership on the fashion scene, focusing its research on the most interesting styles from all over the world, bringing in the fashion capital 360 clothing and accessories womenswear collections, on a total area of 16 thousand square meters. 238 Italian brands and 115 foreign ones selected through criteria established by the codes that have imposed the image and content of international fashion-trade among top retailers: creativity, innovation, but also the culture of tradition and art of making.

The visitors expected in the September 2012 edition are 16 thousand, with an influx of international buyers coming largely from Far East and rewarding, through their presence, the work done by White in the major Asian markets, especially China.

As usual, besides the effective exhibition area, White has organized two events – under the patronage of the City of Milan – that enrich the already rich carnet of happenings written by White in the Milanese historical locations. The most important event scheduled for Friday, September 21st at 20.30, and taking place in the eighteenth-century Rotonda della Besana, is the presentation of the spring / summer 2013 collection by Stella Jean. The Italo-Haitian designer won the fashion system with collections evoking the two cultures of her homeland: the old and sentimental one and the modern one, projected to the new. The two opposites come together in an ironic, colorful mosaic that shapes a new femininity.

Next, on the evening of Saturday, September 22nd at 20.30, still at the Rotonda della Besana, the event by Uma Wang, who once again has chosen White Milan as the exceptional stage to unveil a new season of success. The chinese designer, already guest designer last February at the Royal Palace, has captured the attention of the international press and of top multibrand stores with her avant-garde creations mixing different materials, finished with high couture criteria.
http://www.umawang.com/

Both events will involve a jazz duo of international prestige: the pianist Umberto Petrin and singer Carola Caruso.

Strategic for the projects of development of the Milanese show the area Talents for White, that hosted last February even Stella Jean, a cradle for young designers selected by the team of The White Club.

Guests of the section representing the showpiece of the association, Angeline Lee, the British designer who is inspired by the works of the sculptor Constantin Brancusi; Augustin Teboul, the brand of the German Annelie Augustin and the French Odély Teboul that have created a collection with strong déco accents: Caterina Gatta, the eclectic Roman designer with her fluo prints; Francesco Ballestrazzi, the visionary creator of decorated hats with gaudy parrots and majestic butterflies; Martina Spetlova, the Slovak designer who uses strings as if they were woolen threads, Shengwei Wang, Chinese transplanted to London, who is inspired by the Mexican painter Frida Kahlo; Steve J & Yoni P, the Korean brand that has made the search for functional futurism its stylistic feature; Steven Tai the intellectual Canadian nerd-designer who has created a collection with piles of fabric bound like a book and the Korean Suzanne Susceptible with garments mentioning the Italian tailoring and intriguing art oriented elements.

In the fashion trade area the special projects of the September edition with ad hoc fittings in impact spaces will be signed Care Label, with its famous haut de gamme jeans;  Cat’s by Tsumori Chisato that after last June’s success proposes once again at White its nice-price project;  Collection Privée?, with the capsule of bags carved as Wien straw; Faliero Sarti overlooking the the show from the top of his majestic craftsmanship, and Roberto del Carlo who will reveal at White his newborn rubber-project.

Great expectations for the brands debuting at the exhibition of Via Tortona, such as the Ukrainian Elena Burenina with her algebraic formulas added to blouses; Eugenio Vazzano, the Sicilian artisan of patches and of hand-made color who launches the Ortigia Sunset capsule collection; The Loser Project, with its exclusive pieces, handmade and high quality inspired by the aesthetics of the German Bauhaus school; Très Chic S.A.R.T.O.R.I.A.L. using brocades and silks of the ecclesial tradition for ultra-feminine tailored trousers; Numerozeta, with floating silk dresses with geometric lines, Ricostru, designed by Chinese designer Manchit Au and devoted to Shell, the goddess of the sea, that swims among prints of an abstract ocean.

This year’s White September edition also marks the important comeback of brands that are very appreciated by international buyers like the great Jean-Michel Cazabat, author of a footwear collection with a strong contemporary appeal, dMajuscule, the collection designed by the Serbian designer Davor Mutic that has changed to exquisitely feminine accents, modulated on “dummy style” garments, using skilled techniques for the development of origami and the Slovenian Lara Bohinc, with her new jewelry that assemble, into a set of great impact, the roughness of the metal to the grace of the South Seas pearls.

Among the confirmations of the show many hot contemporary international fashion brands, such as Norwegian Rain launching at White its first women’s collection of sartorial-hi-tech jackets; Eleonoraniccolai, winner of Inside White 2011; ELISANERO, a prestigious presence on the international avantgarde scene, Goti, with its best-sellers made in malleable metal, Hache, the collection designed by Manuela Arcari that is back in via Tortona 27 after the NY fashion shows; Masnada created by Cristina Galanti with exclusive designs and colors inspired by nature and Muehlbauer with its straw hats in shocking colors.

It grows numerically (there are 29 exhibitors in September) and is more and more emerging in terms of stylistic imprint Inside White, the section dedicated to fashion companies facing the market for the first time. Twenty-nine are the brands that will pass the scrutiny of a well known fashion designer, and the most voted will be guest at the next edition of the show with an individual space. Among the most awaited brands the British Alexander Smith London who has created a line of shoes with nuance and details in copper and the Italian Cherie’s Flakes with beachwear proposals weaving jewelry and blades of grass.

.-.-.-.

Milano, 22-24 settembre 2012
via Tortona 27
via Tortona 54
www.whiteshow.it

Un grande e prestigioso contenitore per i nuovi linguaggi della moda, ma anche una fucina per lo sviluppo delle aziende contemporary internazionali.

White Milano il salone di via Tortona 27 e 54 riafferma la sua leadership sulla scena fashion, focalizzando la sua ricerca sulle più interessanti realtà stilistiche provenienti da tutto il mondo, portando nella capitale della moda 360 collezioni di abbigliamento e accessori donna, su una superficie totale di 16mila metri quadrati. Sono 238 i brand italiani e 115 gli stranieri selezionati con criteri dettati dai codici che hanno imposto l’immagine e i contenuti del fashion-trade internazionale tra i top retailer: creatività, innovazione, ma anche cultura della tradizione e arte del fare.

I visitatori attesi nell’edizione di settembre 2012 sono 16mila, con un’affluenza di buyer internazionali provenienti in gran parte dal Far east che premiano, con la loro presenza, il lavoro svolto da White nei maggiori mercati asiatici.

Oltre all’area espositiva vera e propria White ha, com’è ormai consuetudine, organizzato con il patrocinio del Comune di Milano, due eventi che vanno ad arricchire il nutrito carnet, scritto da White nelle location storiche di Milano. L’appuntamento clou in programma venerdì 21 settembre alle ore 20,30, nella settecentesca Rotonda della Besana che riapre i suoi prestigiosi spazi dopo un accurato restyling, è la presentazione della collezione p/e 2013 di Stella Jean. La stilista italo-haitiana ha conquistato il fashion system con collezioni che evocano le due culture della sua terra: quella antica e sognatrice e quella moderna, proiettata al nuovo. I due opposti si uniscono in un ironico, coloratissimo mosaico che plasma una nuova femminilità.

A seguire, la sera di sabato 22 settembre alle 20,30, sempre alla Rotonda della Besana, l’evento di Uma Wang che ha scelto di nuovo White Milano quale palcoscenico d’eccezione per svelare una nuova stagione di successi. La stilista cinese, guest designer nello scorso febbraio a Palazzo Reale, si è imposta all’attenzione della stampa internazionale e dei multimarca top con le sue creazioni avantgarde che mescolano materiali differenti, rifiniti con criteri di alta couture.
http://www.umawang.com/

Entrambi gli eventi vedranno la partecipazione di un duo jazz di prestigio internazionale: il pianista Umberto Petrin e la cantante Carola Caruso.

Strategica per i progetti di sviluppo del salone milanese, l’area Talents for White che lo scorso febbraio ha ospitato anche Stella Jean. Ospiti della sezione che rappresenta il fiore all’occhiello dell’associazione The White Club, Angeline Lee, la designer inglese che si ispira alle opere dello scultore Constantin Brancusi; Augustin Teboul, il brand della tedesca Annelie Augustin e della francese Odély Teboul che hanno creato una collezione dai forti accenti déco; Caterina Gatta, l’eclettica stilista romana delle stampe fluo; Francesco Ballestrazzi, il visionario creatore di cappelli decorati con pappagalli sgargianti e maestose farfalle; Martina Spetlova, la stilista slovacca che usa lacci come fossero fili di lana; Shengwei Wang, cinese trapiantata a Londra che si è ispirata alla pittrice messicana Frida Kahlo; Steve J and Yoni P, il brand coreano che ha fatto della ricerca di futurismo funzionale il suo stilema; Steven Tai il designer canadese vincitore del festival di Hyeres che ha creato una collezione con pile di tessuto rilegate come un libro e la coreana Suzanne Susceptible con capi che citano la sartorialità italiana e intriganti elementi art oriented.

Nell’area del fashion trade gli special project dell’edizione di settembre con allestimenti curati ad hoc in spazi d’impatto saranno Care Label, con i suoi famosi jeans haut de gamme, Cat’s by Tsumori Chisato che dopo il successo dello scorso giugno ripropone a White il suo progetto nice-price, Collection Privée?, con la capsule di borse intagliate come paglia di Vienna, Faliero Sarti che domina il salone dall’alto della sua maestosa artigianalità e Roberto del Carlo che svelerà a White il suo neonato progetto-gomma.

Grande attesa per i brand al debutto nel salone di via Tortona come l’ucraina Elena Burenina con le sue formule algebriche sommate alle bluse; Eugenio Vazzano, l’artigiano siciliano delle pezze e del colore hand-made che lancia la capsule Ortigia Sunset; The Loser Project, con i suoi pezzi esclusivi, realizzati a mano e di alta qualità ispirati all’estetica della scuola tedesca Bauhaus; Très Chic S.A.R.T.O.R.I.A.L. che usa i broccati e le sete della tradizione ecclesiale per pantaloni sartoriali iperfemminili; Numerozeta, con gli abiti di seta fluttuante dalle linee geometriche e Ricostru, disegnata dallo stilista cinese Manchit Au e dedicata a Shell, la dea del mare che nuota tra le stampe di un oceano astratto.

L’edizione di White di settembre segna anche l’importante rentrée di marchi molto amati dai buyer internazionali come Jean-Michel Cazabat, autore di una collezione di calzature dal forte appeal contemporaneo, dMajuscule, la collezione disegnata dallo stilista serbo Davor Mutic che ha virato verso accenti squisitamente femminili, modulati su capi creati “a manichino”, utilizzando sapienti tecniche per lo sviluppo degli origami e l’inglese Lara Bohinc, con i nuovi gioielli che assemblano, in un insieme di grande impatto, la rudezza del metallo alla grazia delle perle dei mari del Sud.

Tra le riconferme del salone altrettanti marchi hot della moda contemporary internazionale, come Norwegian Rain che lancia a White la sua prima collezione donna di giacche sartorial-hi-tech; /Eleonoraniccolai, vincitrice dell’Inside White 2011; Elisanero, una presenza di prestigio sulla scena avantgarde internazionale, Goti, con i suoi best-seller di metallo plasmabile, Hache, la collezione disegnata da Manuela Arcari che torna in via Tortona 27 dopo le sfilate di New York; Masnada creato da Cristina Galanti con disegni esclusivi e colori ispirati alla natura e Muehlbauer i cappelli in paglia con colori shocking.

Sono 29 gli espositori di Inside White, la sezione dedicata alle aziende della moda che si affacciano per la prima volta sul mercato. Le collezioni passeranno al vaglio della giornalista di moda Michela Gattermayer e la più votata sarà ospite della prossima edizione del salone con uno spazio individuale. Tra i marchi più attesi l’inglese Alexander Smith London che ha creato una linea di calzature con nuance e dettagli in rame e l’italiano e Cherie’s Flakes con proposte beachwear che intrecciano gioielli e fili d’erba.

White Beauty si arricchisce di nuovi marchi che entrano a far parte dell’area più profumata del salone. Insieme alle presenze storiche della sezione dedicata alle fragranze artigianali come Bruno Acampora, Meo Fusciuni, Histories de parfums e Fiorirà un Giardino, debutta, tra gli altri, Paperself con i nuovi e divertenti maquillage pop-paper.

Con C.L.A.S.S., la sezione interamente dedicata alla moda eco-sostenibile, White mette in primo piano la green economy della moda, con collezioni di abbigliamento e accessori realizzate con materiali e criteri eco-etici, senza rinunciare al glamour e alla funzionalità. Tra gli espositori dell’area  Pachacuti, uno dei marchi più conosciuti in Uk,  fondato nel 1992 da Carry Somers per aiutare e supportare alcune comunità di donne sudamericane, economicamente e socialmente emarginate.

Numerose le iniziative culturali à coté del salone, organizzate per dare spazio alla creatività oltre la moda. Si comincia con Anime Ibride, la mostra fotografica curata da Clara Tosi Pamphili che segna l’inizio della collaborazione tra White e A.I.Artisanal Intelligence, la rassegna nata in seno ad AltaRoma (le sfilate haute couture di Roma) per promuovere, con un linguaggio contemporaneo, il giovane artigianato italiano.

I ritratti di Matteo Fumagalli, in arte Fumatto, un artista che dal 1976 vive e lavora a Milano, raccontano nella mostra Scratch’n Stripes, invece, le icone del nostro tempo attraverso due medium sicuramente contemporanei e altrettanto iconici: lo scotch e la penna Bic.

Un altro appuntamento di White con la scena artistica contemporanea italiana e internazionale è con Laura Zeni che presenterà la sua mostra Illuminazioni al Superstudio Più, in MyOwnGallery e art.box.

ANOTHER, ANOTHER MAN, DAZED&CONFUSED, DAZEDDIGITAL e ANOTHERMAG.COM sono le cinque testate giornalistiche che compongono l’edicola di White e che, con il loro team di fotografi e stylist realizzeranno servizi speciali tra le aree più cool del salone milanese

White non è solo più una vetrina internazionale” dichiara Massimiliano Bizzi, fondatore e presidente del salone “ma un’officina di creativi provenienti da tutto il mondo per i quali White Club, l’associazione nata per sostenere la moda contemporary, ha in serbo importanti progetti di sviluppo. Stiamo lavorando e investendo su nuove e interessanti realtà imprenditoriali, che come per il progetto Uma Wang abbiano i mezzi necessari per imporsi sul mercato. A cominciare dalla fornitura di tessuti italiani, per arrivare alla produzione, rigorosamente made in Italy e alla distribuzione veicolata attraverso canali internazionali. I nostri sforzi in termini di risorse umane e finanziarie non di poco conto vanno in una direzione che farà di White un polo di ricerca e sviluppo per la moda contemporary internazionale”.

UMA-WANG
UMA-WANG – collezione S/S 2013 – Rotonda della Besana, Milan

UMA WANG
Melancholy, dusk, romantic
Between the folds of a memory which perhaps is a dream.
Uma Wang designs a collection fascinated by a withered white rose. Beautiful when she lived by a pale light, distressing time with yellow velvet petals.
Forty outfits reminiscent divided into two tranches of color: black, sexy and austere, minimalist and bold; beige, “rice”, as the  Chinese designer calls it, available in three shades which faithfully reproduce the withered petals of a délabré queen.
Covering her body with oversized clothes, taken on the sides or in the calves by intriguing drawstring.
The pants are made of linen and stretch cotton as a second – skin model to be combined with unstructured jackets, version sarouel, instead, opt for silk washed and treated to become an element that adds fluidity and precision.
Between the rice and the black tank tops, little dresses of silk obtained shoring up the porous surface with special needles, sprouting backward flowers, a fantasy chosen by Uma Wang for the personal withered garden.
“It’s the time that passes, a fascinating series because inevitable, the life that flows in an intriguing memory”.

Fort further information: Raffaella Imò – Press Office and Pr Manager White – raffaella.imo@whitepress.it

UMA WANG – Primavera-estate 2013
Melanconia, crepuscolare, romantica
Tra le pieghe di un ricordo che forse è un sogno.
Uma Wang disegna una collezione affascinata da una rosa bianca appassita. Bellissima quando vive di luce sfacciata, struggente nel tempo che ingiallisce i suoi petali di velluto.
Quanta outfit di sobria reminiscenza divisa in due tranche di colore: il nero, sexy e austero, minimal e audace; il beige anzi, il “riso”, come lo chiama la designer cinese, declinato in tre nuance che riproducono fedelmente le corolle avvizzite di una regina délabré.
Che copre il suo corpo con abiti oversize, ripresi sui lati o ai polpacci da intriganti coulisse.
I pantaloni sono di lino e cotone stretch nel modello second – skin da abbinare alle giacche destrutturate; nella versione sarouel, invece, scelgono la seta lavata e trattata per diventare un elemento che aggiunge fluidità e rigore.
Tra il riso e il nero delle canotte di fettuccia tricot, dei little dress di seta porosa ottenuta puntellando la superficie con aghi speciali, spuntano i fiori, a rovescio, di una fantasia scelta da Uma Wang per il suo personalissimo giardino sfiorito.
“E’ il tempo che passa, un ciclo affascinante perchè ineluttabile, la vita che corre in un’intrigante memoria”.

WHITE EVENTS
presenta
22 SETTEMBRE 2012 | H 20:30
LOCATION: Rotonda della Besana – Via E. Besana, 15 | Milan | ITALY
UMA WANG fashion show – https://www.facebook.com/events/313725342059603/

UMA WANG FASHION SHOW
WOMEN’S S/S 2013 COLLECTION

Il 22 settembre 2012 Uma Wang presenterà dalle 20:30 nella suggestiva location della Rotonda della Besana la sua collezione S/S 2013. Solo su invito. R.S.V.P.
Press Office White – Raffaella Imò raffaella.imo@whitepress.it
Buyer Office White – Valentina Muzzarelli buyer@whiteshow.it

Photogallery del fotoreporter Marco Giordano Riboli http://www.bunkher10.com/public/moda-donna-2013/index.htm

Position the cursor on the images to view captions, click on images to enlarge them. 

Posizionare il cursore sulle immagini per leggere le didascalie; cliccare sulle immagini per ingrandirle.

Previous post

ANTAL LAKNER: WORKSTATION - LUDWIG MUSEUM - BUDAPEST

Next post

FLAVIO LUCCHINI - PALAZZO DUCALE - SABBIONETA

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *