MARINA ABRAMOVIĆ – THE ABRAMOVIĆ METHOD – PAC – MILAN

MARINA ABRAMOVIĆ
The Abramović Method
Curated by Diego Sileo and Eugenio Viola
21 march – 10 june 2012
PAC Padiglione d’Arte Contemporanea

Marina Abramović returns to Milan with a new work conceived for the PAC Contemporary Art Pavilion

The PAC in Milan is the venue chosen by Marina Abramović to host her eagerly awaited new work – the first after the major retrospective of 2010 at the MoMA, New York – from 21 March to 10 June 2012.

Promoted by the Milan Department of Culture, Fashion and Design and jointly produced by the PAC Padiglione d’Arte Contemporanea and 24 ORE Cultura–Gruppo 24 ORE, the event is curated by Diego Sileo and Eugenio Viola.

THE ABRAMOVIC METHOD, PAC Milano 2012, © Laura Ferrari

THE ABRAMOVIC METHOD, PAC Milano 2012, © Laura Ferrari

An icon of every form of expression connected with the body, Marina Abramović is one of the most fascinating and magnetic figures of our time and one whose artisticexistential trajectory is indivisibly linked to the very history of performance. A pioneer of this art back in the 1970s and winner of the Golden Lion at the 1997 Venice Biennial, she has often gone beyond her physical and psychological limits, endangered her personal safety, shattered frameworks and conventions, and probed deeply into her own fears and those of her spectators, bringing art into contact with physical and emotional experience, and connecting it with life itself.

The Abramović Method is born out of reflections developed by Marina Abramović on the basis of her last three performances, The House With the Ocean View (2002), Seven Easy Pieces (2005) and The Artist is Present (2010), experiences that have left a deep imprint on her perception of her work in relation to the public.

“In my experience, as developed in a career of over 40 years, I have arrived at the conclusion that the public plays a very important and indeed crucial role in performance,” she explains. “The performance has no meaning without the public because, as Duchamp said, it is the public that completes the work of art. In the case of performance, I would say that public and performer are not only complementary but almost inseparable.”

It will thus be the public, guided and prompted by the artist, that experiences her “interactive installations” in The Abramović Method. These works cast different mineral embedded – quartz, amethyst turmaline – with which the public will have the opportunity to interact, standing, sitting or lying down. A physical and mental pathway that transforms the spaces of the PAC into an experience made up of darkness and light, absence and presence, and altered perceptions of space and time. A pathway offering people the chance to expand their senses, to observe, and to learn to listen, both to others and to themselves.

In order to emphasize the ambivalent role of observer and observed, actor and spectator, Marina Abramović has chosen to put the public to the test also in the apparently simple action of observation at a distance, providing a series of telescopes for visitors to look at the macro and micro point of views those who decide to tackle the interactive installations.

This is the “Abramović Method” with which the artist has experimented on herself in years of iron self-control and dedication, a process that reached its peak in the exhausting performance The Artist is Present at the MoMA (2010), 2010), in which she performed daily during public hours. For this longest solo piece to date, she was sitted in silence at a table, inviting visitors to take the seat across from her for as long as they choose within the timeframe of the museum’s hours of operation. She did not respond to the participants,but their involvement completed the work, allowing them to have a personal experience with the artist and the performance piece itself.

A monumental installation, proposed for the first time in Italy, will rebuild this memorable action , welcoming the visitors and in the mean time, introducing the scenario of the Abramović Method.

This method is born out of awareness that the act of performance is capable of bringing about a radical transformation both in the performer and in the public. In an age when time is truly precious but also truly rare, Marina Abramović calls upon the actor and spectators to stop and experience the “here and now” of what regards them first and foremost: themselves and their way of relating to their surrounding world.

Visitors will be helped to attain a deeper understanding of the Abramović method by a selection of previous works, from Dozing Consciousness (1997) to Homage to Saint Therese (2009), based on the same principles and the same untiring pursuit of an “energetic” expansion of perception capable of combining age-old wisdom and traditions with contemporary reality.

The catalogue, edited by Diego Sileo and Eugenio Viola, will be published by 24 ORE Cultura–Gruppo 24 ORE in two volumes. The first will feature all the performances staged in Italy by Marina Abramović. Created at different stages in her 40-year career, these works bear witness to her special relationship with Italy, which has hosted some of her most famous, courageous, innovative and celebrated performances. From the debut in Rome with Rhythm 10 (1973) to Rhythm 4 (1974), the only performance in Milan, from the dangerous Rhythm 0 (Naples 1974) to the challenging Imponderabilia (Bologna, 1977), from Balkan Baroque (1997), winner of the Venice Biennial Golden Lion, to the agonizing Mambo a Marienbad (Volterra, 2001) and so many others. The second will instead focus exclusively on the entire process leading up to the forging of the Abramović method and include all the salient phases, from the staging of the event to the direct experience of those privileged to enjoy this overview of the unique method of creating performance art that has made Marina Abramović one of the most important artists of our time.

The exhibitions of the PAC are held on an annual basis with support from TOD’S.

As Antonio Scuderi, managing director of 24 ORE Cultura, explains, “After the great success of the exhibition ‘Artemisia Gentileschi. The History of a Passion’ at the Palazzo Reale, Milan, it was with huge enthusiasm that our organization took up this new challenge of co-producing another unique event, this time featuring a major figure in contemporary art.”

The Abramović Method will be accompanied in Milan by a number of key events:
Tuesday, 20 March, Galleria Lia Rumma: inauguration of With Eyes Closed I See Happiness, a series of works by Marina Abramović offering insight into her method Thursday, 22 March, Cinema Apollo, Milan: national preview of the film Marina Abramović. The Artist is Present, directed by Matthew Akers, produced by the American network HBO and distributed in Italy by GA&A Productions and Feltrinelli.

Follow The Abramovic Method:
AbramovicMethod (abramovicmethod) on Twitter
Facebook https://www.facebook.com/pacmilano
Vimeo http://vimeo.com/abramovicmethod
Info: www.theabramovicmethod.it

 

MARINA ABRAMOVIĆ
The Abramović Method
a cura di Diego Sileo ed Eugenio Viola
21 marzo – 10 giugno 2012
PAC Padiglione d’Arte Contemporanea

Marina Abramović torna a Milano con un nuovo lavoro ideato per il PAC – Padiglione d’Arte Contemporanea

Il PAC di Milano, dal 21 marzo al 10 giugno 2012, è lo spazio espositivo prescelto da Marina Abramović per il suo nuovo attesissimo lavoro, il primo dopo la grande retrospettiva del 2010 al MoMA di New York.
L’evento, promosso dall’Assessorato alla Cultura, Moda e Design del Comune di Milano e prodotto dal PAC Padiglione d’Arte Contemporanea e da 24 ORE Cultura – Gruppo 24 ORE, è curato da Diego Sileo ed Eugenio Viola.
Icona di tutte le forme di espressività legate al corpo, Marina Abramović è oggi uno dei protagonisti più affascinanti e magnetici del nostro tempo, dalla cui vicenda artistico-esistenziale è imprescindibile la storia stessa delle arti performative. Pioniera della performance dagli anni ’70, premiata con il Leone d’Oro alla Biennale del 1997, l’artista ha spesso superato i propri limiti fisici e psicologici, ha messo in pericolo la sua incolumità, infranto schemi e convenzioni, scavato nelle proprie paure e in quelle di chi la osservava, portando l’arte a contatto con l’esperienza fisica ed emotiva, collegandola alla vita stessa.

The Abramović Method nasce da una riflessione che Marina Abramović ha sviluppato partendo dalle sue ultime tre performance: The House With the Ocean View (2002), Seven Easy Pieces (2005) e The Artist is Present (2010), esperienze che hanno segnato profondamente il suo modo di percepire il proprio lavoro in rapporto al pubblico.

“Nella mia esperienza, maturata in quaranta anni di carriera, sono arrivata alla conclusione che il pubblico gioca un ruolo molto importante, direi cruciale, nella performance”, dichiara Marina Abramović. “Senza il pubblico, la performance non ha alcun senso perché, come sosteneva Duchamp, è il pubblico a completare l’opera d’arte. Nel caso della performance, direi che pubblico e performer non sono solo complementari, ma quasi inseparabili”.

Con The Abramović Method sarà proprio il pubblico, guidato e motivato dall’artista, a vivere e sperimentare le sue “installazioni interattive”. Le opere – con cui il pubblico potrà interagire rimanendo in piedi, seduto o sdraiato – sono impreziosite da vari minerali: quarzo, ametista, tormalina. Un percorso fisico e mentale che trasforma gli spazi del PAC in un’esperienza fatta di buio e luce, assenza e presenza, percezioni spazio-temporali alterate. Un percorso dove le persone potranno espandere i propri sensi, osservare, imparare ad ascoltare e ad ascoltarsi.

Per enfatizzare il ruolo ambivalente di osservatore e osservato, di attore e spettatore, Marina Abramović ha scelto di mettere alla prova il pubblico anche nell’atto apparentemente semplice dell’osservazione distante: una serie di telescopi permetteranno ai visitatori di osservare dal punto di vista macroscopico e microscopico coloro i quali sceglieranno di cimentarsi con le interactive installations.

È questo il “Metodo Abramović”, che l’artista ha sperimentato su se stessa in anni di dedizione e ferreo autocontrollo. Un processo il cui acme è rappresentato dall’estenuante performance realizzata al MoMA nel 2010, dal titolo The Artist is Present. In questa pièce, il più lungo assolo realizzato da Abramović finora, l’artista si esibiva ogni giorno nelle ore di apertura del museo: seduta in assoluto silenzio a un tavolo nell’atrio, invitava i visitatori a sedersi di fronte a lei per tutto il tempo desiderato, nell’ambito degli orari del museo. L’artista non aveva alcuna reazione di fronte ai partecipanti, tuttavia il loro coinvolgimento costituiva il completamento dell’opera, permettendo loro di vivere un’esperienza personale con l’artista e con la performance stessa.
Un’installazione monumentale, proposta per la prima volta in Italia, ricostruirà questa performance memorabile, accogliendo i visitatori e al tempo stesso introducendo lo scenario del “Metodo Abramović”.

Questo metodo è nato dalla consapevolezza che l’atto performativo è in grado di operare una trasformazione profonda in chi lo produce, ma anche nel pubblico che lo osserva. In un’epoca in cui il tempo è un bene davvero prezioso, ma altrettanto raro, Marina Abramović chiede allo spettatore/attore di fermarsi e fare esperienza del “qui e ora”, di ciò che prima di tutto lo riguarda: se stesso e il modo di relazionarsi con ciò
che lo circonda.

Una selezione di opere del passato che ne condividono gli stessi principi, aiuterà i visitatori ad approfondire il “Metodo Abramović”. Da Dozing Consciousness (1997) a Homage to Saint Therese (2009), i suoi lavori sono accomunati dalla ricerca instancabile di un’espansione “energetica” della percezione, che contamina tradizioni e saggezze arcaiche con la realtà contemporanea.

Il catalogo, a cura di Diego Sileo ed Eugenio Viola è pubblicato da 24 ORE Cultura – Gruppo 24 ORE. L’opera sarà pubblicata in due volumi. Il primo conterrà le performance realizzate in Italia da Marina Abramović. Un gruppo di opere che si snoda lungo quarant’anni di carriera a testimoniare il rapporto privilegiato che l’artista ha avuto con il nostro paese, dove ha realizzato alcuni dei suoi lavori più famosi, più coraggiosi, più innovativi nonché i più celebrati. Dall’esordio romano con Rhythm 10 (1973) all’unica performance milanese, Rhythm 4 (1974), dalla pericolosa Rhythm 0 realizzata a Napoli nello stesso anno alla provocatoria Imponderabilia (Bologna, 1977), dal Leone d’Oro veneziano di Balkan Baroque (1997) alla struggente Mambo a Marienbad (Volterra, 2001) e a tanti altri ancora. Il secondo invece, sarà incentrato unicamente su tutto il processo che ha portato alla realizzazione del “Metodo Abramović” e includerà tutte le sue fasi di realizzazione, dall’allestimento all’esperienza diretta di chi avrà la fortuna di ripercorrere quel metodo unico del fare arte performativa, che ha reso Marina Abramović una tra le artiste più rappresentative del nostro tempo.

L’attività espositiva del PAC è realizzata annualmente grazie al sostegno di TOD’S.

«La mostra» dichiara Antonio Scuderi, amministratore delegato di 24 ORE Cultura «è coprodotta dalla nostra società che raccoglie con molto entusiasmo una nuova sfida, dopo il grande successo di “Artemisia Gentileschi. Storia di una passione” a Palazzo Reale di Milano, presentando un altro evento unico questa volta con la protagonista dell’arte contemporanea».

A Milano “il Metodo Abramović” si articolerà anche in alcuni imperdibili appuntamenti:

Martedì 20 marzo, presso la Galleria Lia Rumma, inaugurerà una seconda mostra di Marina Abramović dal titolo With Eyes Closed I See Happiness, i cui lavori offrono una sorta di chiave di lettura del suo “Metodo”.
Giovedì 22 marzo, al cinema Apollo di Milano, sarà presentato in anteprima nazionale il film “Marina Abramović. The Artist is Present”, diretto da Matthew Akers, prodotto dalla rete americana HBO e distribuito in Italia da GA&A Productions e Feltrinelli.

Segui The Abramovic Method:
Twitter @AbramovicMethod #abramovicmethod
Facebook https://www.facebook.com/pacmilano
Vimeo http://vimeo.com/abramovicmethod
Info: www.theabramovicmethod.com

Position the cursor on the images to view captions, click on images to enlarge them. 

Posizionare il cursore sulle immagini per leggere le didascalie; cliccare sulle immagini per ingrandirle.