EventsROMEvideo film & live performances

PERFORMANCE TAXXI – MAXXI

TAXXI
Moving bodies and vehicles sheltered from contemporary acid rains
A participatory performance

Taxxi drivers: Petra Arndt, Ali Assaf, Myriam Laplante, Ilaria Loquenzi, Branislav Petric, Ganni Piacentini
Operator: Myriam Laplante
Spare tires: artisti§innocenti
Horn: Dragan Matić
from riders to drivers: TAXXI workshop participants
insurance policy: MAXXI Educational Department

October 15th 2011, 6 pm
MAXXI – Museo delle arti del XXI secolo
www.fondazionemaxxi.it

Saturday October 15th at 6 PM, 6 artists together with a group of 60 workshop participants will take over the MAXXI space with a participative performance, an experiment in role reversal: passive visitors will be actively involved in the making of the event.
This is TAXXI, an event that will conclude a project by the MAXXI Educational Department, curated by Myriam Laplante and developed with Petra Arndt, Ali Assaf, Myriam Laplante, Ilaria Loquenzi, Branislav Petric, Ganni Piacentini.
TAXXI will be take over the museum’s open spaces (entrance hall, stairway, public square). The final collective event will be created through a collection of performance, video, installation and sound pieces elaborated during the workshop.

According to the artists, “the project’s aim is to show that the viewers’ point of view on the Art System is legitimate and that a museum is not a temple reserved for the initiates. On board the virtual TAXXI, the participant visitors will gain a new perception of the museum space, no longer as passengers but as independent drivers.”

This project has involved ordinary people and artists in the creation of a collaborative event that questions the boundaries between producers and consumers of culture. Through this workshop, a mixed group of participants had a chance to familiarize with the spectacular spaces of MAXXI and with contemporary art practices.

TAXXI is part of the Education Department artist workshop program started in 2010 with Cesare Pietroiusti’s project with a mentally disabled group. During 2011 and 2012, the program will deal with contemporary thought through the involvement of important artists and architects.

In collaboration with Cooperativa Radio Taxi 3570.
Il Gioco del Lotto supports the MAXXI educational activities.
TAXXI artists biographies

Ali Assaf
Born in Bassora (Iraq) in 1950. Studied at the Fine Arts Academy in Baghdad and in Rome, where he graduated in 1977. He has been living in Rome since then. Since 1970 his work was shown in many solo and group exhibitions in Italy, Europe, North Africa and the Middle East. Among others: XIII Biennale d’Arte Sacra Contemporanea, Museo Staurós, Isola del Gran Sasso; 11th International Cairo Biennale, Cairo, Egitto; Gulf Film Festival, Dubai 2009; Roma, The Road to Contemporary Art, MACRO Testaccio, Rome 2011; his work is currently in the Iraq Pavilion in the  54th Venice Biennale, 2011.

Petra Arndt
Born in 1959 in Marburg (Germany), after living in Berlin for some years, she now lives and works in Rome. She studied Art and Literature in Bonn and Aachen. Starting as a painter, she now works in installation and video. After a somersault on the  central crater of the Etna (1998 Tracce-Spuren, Rifugio Sapienza (Etna) and Ex-Falegnameria (Catania), she started working with performance. Since 1995 she has made site specific work with different artist collectives, and video projects.

Myriam Laplante
Born in Bangladesh in 1954, she lives and works in Rome and Bevagna since 1985. She has been working for years with photography, sculpture, installation and performance.
Her works are in the public collections: Galleria Nazionale d’Arte Moderna (Rome), MACRO (Rome), Musée du Québec (Québec) and National Museum of Photography (Ottawa).
She has performed and exhibited in many museums, festivals and galleries in Europe, North America and Asia.

Ilaria Loquenzi
Born in Rome in 1976 where she lives and works. She has created site-specific works in Italy and in Rotterdam, at the International Centre fro Contemporary Art; in Belfast, at the Golden Thread Gallery; in New York, at BETA space – Arts in Bushwick. In the Museo Pietro Canonica in Rome, Flash Art Museum in Trevi (PG), in the Ex Scuderie di Palazzo Farnese in Caprarola and at the Accademia di San Luca in Rome. She works with drawing, photography, installation, video and performance, paying constant attention to space and the relationship with the viewer as both an intimate and social being.

Branislav Petric
Born in Novi Sad (Serbia) in 1959. Graduated in 1983 at the Novi Sad Fine Arts Academy and has been living in Rome since 1991. In the ‘80s he was part of the group Emisao. He has collaborated with composer Boris Kovec at the creation of various multimedia projects. His works have been shown in ex-Yugoslavia, France, Canada, Germany, Austria, Czecho-Slovakia, Hungary, Italy. He is now creating multimedia projects with Stanisa Dautovic and the group Happy Trash Productions.

Ganni Piacentini
Born in Rome nel 1962, he will die in Peterhead in 2016. He works in the service industry, resolute after a phase of white art, to work in apparent indifference under the reflectors of a closed circuit camera that is turned off. He only dedicates his left hand to major art, ready to hide it together with the stone. He founded artisti§innocenti a group of artists and ordinary people who improvise operetta. Among his projects: Lubris (performance and installation on the theme of tabagism), Ricreazione (improbable group show of a multiple factitious bogus laboratory), Partita Bianca (a soccer game with two teams wearing the same white uniform).

Collective projects involving some of the artists :
Parzialmente Stremati, Villaggio Globale, Roma 1994; Quattro artisti per Palazzo Modica, Palazzo Modica, Scordia (Catania) 1995; Ingerenze, rialtosantambrogio, Roma 2002; Visual Music, Galleria Mexx, Dortmund e remake a Berlino e Bonn 2004; Moscio, rialtosantambrogio, Roma 2005; Miracoli-Wunder, Hildesheim 2007; Comitato di Salute Pubblica, Duncan3.0, Roma 2007; White Niggers Dinner (Eclettica), Casale della Cerveletta, Roma 2010.

artisti§innocenti
…is a group of artists and ordinary people. Since 2005 artisti§innocenti have produced minimal events in festivals and exhibition contexts: dramatization of moral operettas, amateur theatre as a result of a renewed and subterranean ritual tension stemming from the history of performance art. Their name is based on a supposed ingenuousness, or social irresponsibility in art (like Pascoli’s boy)  attempting to fall freely as a dead weight up in the sky.

.-.-.-.

TAXXI
Movimento di corpi e mezzi al riparo dalle piogge acide contemporanee
Performance artistica condivisa

alla guida i taxxisti: Petra Arndt, Ali Assaf, Myriam Laplante, Ilaria Loquenzi, Branislav Petric, Ganni Piacentini
alla centrale: Myriam Laplante
ruote di scorta: artisti§innocenti
clacson: Dragan Matić
da passeggeri ad autisti: i partecipanti al workshop TAXXI
polizza assicurativa: Dipartimento educazione del MAXXI

15 ottobre 2011 ore 18.00
MAXXI – Museo delle arti del XXI secolo
www.fondazionemaxxi.it

Sabato 15 ottobre alle ore 18.00, 6 artisti insieme a un gruppo di 60 persone prenderanno possesso degli spazi del MAXXI con una performance condivisa per sperimentare un’inversione di ruoli: da visitatori passivi a visitatori attivi e compartecipi.

E’ TAXXI, evento conclusivo di un progetto del Dipartimento educazione del museo, a cura di Myriam Laplante, ideato e realizzato da Petra Arndt, Ali Assaf, Myriam Laplante, Ilaria Loquenzi, Branislav Petric, Ganni Piacentini.

La performance gratuita TAXXI sarà basata su una ideale appropriazione degli ambienti, coinvolgendo gli spazi aperti al pubblico del museo (l’ingresso, le scale, la piazza). Azioni, tableaux vivants, video e suoni elaborati durante i workshop creeranno un’installazione collettiva performativa e sonora.

“Il progetto – dichiarano gli artisti – intende dimostrare che il punto di vista dello spettatore su quello che si dice sia il sistema dell’Arte è legittimo, e soprattutto che il museo non è un tempio riservato agli iniziati. A bordo del TAXXI virtuale il visitatore acquisirà una nuova percezione dello spazio del museo. Da passeggero ad autista indipendente”.

Il progetto ha coinvolto persone comuni e artisti nella realizzazione di un evento corale capace di mettere in discussione i confini tra i produttori e i fruitori della cultura. Il workshop ha permesso a un pubblico eterogeneo di prendere familiarità con gli spazi spettacolari del MAXXI e con le pratiche artistiche contemporanee.

TAXXI fa parte del programma di workshop d’artista che il Dipartimento educazione ha avviato nel 2010 con Cesare Pietroiusti nell’ambito del progetto rivolto a persone con disagio mentale. Per il 2011 e il 2012, il programma vedrà coinvolti importanti artisti e architetti, per scoprire in presa diretta il pensiero contemporaneo.

Sponsor tecnico Cooperativa Radio Taxi 3570.
Il Gioco del Lotto è partner delle attività educative del MAXXI.


CURRICULA VITAE degli artisti di TAXXI

Ali Assaf
Nato a Bassora (Iraq) nel 1950. Diplomato all’Istituto di Belle Arti di Baghdad nel 1973, e all’Accademia di Belle Arti di Roma nel 1977 e da allora vive e lavora a Roma. Dal 1970 ad oggi ha realizzato mostre personali e ha partecipato a diverse esposizioni collettive in numerose città italiane, europee, nord africane e medio orientali. Tra le ultime: XIII Biennale d’Arte Sacra Contemporanea, Museo Staurós, Isola del Gran Sasso; 11th International Cairo Biennale, Cairo, Egitto; Gulf Film Festival, Dubai 2009; Roma, The Road to Contemporary Art, MACRO Testaccio, Roma 2011; è presente nel Padiglione dell’Iraq come artista e commissario nella 54. Esposizione Internazionale d’Arte, Venezia.

Petra Arndt
Nata nel 1959 a Marburg (Germania), dopo una lunga permanenza a Berlino, attualmente vive a Roma. Ha studiato Arte e Lettere a Bonn e Aquisgrana. Inizia come pittrice, poi passa all’istallazione, al video e con una capriola sul cratere centrale dell’Etna (1998 Tracce-Spuren, Rifugio Sapienza (Etna) e Ex-Falegnameria (Catania), passa alla performance. Dal 1995 fa interventi site specific con vari collettivi di artisti e progetti video .

Myriam Laplante
Nata in Bangladesh nel 1954, vive e lavora a Roma e Bevagna dal 1985. Da anni si dedica alla pittura, alla fotografia, alla scultura, all’installazione e alla performance.
I suoi lavori sono nelle collezioni della Galleria Nazionale d’Arte Moderna, MACRO, Musée du Québec e Musée National de la Photographie (Ottawa).
Le sue performances sono state presentate in numerosi musei, festivals e gallerie¬ in Europa, Nord America e Asia.
Ilaria Loquenzi
Nata a Roma nel 1976, vive e lavora a Roma. Oltre ad aver creato lavori on-site specific in varie regioni d’Italia, i suoi lavori sono stati esposti anche a Rotterdam, presso il Centro Internazionale per l’Arte Contemporanea; a Belfast, presso la Golden Thread Gallery; a New York, presso BETA space – Arts in Bushwick. Presso il Museo Pietro Canonica a Roma, il Flash Art Museum di Trevi (PG), nelle Ex Scuderie di Palazzo Farnese a Caprarola e presso l’Accademia di San Luca a Roma. Le sue opere, che spaziano tra il disegno, la fotografia, l’installazione, la video installazione e la performance, sono caratterizzate da una attenzione costante allo spazio espositivo e al rapporto con lo spettatore, sia nella sua intimità che nel suo essere parte della società.

Branislav Petric
Nato a Novi Sad (Serbia) nel 1959. Laureato nel 1983 presso l’Accademia di Belle Arti di Novi Sad e vive a Roma dal 1991. Negli anni ottanta faceva parte del gruppo Emisao. Ha collaborato con il compositore Boris Kovec a vari progetti multimediali. I suoi lavori sono stati presentati in ex-Jugoslavia, Francia, Canada, Germania, Austria, Cecoslovacchia, Ungheria, Italia. Attualmente collabora con Stanisa Dautovic e il gruppo Happy Trash Productions alla creazione di installazioni multimediali.

Ganni Piacentini
Nato a Roma nel 1962, morirà a Peterhead nel 2016. Impiegato del terziario avanzato, da anni risolto, dopo una fase di arte bianca, a un lavoro che lo fa stare, con sua probabile indifferenza, sotto i riflettori di una telecamera a circuito chiuso con plusante sull’off. Dedica alle arti maggiori la sola mano sinistra e poi la nasconde insieme al sassolino. Ha fondato artisti§innocenti gruppo di artisti e gente comune che improvvisa operette.Tra i suoi progetti: Iubris (performance e intervento installativo intorno al tabagismo), Ricreazione (collettiva improbabile di un laboratorio multiplo artificioso e fasullo), PARTITA BIANCA (incontro di calcio tra due squadre con la stessa divisa bianca).

Progetti elaborati negli anni in collaborazione tra gli artisti :
Parzialmente Stremati, Villaggio Globale, Roma 1994; Quattro artisti per Palazzo Modica, Palazzo Modica, Scordia (Catania) 1995; Ingerenze, rialtosantambrogio, Roma 2002; Visual Music, Galleria Mexx, Dortmund e remake a Berlino e Bonn 2004; Moscio, rialtosantambrogio, Roma 2005; Miracoli-Wunder, Hildesheim 2007; Comitato di Salute Pubblica, Duncan3.0, Roma 2007; White Niggers Dinner (Eclettica), Casale della Cerveletta, Roma 2010.

artisti§innocenti
…è un gruppo performativo composto da artisti e gente comune.
Dal 2005 gli artisti§innocenti operano producendo soprattutto per festival e contesti espositivi, eventi minimi che coniugano vari generi: dalla drammatizzazione di operette morali al teatro dilettantistico sviluppati come esito popolare e accessibile di una rinnovata ma sotterranea tensione rituale proveniente dalla performance storica. Il loro nome si rifà ad una supposta ingenuità e perfino all’irresponsabilità sociale dell’arte (si ricorda il Fanciullino del Pascoli?) tentando così, liberati dai vincoli di ciò che si impone, di cadere di peso in cielo.

http://www.facebook.com/notes/maxxi-museo-nazionale-delle-arti-del-xxi-secolo/taxxi_movimento-di-corpi-e-mezzi-al-riparo-dalle-piogge-acide-contemporanee/10150352343651250

Previous post

MATARAZZO, PERINO AND VELE - VIDEO SU CARTA, ARTECINEMA - NAPLE

Next post

ARTE POVERA INTERNATIONAL - PHOTOGALLERY - CASTELLO DI RIVOLI

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *